Libero

fin_che_ci_sono

  • Uomo
  • 13
  • -
Capricorno

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 29 minuti fa

Profilo BACHECA 45

fin_che_ci_sono 15 gennaio

                                                                   

 

  Parigi

 

  Da dove arriva inattesa

  quella fisarmonica da strada?      

  Parigi. Dev’essere Parigi

  sotto un cielo grigio

  che fa i palazzi più belli

  e complici le strade.

 

  Intendo a meraviglia la canzone:

  un valzer dimesso e ininterrotto

  che passa sulle cose di Parigi.

  E poi la pioggia che manca

  non cadrà

  o non sarebbe Parigi un’attrazione.

  Perché

  vedi

  la pioggia con tutto il suo ciarlare

  mi spezza la visione:

  quel pianto trattenuto

  velato  

  senza nebbia

  che ancora si vede

  poco prima di sera

  quando finisco il mio lavoro

  guardo fuori

  e lenti si accendono i lampioni.

                                                                          

  Eh sì

  anche l’ora dev’esser quella giusta

  incomparabile direi

  per fare di Parigi una canzone!

  E la strada che imbocco non di meno

  la strada che percorro

  bagaglio alla mano

  senza pesi nel cuore

  perché Parigi è nel cuore

  la terra dove calmo e compiaciuto

  cammino quasi sereno. 

  E lieta causa sono i miei anni

  che non son pochi oramai:

  tante le stagioni alle spalle

  meno di certo delle cose passate.

  Ma di quelle

  mentre sto andando per Parigi

  non ho quasi memoria

  né vani rimpianti

  né tanta nostalgia.

  Sono i miei anni a guidarmi

  e ad essi mi affido curioso di vedere

  non più azzannato

  da sogni impossibili

  e storie velenose. I miei anni sereni

  che mi fanno sentire la musica

  di un tardo pomeriggio autunnale:

  una semplice musica inattesa

  in un giorno senza pioggia di Parigi

  Parigi che nemmeno conosco

  per non esserci stato.

 

Ti piace?
11
fin_che_ci_sono 15 gennaio

                                                                

 

  Dormiveglia

 

   È forse primavera?

   Ho udito sbocciar di fiori

   ma non era che un sogno:

   dormivo

   fra le stesse mie braccia

   mi dondolavo.

 

   Metto ali alla mente

   restando nel corpo assopito

   e vado lontano

   ben oltre il me che conosco:

   vado all’incontro col sole.

 

Ti piace?
13
fin_che_ci_sono 14 gennaio

                                                                

 

  Pensiero del mattino

 

  Vorrei dirtelo adesso

  nella realtà di questo giorno

  e di quelli a venire

  non soltanto nel sogno di oggi

  e non solo in quello di domani.

 

  Te lo direi fermandoti per strada

  con il fiato sospeso. E ugualmente

  mi accadrebbe altrove

  ovunque dovessi attendere

  il tuo dolce apparire

  più cara e bellissima che mai.

 

  O cercherei un posto

  da cui poterti osservare:

  da un fuoribar - poniamo -

  e non sarebbe quella per me

  la prima volta

  maestro per tempi e maniere!

 

  E l’audacia per lì addentrarmi

  saprei come porla in azione

  e dove trovarla:

  basterebbe ignorarmi

  e sentirmi appena coraggioso:

  un guerriero con la testa rasata

  e il volto variamente tatuato

  che sta per compiere

  la sua difficile impresa! Per dirti

  con poche discrete parole

  che mi hai riempito la vita.

 

Ti piace?
13
fin_che_ci_sono 13 gennaio

                                                  

 

  La notte la strada le stelle

 

  C’è la notte che avvolge

  con la sua grande ala di silenzio.

 

  Non sono sveglio ma reggo ancora.

  È l’ora in cui s’acquietano i pensieri

  per avere in tutto scordato

  l’accaduto del giorno

  e adesso tento qualche parola vera

  che affiori in superficie

  dalla pura incoscienza.

 

  Il senso di qualcosa mi prende

  e mi tende la mano

  lungo la strada che conduce

  verso un altrove.

  Mi tende la mano per un tratto

  ma poi mi lascia sotto le stelle

  e sotto la mia stella

  confusa tra miliardi di punti luminosi.

  E ce n’è una che sembra ammiccare

  quando la guardo: sarà la mia stella?

  Ma altre ne vedo intorno

  che ammiccano come quella

  e mi confondo.

 

Ti piace?
13
fin_che_ci_sono 12 gennaio

                                                                  

  All’improvviso

 

  Nacqui in un primo mattino

  fin troppo remoto

  un giovedì che forse pioveva.

  E piangevo

  come tutti i neonati di oggi

  di sempre e di allora.

 

  Fin da bambino scordai delle cose

  e poi crescendo

  anche i suoni che avevo assorbito

  in un grembo caldo e tranquillo.

 

  Un giorno

  per strada

  mi raggiunse un dolce mormorare:

  era la voce di un esile canale

  che mi portava qualcosa di antico

  e una musica mi parve ricordare:

  “ Oh  care…

  le acque di mia madre! ” pensai

  e stetti alcuni istanti a meditare.

  Poi camminando

  verso l’imbrunire

  mi accorsi che indifesa era la vita.

 

Ti piace?
14
fin_che_ci_sono 11 gennaio

                                                      

                                                                                                                         

   Un pomeriggio allo zoo

 

    Ne ho sentite tante e nuove sul tuo conto

    e tutte puntualmente affascinanti

    a infittire quel senso di mistero

    che ancora e da sempre ti circonda!

    Ti pensano regale e tanto schivo

    fin troppo guardingo:

    un tipo che a tutti si nasconde

    e inafferrabile come un fantasma...

