Libero

aikau

  • Uomo
  • 53
  • collegno
Leone

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Profilo BACHECA 7

aikau 06 maggio

CHE COS' È LA MAGIA NERA / UN APPROCCIO ALLA MAGIA NERA

Nonostante l'epoca contemporanea nella quale il razionalismo materialista regna sovrano , quantomeno per molti oppure apparentemente , il lato spirituale dell'esistenza accompagna ugualmente l'uomo , con l'unica differenza rispetto ad un tempo , ora la consapevolezza sia venuta meno per quanta riguarda la maggior parte delle genti . Se nei secoli passati il bisogno di compensare gli enigmi del proprio ciclo terreno , era colmato dalla liturgia essoterica ( badare bene , non esoterica ) , nel momento in cui questa venga meno , allora dall'instaurarsi della modernità si è assistito ad un (ri)emergere ( spesso purtroppo in maniera molto grezza per altro ) di quel che in realtà ha da sempre accompagnato la nostra dimensione nel globo terraqueo ovvero l'occultismo .
Seppur di certo questa non sia sede per dilungarsi sulle differenze anche abissali esistenti fra una tradizione ed un'altra , va affermato ,( a differenza di quanto troppo spesso ignorantemente venga considerato vero) , la tradizione europea presenta in assoluto le pratiche occulte più efficienti per provare a raggiungere i propri scopi tramite l'arma dell'esoterismo .
La magia nera , da considerarsi il settore più impegnativo ma anche più efficace delle arti occulte , non consiste ( almeno non sempre ...) in un qualcosa affondante le proprie radici nelle nelle zone d'ombra della psiche umana , ma semmai in un potente alleato per scopi di dominio finalizzato a coercere la volontà altrui . Proprio come lo scopo finale del mago , è quello di divenire l'Uomo completo avente raggiunto la Grande Opera .
Naturalmente un rituale di magia nera per essere realmente degno di tal nome implica una conoscenza dettagliatissima delle leggi proprie di tali pratiche , una consistente preparazione e la necessità a non compiere il minimo errore nel procedimento da svolgere. Va da sé , siano realmente pochi coloro conoscano a fondo le arti nere praticandole altresi onestamente e che pertanto sia necessario prestare la massima attenzione quando si voglia avvicinarsi a queste , per i più svariati obiettivi , siano questi anche di mera natura terrena ( essendo oramai gli obiettivi di coloro si rivolgono al settore costantemente i medesimi ) ovvero ad esempio piegare una donna , un uomo , vendicarsi di chi ha compiuto del male a nostro danno , fare giustizia , provare ad imporre la propria persona in un luogo di lavoro , aumentare fortemente le proprie possibilità di successo in uno specifico campo .

Se parlassimo di magia bianca , il termine più adatto per poterla definire sarebbe quello di armonia , invece per ciò che riguarda la magia nera, questa non può che essere identificabile maggiormente che con il concetto di dominio .


 

Ti piace?
aikau più di un mese fa

Ma cosa fa il social media manager?

 

