Libero

fin_che_ci_sono

  • Uomo
  • 11
  • -
Capricorno

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 52 minuti fa

Profilo BACHECA 14

fin_che_ci_sono 14 ottobre

VVVVVVVVVVVVVVVV                             VVVVVVVVVVVVVVVV

 

                                      PROFILO IN PAUSA

 

VVVVVVVVVVVVVVVV                             VVVVVVVVVVVVVVVV

Ti piace?
5
fin_che_ci_sono 13 ottobre

 

 

          La rosa

 

              In fondo alla Trasteverina

              dove le cose brillavano al sole

              giaceva una rosa.

              Non dava alcun segno di vita

              invece viveva e vibrava

              nei petali rossi.

 

              La rosa aveva una storia

              a volerla ascoltare

              a poterla narrare.

              Ma certo la rosa era muta

              come tutte le rose

              come anche l’amore.

 

              Un giorno passando per via

              se scorgi per terra una rosa

              protendi una mano:

              le rose comprendono i gesti

              parole non dette

              i nostri pensieri più belli.

 

Ti piace?
10
fin_che_ci_sono 12 ottobre

 

 

         Se tu mi amassi

 

            sarebbe per qualcosa di sfuggente

            che non comprenderei se mi spiegassi

            ammesso che sia lecito spiegare.

 

            Mi ameresti per intuizioni

            di cui saresti certa in ogni luogo

            e in ogni tempo della nostra vita.

 

            Sarebbe il compimento di un amore

            che non trovava requie

            se non vaga.

 

            Mi ameresti senza far parole:

            d’intesa solamente

            in ogni istante della giornata

            da quando fa mattino

            scambiandoci lo sguardo e il primo bacio

            in un abbraccio tutto musicale.

 

Ti piace?
13
fin_che_ci_sono 11 ottobre

 

 

       Don Chisciotte

 

Notte fonda mi desta cosparsa di stelle.

Attendo

e l’Assoluto piano fluisce

in questo mio vegliare.

Sopita è l’erba

silenziosa:

vi gioca un vento lieve e l’accarezza.

E tutto è pace incantata

umano piacere

vero sentire.

 

Com’è lontano il mondo e la sua pena

e quella mia follia e i cento ostili mulini

al chiaro che torna!

E i branchi dei nemici che un giorno sbaragliai:

svaniti!

 

Anche lei è lontana

la mia bella

dimenticata ai limiti di un sogno

dentro il mio cuore:

il mio cuore calmato da un riflesso lunare

mentre in sonno mi parla Ronzinante

da una piana che ascolta.

E mi narra il silenzio

il tempo fuggito

e l’illusione del tempo rimandato

e la stoltezza di Panza che si eleva

in alto in alto si eleva illuminando la notte

confusa alle stelle.

 

 

Un Don Chisciotte rinsavito, a quanto sembra, ma ripiegato su se stesso, costretto a ritornare sui suoi passi e smettere i panni del cavaliere errante per un anno poiché battuto in duello dal baccelliere Carrasco, notabile e suo compaesano che si assume il compito di riportarlo sano e salvo al paese natio. E con la messa a riposo del cavaliere errante ha termine anche la sua grande avventura.

Tuttavia se il romanzo si divide tra realtà e sogno, la bilancia pende certamente dalla parte del sogno (Borges). Ed ecco in quale maniera Don Chisciotte la fa pendere dalla parte che più gli sta a cuore: sulla strada di casa (la realtà) comunica a Sancio la mirabile idea di continuare l’avventura mettendo da parte la Cavalleria Errante e diventando pastori (la continuazione del sogno), coinvolgendo anche il baccelliere Carrasco che diventerà  eventualmente il pastore Carrascone, mentre lui sarà il pastore Chisciottisio e Sancio il pastore Panzino. E anche il curato e il barbiere del paese faranno la medesima scelta, anziché seguitare a condurre l’attuale misera vita.

Si comprende come Don Chisciotte non pensi ai pastori del suo tempo, inattendibili per l’altezza della sua idea, ma prenda a modello quelli magistralmente descritti dai grandi poeti dell’antichità greca e latina, Teocrito e Virgilio: quei pastori che oltre a seguire il gregge brucare l’erbetta, si dilettavano a comporre versi musicati con il flauto e la zampogna.

Per la figura che l’hidalgo incarna, il romanzo, secondo il giudizio di Dostoevskij, è il più grande di tutti i tempi, e Don Chisciotte, anche se alla fine muore da rinsavito, rappresenta comunque l’uomo eterno che sogna di fare della vita un’opera d’arte.

 

Ti piace?
10
fin_che_ci_sono 10 ottobre

 

 

   Vista

 

    M’incanta la notte silenziosa

    resto fuori a guardare.

    Tre stelle a stento sospese

    ammiccano

    tremano.

    Più discrete le nuvole passano

    volano via.

    Dietro quelle la mente s’invola

    torna al male dei vinti

    all’insonnia dei morti

    all’uccello che canta nel sogno

    e vola sul mare.

    Le tre stelle stanno a guardare.

 

Ti piace?
12
fin_che_ci_sono 09 ottobre

 

 

            Il nido

 

      Strappato all’albero si perde senza tregua.

      L’insegue lento un vecchio.

      L’insegue dove il verde si piega

      sotto la forza del vento.

      Il vecchio cede pur sgomento

      e adesso rotola rotola nel freddo

      dietro quel grembo asciutto

      ancora compatto

      che s’alza un po’ nell’aria

      e quasi rincorre l’ultimo della nidiata:

      quel passerotto ormai lontano

      adulto

      se ha raggiunto le nuvole rosa

      e non cinguetta più

      perché l’ebbrezza del primo volo

      è già passata.

