Libero

AbramNicholas

  • Uomo
  • 53
  • Venezia
Cancro

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita AbramNicholas a scrivere un Post!

Mi descrivo

Innamorato della mia città. Innamorato della vita e delle sorprese che non finisce mai di regalare. L'amore è un fiume che non si esaurisce mai, più se ne dà e più se ne vorrebbe dare.

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

Inglese, Cinese, Francese

I miei pregi

Paziente, tollerante

I miei difetti

Intelligente, esigente

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. Il suo sguardo impaziente
  2. Spogliarla lentamente
  3. Il profumo della pelle

Tre cose che odio

  1. La volgarità
  2. L'egoismo
  3. Il poco rispetto di se' stessi e degli altri

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Spiagge incontaminate

Vacanze Ko!

  • Spirituale
  • Passioni

    • Viaggi
    • Fotografia
    • Lettura

    Musica

    • Rock
    • Techno

    Cucina

    • Piatti italiani
    • Cinese

    Libri

    • Diari di viaggio
    • Avventura

    Sport

    • Pallavolo
    • Nuoto
    • Calcio e calcetto

    Film

    • Thriller

    Meta dei sogni

    Australia e Nuova Zelanda, Sud-Est asiatico

    Bocca

    Occhi azzurri Bocca carnosa Mi avvicino Bacio gli occhi Le labbra La mia lingua Cerca la tua Mordo l’orecchio E scendo La bocca Cerca i capezzoli Li stringo Li mordo La lingua Scorre sul corpo Fino ad arrivare Dove esplode il piacere Mi dici Ti voglio La bocca Ti accoglie Mi accoglie E io Entro dentro di te Sei mia Sono tuo E L’amore Ci nutre E La bocca Si schiude Per dire Ti Amo

    Legame d’amore

    Ti amo. Lo sai, vero? Non puoi non saperlo. Lo vedi da come ti appartengo. Non posso smettere di guardarti pensarti sfiorarti desiderarti sognarti volerti pretenderti. Non so starti lontano. Mi sei indispensabile. E anch’io lo sono per te. Non riesci ad allontanarti da me e dai miei desideri, come una vera schiava d’amore. Schiava e Dea del mio desiderio, e artefice del mio amore. Mi piace tutto di te. Il tuo corpo sa di calore trattenuto e di notti insonni.Vorrei prenderti tra le braccia e mettere la testa sulla tua spalla e stare lì mentre il sole scende dietro le finestre. Poi sarebbe una danza lenta e dolce, passi di avvicinamento e dita allungate, pelle sottile e tesa nel bisogno e nel desiderio, e palmi curvi a cercare l’altro e occhi sempre più scuri e bocche socchiuse e lingue umide. Oppure no. Sarebbe una presa forte sulle braccia fino a spingerti con furia contro la parete e tenerti mentre ti bacio frugando la tua bocca con ansia e fame troppo vecchia per ricordarne l’inizio, le mani sulla tua schiena a premere le vertebre e scorrerne il profilo: carne su ossa e sangue sotto la pelle. Dio quanto ti amo! Il mio cuore era morto ruvido e aspro, e ora è lucido vivo pulsante, levigato dalla tua voce che infrange sillabe e diluisce vocali, nel tumulto del mondo che scorre dentro noi e sotto noi, mentre le tue gambe si intrecciano al mio stomaco e ai reni e tu sei sangue e sudore e vene. E io so che non posso più stare senza di te. Io non sono nulla senza te e non farò mai a meno di te. Mai! Stai tranquilla, io non ti lascerò mai sola.E ora buonanotte tesoro mio. Ti amo tanto. L’uomo si chinò a baciare la fronte della ragazza con una tenerezza infinita, poi le accarezzò il viso guardandole gli occhi verdi, l’unica cosa che spuntava dal bavaglio che le impediva di urlare. Infine si rialzò e controllò le catene attorno alle caviglie prima di uscire spegnendo la luce. Il rumore del lucchetto alla porta fu l’ultima cosa che la ragazza udì.

    Legami

    Legami Legami i polsi, le gambe, il mio cuore Fa che io senta tutto il tuo amore Il mio corpo vuole imparare a riconoscere le tue mani, le tue labbra.... Vuole fremere al suono della tua voce ai tuoi comandi vuole ubbidire La mia mente dovrà imparare a capire quello che mi vuoi dire, senza neanche parlare il mio corpo dovrà dare Legami i polsi, le gambe, il mio amore Non farmi fuggire, non mi spaventare Insegnami ad amarti con la mente, con il corpo Fai presto amore mio o fuggirò. 

    whos.amung.us

    Pelle

    La tua pelle E’ un marchio sulla mia Un brivido indelebile Che percorre tutto il corpo Quando la sfiori Il sangue Scorre impazzito nelle vene E il mio cuore freme Il piacere che mi dai Solo tu lo sai Nessuno la può toccare Solo tu ci puoi giocare Solo tu la puoi plasmare La tua pelle E’ un marchio sulla mia L’acqua non lo laverà via Il suo odore è su di me Il suo sapore è su di me La tua pelle E’ il mio vestito Mi copre e dà calore Solo tu sei il mio amore La tua pelle È la mia pelle

    Spezza le catene

    Rinchiusa in una prigione d'amore la ragazza chiede un attimo di pietà al proprio cuore ma esso non ascolta. Crede di morire, si sente rinascere, ha mille sensazioni dopo che sente il suo nome e lo vede al di fuori delle sbarre. Ma appena lui se ne va ritorna nel suo dolore e grida aiuto. Io ti rispondo, amica mia. Poichè ho avuto la disgrazia o la benedizione del dono della saggezza, questa è la mia risposta. Le chiavi del tuo cuore le hai tra le mani aprilo oppure gettale via perchè nonostante tutto il dolore che provi nessuno, neanche questo folle amore, ti impedirà di rimanere quella che sei.t

    Doccia

    Una giornata alle corse, seguita da un tuffo in piscina, seguito da 5 minuti nella sauna, seguita da una doccia, seguita dalla lettura della posta (non molto interessante) poi la mogliettina racconta qualcosa della sua giornata, i miei sette gatti mi accolgono uno alla volta e la serata comincia. Dal puro inferno a questo. Riuscirò a sopportarlo? Ci riuscirete voi? Ma non preoccupatevi l´inferno tornerà, rinvigorito mi troverà di nuovo più vecchio, più grasso e io ti farò rapporto, caro lettore, nello stile a cui ti sei abituato.
    , , , , , , , , , , , , ,