Un social media manager è una figura importantissima per le aziende ma anche per i singoli che cercano di spopolare sui social media. La figura del social media manager è una delle più importanti nella branchia del marketing per una azienda.
Il suo compito è quello di gestire la figura di un azienda (o di un personaggio popolare sui social) in un ambito dei social media.
Organizza i post da mettere sugli account delle aziende, decide in che modo si deve porre sui social e in che modo deve acchiappare clientela su internet. Un social media manager ha anche il compito di monitorare le analitiche dei vari account social di una azienda, ovvero deve seguire costantemente le informazioni che riceve dal sito che sta utilizzando per sponzorizzare l'azienda di cui fa parte. Un social media manager deve nache rispondere alle richieste che vengono mandate all'azienda sui social. Tra i vari compiti di un social media manager c'è anche quello di sponzorizzare l'azienda nei vari canali che mette a disposizione il social. Un social media manager deve avereanche basi di informatica di base (come l'html) e di grafica (come photoshop) così facendo può soddisfare ogni esigenza che potrebbe avere un'azienda in un ambito social. Un social media manager deve avere anche grandi capacità di pensiero per trovare nuove idee e fare dei pro e dei contro per delle proposte che gli vcengono consigliate, e quindi deve avere una grande capacità di riflessione e di gudizio.
Una delle fondamentali caratteristiche che dovrebbe avere un social media manager, è quello di rimanere al passo dei trand, ovvero quello di riuscire a capire in che verso stanno andando le mode nei social (come possono essere balletti su tik tok, foto su instagram e video su youtube). Un social media manager deve avere la capacità di poter capire che tipi di contenuti preferiscono i followers dell'azienda di cui fa parte, così facendo feedelizzerà il pubblico in maniera che resti più costante con la visualizzazione dei contenuti ma anche accrescendo l'utenza generale che va a seguire l'azienda in questione. Gestire le capagne pubblicitarie è un compito molto importante e essenziale per un social media manager, ovvero deve saper scegliere i gusti personaggi famosi che riescano ad accrescere le persone che seguono l'azienda così da poter aumentare le vendite e la copertura degli account di quest'ultima.
Però assieme ai social media manager a tempo pieno per un'azienda, ci sono anche quelli freelance che a differenza di quelli assunti a tempo pieno dalle aziende, vanno a commisione e quindi gestiscono solo alcuni progetti che le aziende gli commisionano. Un social media manager freelance hanno anche diversi copiti aggiuntivi rispetto ai social media manager a tempo pieno e sono:
La capacita di ricerca dei vari trand che sono in corso sui social, così facendo rendono le aziende sul pezzo per le persone che le seguono;
Deve essere in grado di rispolvere i vari problemi che gli si paleseranno davanti, e di non rimanere impantanato cercando di risolverli;
Il compito di un social media manager quindi è quello di fare l'intermediario tra l'azienda, che è composta da personaggi che non sono in grado di capire i trand perchè sono impegnati a far andare avanti un'azienda, e le persone che navigano sul web, che sono persone che solitamente non sanno com'è mandare avanti un'azienda e quindi solo tramite ad un social media manager riescono ad avvicinarsi all'idea di azienda.
Un social media manager deve essere sia creativo che strategico, poichè deve trovare le idee più creative che riescano ad avvicinare nuovi clienti, ma anche strategiche nel senso che le idee che mette in atto durino il più a lungo possibile, così facendo vengono ridotte al minimo le spese da parte dell'azienda.
Per avere un risultato discreto un social media manager deve riuscire ad ottenere dei risultati nei seguenti ambiti:
deve far sviluppare l'azienda nei social per far arrivare a più persone gli ideali di quest'ultima;
targettizzare l'azienda nel senso che la deve mettere in un'etichetta specifica per far arrivare l'azienda alle persone interessate;
in fine impostare degli obbiettivi da ragiungere per capire se si stanno avendo dei risultati con la campagna marketing messa in atto.
Quindi, per ricapitolare, la figura del social media manager è una delle più importanti ai tempi nostri, per un'azienda, poichè grazie ad esso un'azienda può raggiungere più persone che potrebbero essere interessate all'azienda che viene pubblicizzata.

 

Questo me l'ha detto mio cuggino che ha un'agenzia SEO :D 

 

 

 

Ti piace?
aikau più di un mese fa

PALESTRA ARTI MARZIALI PEACEMAKER ASD, Sponsor del Pride Sanremo 2022

 Cinquanta anni fa, a Sanremo, verso inizio aprile, avveniva il primo Pride italiano. Come poteva PeaceMaker Associazione Sportiva Dilettantistica esimersi dallo sponsorizzare la mostra e il Pride del 2022, avendo proprio un Presidente trans fuggito da Sanremo proprio per omobitransfobia?

Considerati poi i grandi problemi intercorsi con lo CONI Liguria, che ha abbracciato in pieno la politica del “Don’t Say Gay”, PeaceMaker ha deciso ben in fretta di fare la sua donazione annuale a tale evento, trovandosi ad essere poi il principale donatore.

