Libero

giorgiocloney

  • Uomo
  • 50
  • chissà
Bilancia

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 1.251

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita giorgiocloney a scrivere un Post!

Mi descrivo

uaoooooooooooooooooo! TROPPE COSE DA DIRE. MEGLIO EVITARE!

Su di me

Situazione sentimentale

single

Lingue conosciute

Francese, Inglese, Spagnolo

I miei pregi

grande simpatia, autoironia.

I miei difetti

sincerità.

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. !
  2. !
  3. !

Tre cose che odio

  1. ?
  2. ?
  3. ?

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Crociera

Passioni

  • Cinema
  • Arte

Musica

  • Blues
  • Disco

Libri

  • Gialli

Sport

  • Bike

Meta dei sogni

Atolli del Pacifico, Inghilterra

L'INFINITO

Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
De l'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminato
Spazio di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo, ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e 'l suon di lei. Così tra questa
Infinità s'annega il pensier mio:
E 'l naufragar m'è dolce in questo mare.

IL POSTO....PIU' BELLO...DOVE SONO STATO!

  • Pianto antico

  •  
    L'albero a cui tendevi 
    La pargoletta mano, 
    Il verde melograno 
    Da' bei vermigli fiori
    Nel muto orto solingo
    Rinverdì tutto or ora,
    E giugno lo ristora
    Di luce e di calor. 
    Tu fior de la mia pianta
    Percossa e inaridita,
    Tu de l'inutil vita
    Estremo unico fior, 
    Sei ne la terra fredda,
    Sei ne la terra negra; 
    Né il sol piú ti rallegra 
    Né ti risveglia amor.

  • ATTUALMENTE IN :

    counter

    SAN MARTINO

  • San Martino

  • La nebbia a gl'irti colli
    Piovigginando sale, 
    E sotto il maestrale
    Urla e biancheggia il mar; 
    Ma per le vie del borgo
    Dal ribollir de' tini
    Va l'aspro odor de i vini
    L'anime a rallegrar. 
    Gira su' ceppi accesi
    Lo spiedo scoppiettando:
    Sta il cacciator fischiando
    Su l'uscio a rimirar
    Tra le rossastre nubi
    Stormi d'uccelli neri,
    Com'esuli pensieri,
    Nel vespero migrar.

  • LA TIGRE! PRESTATAMI DA UN TESORO ... LONTANO!

    , , , , , , , , , , , , ,