Libero

Stocace

  • Uomo
  • 56
  • Modica
Vergine

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 03 aprile

Ultime visite

Visite al Profilo 61

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita Stocace a scrivere un Post!

Mi descrivo

I miei orecchi sono come le conchiglie sonore: musica perduta nel mio pensiero, nella spuma della vita, nella sabbia delle ore..

Su di me

Situazione sentimentale

single

Lingue conosciute

Inglese

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. L' ironia
  2. Il senso di un' appartenenza
  3. Una premurosità discreta

Tre cose che odio

  1. Il rumore
  2. La superficialità
  3. L' incoerenza

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Spiagge incontaminate

Vacanze Ko!

  • Campeggio
  • Passioni

    • Arte

    Musica

    • Soul

    Cucina

    • Piatti italiani

    Libri

    • Psicologia

    Sport

    • Calcio e calcetto

    Film

    • Classici

    Libro preferito

    Libri di poesie

    Meta dei sogni

    Sud America

    Film preferito

    Le ali della libertà

    Io, chatter..

    Navigo, trovo anime e mostri in questo oltremondo fosforescente e approdo in isole inferne o beate. Se mai ti giunga la mia navicella, sappi che la gomena sghemba, la vela indurita dal sale hanno patito un fortunale.
    Interrotta la rotta di un più interno mare.

    Maria Clelia Cardona

    Il mare ed io

    Che uomini sono quelli che danno la preferenza alla monotonia del mare ? Sono quelli, mi sembra, che hanno visto troppo a fondo nelle complicazioni delle cose intime per non dover desiderare in quelle esterne per lo meno una cosa: la semplicità. La montagna bisogna scavalcarla con coraggio, mentre invece in riva al mare si riposa tranquillamente sulla sabbia. Ma io conosco lo sguardo con cui si venera quella e lo sguardo con cui si incontra questo. Gli occhi sicuri, ostinati e felici, gli occhi pieni di intraprendenza, di coraggio, di forza, errano di vetta in vetta; sulla vastità del mare, invece, che muove le onde con questo fatalismo mistico e snervante, si sofferma a sognare lo sguardo velato, saggio e senza speranze che un giorno è penetrato a fondo nei grovigli della tristezza.

    Thomas Mann, I Buddenbrook

    IL MARE

    Il mare lega così saldamente a sè gli uomini che gli hanno affidato per lungo tempo il loro destino e hanno vissuto in intimità con lui, ch 'essi non possono più lasciarlo.

    Jules Michelet

    SPIEGAZIONE

    Il pensiero è triste; l' amore insufficiente;
    e io voglio sempre di più ciò che avviene nei miracoli.
    Lascio che la terra mi sostenga:
    serbo il resto per più tardi.
    Dio non parla con me. E io so che mi conosce.
    Ad antichi venti ho dato le lacrime che avevo.
    Sale la stella, scende la stella...
    Aspetto il mio ritorno.
    (Navigo nella memoria
    senza confini.
    Qualcuno narra la mia storia
    e qualcuno uccide i personaggi).

    Cecilia Meireles

    IL CUORE

    Di quello che ho nel cuore
    Parlo poco, mi ferma la paura.
    E voglio e soffro, e mi farà morire
    La cosa che la lingua non sa dire.

    Giovanni Raboni

    No alla K

    , , , , , , , , , , , , ,