Libero

benzina74

  • Uomo
  • 47
  • nova milanese
Capricorno

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 26 maggio

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita benzina74 a scrivere un Post!

Mi descrivo

sono il tramonto e l'alba insieme.......

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

ma del resto é pur sempre un bellissimo e rigido inverno

I miei difetti

l\'inverno é molto freddo dentro di me

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. le donne....
  2. la musica/forti percezioni/novembre/praga citta
  3. l'alcool/assenzio/acqua dei torrenti

Tre cose che odio

  1. i finocchi(le verdure?)
  2. i rossi/la folla
  3. i preti/chiesa cerebrale

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Città d'arte

Vacanze Ko!

  • Spirituale
  • Passioni

    • Suonare
    • Musica

    Musica

    • Metal

    Cucina

    • Piatti italiani

    Libri

    • Fantasy

    Sport

    • Sci
    • Calcio e calcetto

    Film

    • Horror
    • Fantasy

    Libro preferito

    l\'esorcista/i dolori del giovane werther/novembre/il signore degli anelli/lost paradise/visioni blake/notturni di hoffman

    Meta dei sogni

    Scandinavia, Islanda

    Film preferito

    l\'esorcista/legend/il labirinto del fauno/american history x/trilogia delle 3 madri/NAMELESS/DARKNESS/UNA POLTRONA PER DUE

    soltanto fumo....

    L' inferno di un momento é ciò che resta nel mio tempo........

    D.N.A..BUIO...

    La creatura che sono

    non ha bisogno di sogni

    nel buio

    THE FIGUREHEAD

    Sharp and open leave  me alone, and sleeping less every night 

    as the days became heavier and weighted waiting 

    in the cold light

    a noise a scream tears my clothes as the figurines tighten

    with spiders inside them

    and dust on the lips of a vision of hell

    i laughed in the mirror for the first time in a year

    . The Cure .

                                

    PRELUDI..

    Sete di martirio infinito?

    estasi in teoremi?e tuttavia

    quant'é bello il creato!

    . Jules Laforgue .

    1947

    Il vento cala e se ne va,lo stesso vento non agita  due volte lo stesso ramo di ciliegio, so che non é ancora finito il banchetto della miseria . . . ma finirà

    Nazim Hikmet

    IMPENETRABILE

    Aflitto dalla stessa visione  cerulea

    ogni notte  il sogno é impenetrabile e così si fa strada nelle vene un' inspiegabile fascinazione dell'incubo

    . Massy .

    ABITUDINE

    Ogni abitudine rende la nostra mano più arguta e la nostra arguzia meno agile

     . NIETZSCHE .

    affermazione ...

    La viva palpabilità della raffigurazione, che non impegna lo spirito, forma la delizia delle masse borghesi

    ma la gioventù assoluta ed appassionata è attratta esclusivamente dai problemi . .

    . Thomas Mann .

    L'INVOLONTARIO SEDUTTORE

    Per passare il tempo,sparò una pallottola vuota nell'azzurro-e per questo cadde una donna. . . . . .

    nietzsche " la gaia scienza "

    VOLONTA E ONDA

    Come giunge avida quest'onda, come se potesse giungere a qualcosa!Come si insinua con spaventevole precipitazione nel più intimo recesso dell'anfratto roccioso!Pare che voglia presentarsi a qualcuno;pare che vi sia nascostoqualcosa di valore ,di grande valore.E adesso torna indietro, un pò più lentamente ,sempre bianchissima per l'eccitazione-è delusa?Ha trovato quel che cercava?Si finge delusa?Ma già si avvicina un'altra onda, più avida e più selvaggia ancora della prima;anche la sua anima sembra colma di misteri e della bramosia di scavare tesori. Così vivono le onde-così viviamo noi, animati dalla volonta!

    . Nietzsche .

    FELICITA NEL DESTINO

    Il destino ci riserva la massima distinzione quando ci abbia lasciato combattere per un pò a fianco del nostro avversario.Con ciò siamo PREDESTINATI a una grave vittoria.

    NIETZSCHE

    RESPIRO

    Una poesia sotto la pioggia

    é come caldo miele su fredda neve

    che si scioglie lenta tra le mani e sulle labbra

    e con lacrime d'oro,vetro e inchiostro

    scrivo e respiro la mia dolce pena

    . Massy .

    Che cos'é la felicità -La sensazione del fatto che la potenza cresce,che una resistenza viene vinta

     Nietzsche

    Passeggio nel sottosuolo,la mia testa sbatte

    contro le radici e le ossa,

    e i metalli scintillano

    in mucchi variopinti

    cracovia,1961

    Non ci sei piu una delle piu belle città del mondo é spopolata,spopolata come il guanto dal quale hai tolta la mano, é spenta come si spengono gli specchi che non ti vedono più, la Voltava cola sotto i ponti come le sere perdute... le vie sono vuote, su tutte le finestre sono abbassate le tende, i tram che passano sono vuoti, i ristoranti e anche i bar...le vetrine sono vuote, né stoffe né cristalli né carni né vino, nemmeno un libro o una scatola di cioccolatini...nemmeno un garofano.

    Nella solitudine che avvolge la città come nebbia un vecchio, per scuotere la tristezza degli anni che la solitudine moltiplica, dal ponte dei legionari getta il pane ai gabbiani, inzuppando ogni mollica nel sangue del suo cuore... del suo cuore più giovane di quanto vorrebbe natura

                                      NAZIM  HIKMET                                

    maschere

    Quante maschere si confondono

    tra i fumi saturi dei gas di scarico

    sotto un velo ceruleo di parole

    suoni e degenerazione

    MERITATE SOLTANTO IL MIO SILENZIO

    Ho sentito un lamento sotto i cipressi mi son chiesto,c'è qualcuno che piange qui?o é il vento che si ricorda di un amore passato in questo   luogo solitario?

    Un tempo pensavo che i morti ridessero quando le nere cortine cadon sugli occhi ma ora mi chiedo se i morti che amaron la vita piangono ancora sotto i cipresi.

         NAZIM HIKMET 

                

           

    RUGGINE

    Ci vuole anche la RUGGINE

    essere affilati non basta!

    Altrimenti ti diranno sempre:

    " E troppo giovane "

    NIETZSCHE "LA GAIA SCIENZA "

    Benzina

     

    PIERROT

    E su di un collo ch'emerge, rigido,da un collare idem,teso d'amido, una faccia imberbe al cold-cream,un aria da idrocefalo asparago.

    Gli occhi sono annegati nell'oppio dell'universale indulgenza;la bocca ha sortilegi, clownesca, di strano geranio.

    Bocca che va dal buco profondo strappato in riso glaciale, allo sfuggente Trascendentale del vano sorriso della Gioconda.

    . Jules Laforgue .

    , , , , , , , , , , , , ,