    Ora finalmente ti vedo

    come quelli che stanno a osservarti:

    sei nitido e in tutto tranquillo

    e non tenti di giocare a nascondino.

    A ben stimare  - così a occhio e croce -

    dovresti passartela anche bene

    Armàn!

    Qui dentro o ci sei nato o ti ha condotto

    quel cieco e irrevocabile destino

    che ha posto fine a una vita errabonda

    e forse salvata da torvi bracconieri.

   

    La carne del giorno non ti manca

    insieme al resto che certo non disdegni.

    E tutto il tempo te ne stai sdraiato

    a fare la star

    davanti ai tanti ammiratori

    giocando coi tuoi cuccioli e oziando.

    Hai sempre la tua femmina daccanto

    ma non ti cerca più come una volta

    a quattromila e passa di quota

    lanciandoti il richiamo tutta in calore.

    E non essendoci di mezzo predatori

    a contenderti la terra a te assegnata

    non devi premurarti di marcarla

    strusciandoti col viso sulle rocce

    e poi con garbo spruzzandoci pipì.

   

    Ponendo che qui dentro non sei nato

    chissà se pensi quel mondo selvaggio

    che un tempo bazzicavi a meno trenta   

    se lo ricordi ancora! Chissà…

    Da parte mia

    sospetto che pure da sfamato

    potrebbero mancarti gli stambecchi

    e in sogno anche apparirti

    malgrado la tendenza del filosofo

    a startene da solo!

    Avevi ben altri ammiratori allora:

    uomini di scienza appassionati

    che rischiavano la vita a quelle altezze

    per coglierti in immagine e gioirne

    dopo mesi di paziente attesa

    e con le orecchie dal freddo spezzate!

 

    Ma certo con il tempo sei cambiato

    e non ti lagni nemmeno di uno iota

    per il tuo stato così poco regale:

    hai tutte le parvenze di un regnante

    precipitato in solenne disgrazia

    per via di una scaltra cortigiana

    e del suo ganzo sciatto e traditore!

    Proprio così Armàn: sei cambiato

    dimentico del tutto o quasi

    di essere stato simile a tuo padre:

    un fiero leopardo delle nevi!

    E ritenendoti anche fortunato

    libero come sei da ogni incombenza

    passato di buon grado a nuova vita.

  

Ti piace?
10
fin_che_ci_sono 10 gennaio

                                                 

 

    Figure

 

      È una strada lunga e silenziosa

      fra il blu del mare e il verde di campagna.

      Talvolta nebulosa per salsedine

      ma dritta e sicura

      fin dove lo sguardo si prolunga

      e i limiti concorrono in un punto

      vicino in apparenza:

      si può immaginare l’Infinito.

 

      Sono in due lungo la strada

      fra viste di campi e occhi di mare.

      Procedono vicini sotto perpetue luci

      e armonia del giorno li accompagna.

      E vanno

      senza un paese da cercare.

      Sempre in cammino sotto lo stesso cielo:

      Ombra e Compagno.

 

Ti piace?
14
fin_che_ci_sono 09 gennaio

                                                                  

   Il cielo d’inverno

 

   La pioggia si sta riversando

   su tutte le cose

   da un cielo coperto senza speranza:

   avesse un volto sarebbe soltanto

   una grinza seriosa.

 

   E avendo del vino

   se lo berrebbe fino all’ultima goccia

   credendo così d’ignorarsi.

 

   E se fosse piangente

   la sua pioggia non farebbe rumore

   e sarebbe intrisa di sale.

 

   E le gambe le farebbe girare

   cercando un qualunque riparo

   dal vento furioso.

 

   Ma con gli occhi troppo arrossati

   guarderebbe amene lontananze

   rapito da tanta nostalgia

   per l’assenza di azzurro e passerotti

   e perché la primavera è lontana.

 

   E se pure scrivesse canzoni

   sarebbero tristi canzoni.

 

Ti piace?
10

                                                                  

  Amo e non amo

 

  Ho attraversando i secoli senza ferite

  né tantomeno incidenti mortali

  e giungo in quest’epoca incerta

  per condividere tutto il suo tempo.

 

  Sono breve e in apparenza insensato

  ma per descrivere in forma adeguata

  i capricci dell’animo umano:

  dolce e gentile quando si concede

  amaro e ingeneroso quando si nega

  e in tutto cangiante

  come lo spirito che lo ha generato.

 

  Viaggerò per tanti secoli ancora

  visitando tempi e paesi

  ma non godendo di fama imperitura!

  E quando la mia lingua morirà

  il mio viaggio sarà per sempre finito

  e il mio poeta dimenticato:

  necessità e silenzio anche per me

  amo e non amo: questo è il mio nome.

 

 

  “Amo e non amo

   sono pazzo e non sono pazzo”

   [Anacreonte - frammento 46, Gentili]

       

Ti piace?
11
fin_che_ci_sono 07 gennaio

                                                                 

  Vuoi esser poeta?

 

  Cancella il dolore dai tuoi versi

  e non descrivere l’immenso amore

  e men che meno l’ermetica morte:

  son temi grandi da porre in poesia

  e ci vorrebbe un grande poeta.

 

  E togli il sole e anche la luna

  e le distese eterne del cielo

  e ugualmente le sue vivide stelle

  già immortalate in canti armoniosi.

 

  Deponi anche le fulgide imprese

  e quanto altro fa levare lo sguardo

  verso lontananze remote

  imponendo astratti pensieri.

 

  E sciolto dal sogno di grandezza

  volgiti intorno: alle minime cose

  che stanno mute ma porgono inviti.

  E se un giorno ne farai poesia

  quel giorno stesso sarai poeta.

 

Ti piace?
10
, , , , , , , , , , , , ,