Libero

magdalene57

  • Donna
  • 66
  • piccola e non confortevole
Sagittario

Mi trovi anche qui

CHAT Ora online BLOG
CUPIDO SITO
ultimo accesso: più di un mese fa

Profilo BACHECA 232

magdalene57 più di un mese fa

passerà..

Ti piace?
5
magdalene57 più di un mese fa

 Vecchia ragazza... ricordati di vivere...
 

 

Ti piace?
6
magdalene57 più di un mese fa

 non ho perso i sogni

 

 

Ti piace?
4
magdalene57 più di un mese fa

 non ho perso i sogni

 

 

Ti piace?
2
magdalene57 più di un mese fa

Non pensare mai

che io sappia

o abbia la capacità intellettuale di

andare oltre.

Sono come un procarioti unicellulari autotrofi.

Destinata ad estinguermi

 

Sopravvivo solo il tempo che ti prendi cura di me

Ti piace?
7
magdalene57 più di un mese fa

Con questa urgenza di vivere che mi porta all'incontinenza nei sentimenti

 

 

Ti piace?
5
magdalene57 più di un mese fa

Io sono un uomo sincero

Io sono un uomo sincero
Da dove cresce il palmo,
E prima di morire voglio
Buttare via i miei versi dall'anima.

 

Vengo da tutte le parti,
E ovunque vado:
L'arte sono tra le arti,
Sulle montagne, monte sono.

Conosco i nomi strani
Dalle erbe e dai fiori
E di inganni mortali,
E di dolori sublimi.

 

Ho visto nella notte buia
Piove sulla mia testa
I raggi di pura luce
Divina bellezza.

Ali nascere ho visto sulle spalle
Delle belle donne:
E uscire dalle macerie,
Farfalle volare.

 

Ho visto un uomo vivere
Con il pugnale di fianco,
Senza mai dire il nome
Di colei che l'ha ucciso.

Veloce come un riflesso
Due volte ho visto l'anima, due:
Quando è morto il povero vecchio,
Quando lei mi ha detto addio.

 

Ho tremato una volta — al cancello
All'ingresso della vigna,—
Quando l'ape barbara
Ha puntato sulla fronte della mia bambina.

 

Ho goduto una volta, di una tale fortuna
Che ho goduto quale mai:—quando
La condanna della mia morte
Ha letto il sindaco in lacrime.

 

Sento un sospiro attraverso
Dalle terre e dal mare
E non è un sospiro,—è
Che mio figlio si sveglierà.

 

Se dicono del gioielliere
Prendi il gioiello meglio,
Prendo un amico sincero
E metto da parte l'amore.

 

Ho visto l'aquila ferita
Volare verso il blu sereno,
E morire nella sua tana
Il serpente del veleno.

 

So bene che quando il mondo
Cedi, livido, al riposo,
Sul silenzio profondo
Borbotta il torrente mansueto.

 

Io ho messo la mano audace,
D'orrore e gioia erta,
Sulla stella spenta
Che è caduto davanti alla mia porta.

 

Nascosto nel mio petto bravo
Il dolore che me lo ferisce:
Il figlio di un popolo schiavo
Vivi per lui, taci e muori.

Tutto è bello e costante,
Tutto è musica e ragione,


E tutto, come il diamante
Prima della luce è carbone.

So che lo stupido si seppellisce
Con grande lusso e con grande pianto.
E che non c'è frutto sulla terra
Come quella del camposanto

 

Zitto e capisco, e mi tolgo
La pompa del rimatore:
Appeso a un albero appassito
La mia mucetta da dottore

 

Giuseppe Martí 

Ti piace?
7
magdalene57 più di un mese fa

 Sull'onda dei ricordi .... mamma

 

 

Ti piace?
4
, , , , , , , , , , , , ,