Partita come una chiamata minore, rivolta privatamente al Presidente Lorenzo Ubaldo Biscaglia Giancola da parte di un altro uomo trans cresciuto ad Imperia, dopo averne parlato in direttivo è stata l’intera associazione a scendere in campo, sia con il già citato contributo monetario, che offrendo lo stesso Presidente come staff della sezione Trans, che offrendosi di realizzare (prima o poi, ce la stiamo prendendo comoda, coff coff…) il video documentario della mostra, oltre che del Pride, sul cinquantennale dal primo Pride italiano.

Incoraggiati dal fantastico team del Pride, formato da molti appartenenti ai vari ArciGay Italiani, PeaceMaker ha subito dopo acquistato e portato in molti eventi la aggiornata bandiera lgbtqia+, sempre in contrasto alla politica “Don’t Say Gay” di CONI Liguria e dei molti atteggiamenti simili o apertamente ostili che sono ancora molto presenti fra gli insegnanti sportivi, specialmente nelle arti marziali.

“Triste come mi sia reso conto, a 29 anni, che sono stato trattato da persona per la prima volta dallo staff della mostra sul cinquantennale del primo Pride italiano.” Afferma Lorenzo Ubaldo Biscaglia Giancola, qualche tempo dopo la mostra. “Mi sono reso conto di come abbia passato una vita ad essere trattato come un essere difettato che ha il dovere di essere super-performante per doversi guadagnare il diritto ad esistere. E mi sono reso conto come questo accada anche alla gran parte dei ragazzi di PeaceMaker che, non a caso, ma solo ora me ne rendo conto, sono appartenenti alla comunità lgbtqia+ o sono Ally che si sono trovati bene da noi perché inclusivi.”

E la linea di PeaceMaker sembra voler essere davvero inclusiva, anche quando questo non fa comodo: già all’attivo un articolo di denuncia contro CONI LIGURIA, contatti tagliati con coloro che pubblicamente si sono dichiarati a favore dei diritti umani ma poi hanno dato corda alla politica del CONI Liguria o attivamente dato contro a PeaceMaker proprio per la composizione estremamente queer di staff ed atleti.

PeaceMaker può tradursi come “Costruttori/Fautori di Pace”, e soprattutto dal Pride di Sanremo del 2022, in cui la associazione sportiva ha fatto un vero e proprio Coming Out di intenti, non sembrano volerci andare per il sottile: il loro motto del resto è Come e Perché Combattere, e sembrano avere le idee chiare.

Percio se cercate una palestra kick boxing ad Imperia sapete dove andare!

  • articolo di Lorenzo Ubaldo Biscaglia Giancola

 

 

Ti piace?
aikau più di un mese fa

Ma chi vuole cambiare vita?

 

 

Ho finalmente deciso di cambiare vita, ma l‘ho fatto in un modo totalmente diverso dal solito, cioè da quello che fanno tutti.

Normalmente chi cambia vita, è perché' arriva alla soglia dei 40 o dei 50 anni e si rende conto che tutto quello che ha fatto fino a quel momento non lo soddisfa e che perciò vuole passare da una vita 9to5 come si dice in inglese ovvero classica vita da ufficio a qualcosa di diverso, vuole viaggiare esplorare il mondo ecc.

In genere non so perché uno dei desideri più ricorrenti è partire in barca a vela e andare chissà dove.

Poi ci si scontra con la dura realtà della vela, che non è così semplice, non per tutti portare una bara a vela; ma questa e un'altra storia.

Io invece lo faccio nel senso inverso; io sono andato tanto in barca a vela nella mia vita, ho lavorato nella nautica per molto tempo sia in Italia che all'estero, e negli ultimi anni mi sono occupato di organizzare regate che facevano il giro del mondo.

Si aiutavo altri a fare il giro del mondo in barca a vela e realizzare uno dei loro sogni.

Beh, adesso anche io mi sono rotto le scatole e ho deciso di fare qualcosa più tranquillo e ho cambiato vita1

Ho aperto una agenzia web e mi sono stabilito nella mia città natale, a Torino, da dove gestisco le mie attività.

Sì certo continuo ad organizzare regate in barca a vela ma non in modo continuativo come prima; invece di stare fuori Europa per 9 mesi l'anno e prendere 150 voli ogni anno adesso viaggio meno e volo meno.

