Libero

VolontariUmani

  • Donna
  • 49
  • Massa
Leone

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 6

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita VolontariUmani a scrivere un Post!

Mi descrivo

Aderite qui : http://www.facebook.com/?ref=home#!/event.php?eid=150843218271740&ref=notif¬if_t=event_wall#wall_posts

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. il rispetto
  2. per la
  3. vita

Tre cose che odio

  1. violenza
  2. barbarie
  3. inciviltà

Abbiamo bisogno di TE, di te che leggi distratto e non sai quanto potrebbe essere importante la tua voce, la tua firma, la tua voglia di difendere il diritto alla vita di tante creature innocenti...fermati un attimo e pensaci... noi siamo qui, ed aspettiamo te.
CI TROVI SU FACEBOOK, digita sulla barra di ricerca ADESIONE ALL'ESERCITO DEI VOLONTARI UMANI

L'esercito dei volontari umani nasce come protesta contro la decisione presa dal Parlamento Europeo di accettare la delibera 86/609 che consente l'utilizzo di animali vaganti, comprendendo cani, gatti e qualunque specie animale, anche protetta, catturata nel suo habitat naturale, al fine di sperimentazione definita scientifica, ma maggiormente definibile orrenda e crudele vivisezione.
E' ormai noto ai più, ma non alla maggioranza... dei Parlamentari Europei, che la ricerca su organismi animali non solo è una triste manifestazione della barbarie umana, ma è anche del tutto inutile poichè non attendibile, coinvolgendo esseri biologicamente diversi.
Inoltre esiste una via differente che porta la scienza verso un progresso reale, verso un orizzonte molto più valido che apre davvero a scoperte interessanti per il genere umano: la sperimentazione in vitro.
Si tratta di una tecnica ben più attendibile, già diffusa ampiamente negli Stati Uniti, dove moltissimi, troppi, ricercatori italiani sono costretti ad andare per trovare validi, seri e morali laboratori di ricerca, che utilizza tessuti di origine umana, riprodotti in vitro, che diventano il vero terreno fertile per sperimentazioni che possono avere un senso e dare un risultato significativo.


Che interesse può avere la scienza nel compiere atroci esperimenti su creature tanto diverse dall'uomo? Che senso ha mutilarle, sezionarle, compiere sullo stesso animale diversi esperimenti se la sogllia del dolore viene considerata (da chi?) moderata? Dove sta l'utilità di aprire un torace senza fare alcuna anestesia e senza dare alcun supporto antidolorifico? Quale progresso è nascosto nel fare esaurire (morire) un soggetto (essere vivente) attraverso prove da sforzo imposto (come il nuoto forzato) fino allo stremo delle forze? Come è possibile che si chiami scienza la possibilità di catturare e decimare specie protette e in via di estinzione? Perchè è prioritario l'interesse delle case farmaceutiche di fronte al rispetto alla vita? Dove è finita la civiltà del genere umano?
A queste domande ognuno di noi, di voi, è in grado di dare una risposta.
L'esercito di volontari umani risponde con i fatti a questa oscena delibera approvata dal parlamento Europeo, i cui membri italiani non hanno neppure ritenuto di doversi informare prima di decidere per il nulla osta, scendendo in campo in massa.
L'aggregazione non è solo un appuntamento in piazza per le manifestazioni del 25 settembre, ma è anche il grido di protesta di centinaia, migliaia di persone che offrono volontariamente se stesse per questa inutile e folle sperimentazione.
Gli animali non possono sapere, non possono scegliere, non hanno il libero arbitrio, gli essere umani si.
E come esseri umani ricchi di una morale e di un rispetto solido nei confronti dei principi che sono alla base dell'evoluzione della civiltà, noi offriamo noi stessi al posto delle creature ignare ed innocenti che inutilmente sono state vivisezionate finora, nel numero di circa 12 milioni l'anno.


Che l'uomo si confronti con l'uomo, che l'uomo sperimenti sui suoi simili, che si comprenda come questi orrori non devono avvenire tra le mura chiuse di orrendi laboratori dove non c'è voce per chi soffre, che la mano crudele si avventi contro suoi pari e non contro esseri indifesi.
Sua maestà l'uomo, il più pericoloso essere vivente, animato da sete di guadagno, di successo, di antagonismo, di perfidia, di sadismo, e di mille altre caratteristiche che lo rendono troppo spesso indegno di rispetto, deve imparare a conoscere e rispettare il valore della vita.
La scienza è progresso, non regresso. Con questa delibera l'Italia regredisce di ventanni nella legislatura a tutela degli animali e viene spontaneo chiedersi se sia più importante andare davvero avanti con la ricerca, sia nella battaglia alle malattie, sia nella ricerca di nuove vie terapeutiche, di nuove sostanze utili, oppure se dobbiamo tutti sottostare agli interessi abnormi di pochi senza poter neppure obiettare se i nostri parlamentari approvano un qualcosa che nemmeno conoscono.
I volontari umani non ci stanno.
Invitano tutti a firmare le petizioni on line, sia quella della LEAL, Lega antiviviezione, sia il Manifesto della coscienza animale di Umberto Veronesi e del ministro Brambilla e scendono in piazza per offrirsi volontariamente contro i vivisettori.
La mattanza deve finire!

MI OFFRO COME VOLONTARIA UMANA PER GLI ESPERIMENTI PSEUDO SCIENTIFICI A CUI DA OGGI VENGONO DESTINAT...I CANI, GATTI E TANTI ANIMALI INNOCENTI.
A denuncia della vergognosa, incivile ed oscena approvazione da parte del Parlamento Europeo sulla direttiva 86/609 riguardante la vivisezione mi offro come VOLONTARIA UMANA per gli esperimenti atroci a cui si da libero accesso su cani, gatti e altri innocenti ed indifese creature viventi. Se questa sperimentazione è davvero tanto utile, e mi sfugge il come e perchè nonostante i miei studi in biologia, sarà ancora più utile sperimentare su un essere umano. Forze signori vivisettori, prendete me, non fatemi anestesia, sezionatemi, tagliatemi, toglietemi organi, apritemi il cranio, tagliatemi arti, somministratemi veleni, fatemi le provo da sforzo fino alla morte, sono una randagia anche io, sono disoccupata, non produco nulla per il mio paese, non ho figli, non produco reddito. Il principio è lo stesso, se non hanno il diritto alla vita degli esseri viventi appartenenti ad altre razze animali allora non ne ho nemmeno io, dato che più di loro ho solo ed esclusivamente l'uso della parola...ma 'signori' miei, di questo mio privilegio farò buon uso, userò la voce finchè potrò, quindi toglietemi anche le corde vocali, così non mi sentirete urlare o denunciare i vostri orrori. Lo ripeto: MI OFFRO COME VOLONTARIA UMANA PER GLI ESPERIMENTI PSEUDO SCIENTIFICI A CUI DA OGGI VENGONO DESTINATI CANI, GATTI E TANTI ANIMALI INNOCENTI.
, , , , , , , , , , , , ,