      Mai mai più ritornerà da quelle parti

      ora che il nido si è fermato

      nei pressi di un tronco

      dove il vecchio lo raccoglie

      per farne paglia da fuoco.

      L’intreccio conquistato

      incenerisce sotto gli sterpi

      e si sparpaglia nel cielo invernale

      la fiamma alta vive da sé.

      Lieti crepitii: il freddo si allontana

      la fiamma al vento inclina

      il vecchio protende le mani e sorride felice.

 

 

Può accadere che da giovani si abbandoni la casa natale per esigenze di vita o spirito d’avventura, per poi ritornarci da “vecchi” (nonostante i "Mai mai più" della giovinezza) quando non c’è altro da fare e si è stanchi, bisognosi di calore e di ritrovare quello che l’incuria del tempo ha risparmiato.

 

Ti piace?
11
fin_che_ci_sono 08 ottobre

 

 

   All’osteria dei piccoli deliri

                        

    l’oste ha già serrato il tutto dentro:

    vivi e morti e chiaroscuri

    d’ombre solitarie. Adesso

    l’anima vagante di una finestrella

    frivolo abbaino per lune curiose

    là sul tavolino in fondo all’angolo

    fra le dimenticanze impolverate

    è un rettangolo di luce lasciva

    stretto

    come la notte più corta della vita

    indurito

    come un vecchio barbone insudiciato.

    La luce ha un inguine scoperto

    e l’uomo incorniciato è il calmo lupo

    di una notte mezza vuota mezza piena

    come quel bicchiere dai sogni spezzati.

    Ma la notte

    sempre onesta

    certi aspetti li coglie facilmente

    e stanotte fedelmente

    ha sposato un giovinetto dai giochi pimpanti:

    quel minuto giovinetto tutto sangue

    che si fa strada fra i capelli scarmigliati

    uscito da chissà dove

    agile

    senza impegno

    un sorso di vino in una bocca d’amore.

    Un saltello

    roba da ragazzi

    e si ritrova molleggiante sulle palpebre

    che dischiude tirandole per le ciglia

    ora l’una ora l’altra

    e l’osserva:

    “Sembra un pesce vivo!”

    esclama il giovinetto tutto sangue

    mentre spicca l’ultimo volo

    dentro quel bicchiere

    dove la notte lo attende

    commossa e lacrimante

    nuotando nel rosso infinito.

 

Ti piace?
11
fin_che_ci_sono 07 ottobre

 

 

 

Fine di un giorno

 

Sole rosso sul monte.

Presto calerà sui versanti del nulla.

Solo allora questo pazzo

farà il suo ritorno.

Cenerà lotterà perirà

e appassionatamente ti penserà ancora.

 

 

Subito dopo pranzo, senza perdere un solo istante, schizzavo fuori e mi recavo al solito posto per scrivere poesie come questa. E non rincasavo fin quando non ne scrivevo almeno due. A volte facevo tardi…

 

Ti piace?
13
fin_che_ci_sono 06 ottobre

 

 

  Stasera

 

   Come profonda il buio

   e come turbina la mente

   come tracima!

   Che pensieri stupendi stasera!

   Ghirlande appena nate

   su arcobaleni abbaglianti di colori.

   E prati immensi baciati dal sole

   sotto un azzurro cielo sovrumano.

   E fiori nascenti

   delicati

   adornanti il seno di adorate fanciulle.

   E allegre brigate di poeti

   come torrenti rigogliosi.

   E sullo sfondo lontani orizzonti

   eterne cime di gigantesche montagne

   sfiorate da uccelli maestosi

   erranti nella luce

   nella vivida luce

   nella profonda luce

   nella mente che turbina

   in quella che tracima

   nei pensieri stupendi… stasera.

 

 

La poesia si sviluppa secondo un andamento circolare: inizia da una realtà (stasera), attraversa un mondo fantastico e trova la strada, o è costretta a trovarla, per fare ritorno alla realtà da cui era partita.

L’ho composta nel corso di una sera noiosa, senza speranza. E non accettando tale avversità ho riparato nell’ironia: i due punti esclamativi non possono che indicare uno stupore sospetto, un pensare idilliaco inattendibile messo nero su bianco.

I tre versi finali rappresentano il punto di sutura con l’inizio: il cerchio si chiude con un senso della realtà di quella sera che non è mai venuto meno, risaltando in ogni verso.

 

Ti piace?
12
fin_che_ci_sono 04 ottobre

 

 

                       La bella canzone

 

                              “Innamorarsi di qualcuno

                              che attenderà fino alla fine”

                              ma non chiedendosi cos’è la fine

                              perché l’amore è muto

                              e non ascolta se non il cuore

                              cui potrebbe anche domandare.

 

                              L’amore è l’amico discreto

                              che non va oltre

                              e resta accanto

                              senza cullarsi nella gioia

                              o crollare nella tristezza.

 

                              E vive di costanza

                              con tutta la sua forza

                              tornando ancora

                              al punto di partenza

                              tante infinite volte

                              e ogni volta sentendo fresca

                              una carezza nuova

                              come se fosse quella e nessun’altra

                              quella la prima volta.

 

 

         I primi due versi sono riportati fra virgolette perché mi sono

         stati suggeriti: "Continua tu", a sfida...

 

Ti piace?
15
, , , , , , , , , , , , ,