Il prossimo viaggio sarà in Africa a Mauritius poi Réunion poi Sud Africa ad ottobre; poi Namibia a gennaio e Brasile a marzo.

Namibia davvero bella vado a Walvis Bay e Swakopmund, una località molto interessante, praticamente un paese della baviera costruito in africa!

Trovate più info qui

Vi consiglio di andare a visitarla se passate da quelle parti, la Namibia è un posto davvero particolare, molto sicura e davvero poco turistico.

Ci sono tante zone che non hanno quasi turismo e sono stupende, dei paesaggi incredibili e dal punto di vista naturalistico è davvero superiore al Sud Africa che invece è decisamente troppo battuto e troppo abitato.

In Namibia ci vivono pochi milioni di persone e la superficie su cui vivono è enorme.

Se volete cambiare vita e non sapete dove andare contattatemi!

Ti piace?
aikau 30 maggio

CREATIVITY UP!

We always invent something new and hope interesting! This time – a new type of events, intended for creativity developing.

Our conversations with potential clients have shown that this type of events is also actual for companies, especially big ones. People work in such companies and following structured business processes. With time such organizations become a bit rigid. Because people, when they got to used to work like this, lose ability to change something. Sometimes to managers might be hard to encourage people for changings.

This type of events is also actual for small businesses and start-ups, because these companies works in the environment which is always changing! They often don’t know what kind of challenge they can face up tomorrow. So, they have to be very creative and flexible.

Fortunately, all these things can be developed by some special praxis and of course – because of art.

All types of art are a very good food for our brain and help to develop thinking and its flexibility. Music, theater, painting, photo, reading – all these things are necessary for our brain like a quality food for our bodies. It might be any other kind of art, the most important thing – it should be art of a high level. If we are talking about photos – you should watch work of big photographers, not Instagram. If we are talking about reading – you should read serious books, not detectives and all that stuff. The same about music and painting.   

But doing these things on a regular base is not enough of course. The first point here is readiness to do it and ability to define the problem (desirable point). Creativity developing works much better when it has practical meaning and possibility to be tried and implemented immediately.  

Every time you should mark the problem or direction and only then to look for solutions and ways out. It could be whatever: from how to lose weight when you don’t have time to exercise up to seeking a new business idea.

 

 

Ti piace?
aikau Un'ora fa

questo posto va visitato almeno una volta nella vita!

 

 

Ti piace?
aikau 28 aprile

Ho da poco cambiato vita; fino a qualche mese fa mi occupavo di organizzare regate intorno al mondo, viaggiavo per 8 mesi l'anno fuori europa e prendevo circa 150 voli.

da sei mesi, anche grazie alla pandemia, ho deciso di passare ad una modalità più tranquilla che mi permette di trascorrere più tempo in Italia e in particolare a Torino dove vivo.

 

Continuo ad occuparmi di regate intorno al mondo ma viaggio di meno non più di circa tre mesi l'anno.

 

Mi occupo di una scuola di vela, e ho anche aperto una società di marketing.

 

La mia nuova attività di consulente web marketing è una societa che si occupa di assistere le piccole imprese nel mondo del web sia per chi sta entrando ed ha bisogno di sito ecommerce e gestionale, sia per chi e' già online evuole migliorare la propria visibilità

 

il percorso che ho fatto e' l'opposto di quello di molti miei coetanei che in preda alla crisi di mezza età stravolgono la propria vita per partire alla ricerca di qualcosa e alla scoperta del mondo.

 

Io in realtà faccio il percorso inverso e torno a casa da dove sono partito, per avere più possibilità di stare con i miei amici e con la mia famiglia.

 

Il mio lavoro continua ad essere qualo di prima, ma ci dedico meno tempo; continuerò ad aiutare le persone a raggiungere il proprio sogno, ovvero fare il giro del mondo a vela.

 

Ho scoerto che ci sono più persone che vanno sull'Everest di quelle che fanno il giro del mondo a vela.

 

Posso dire che molti dei miei clienti sono persone di 40/50 anni che hanno deciso che e' meglio investire soldi e tempo subito piuttosto che aspettare di essere in pensione, perchè il tempo è adesso.

 

Ti piace?
, , , , , , , , , , , , ,