Libero

Calzeverdi

  • Donna
  • 49
  • Oltre
Toro

Mi trovi anche qui

Amici

Calzeverdi non ha ancora amici. Chiedi l'amicizia prima di tutti!

Ultime visite

Visite al Profilo 445
Bacheca45 post
Calzeverdi 19 ore fa

SCAMBIO DI MESSAGGI.

Così mi hai trovata.  Niente può sfuggirti. Se non ricordo male ma il cancro molte cellule le ha bruciate, oggi è il tuo compleanno. Io non lo festeggio più. Tu non lo so. In dono ti porto la mia amicizia. Nulla di più. 
Grande saggio indiano. Nella tribù sedevi nel consiglio degli anziani. Poi siamo stati attaccati ed io uccisa con uno scalpo. Lunghi capelli neri lisci appesi ad un ramo che sventolavano grondando sangue. Mio figlio trascinato a terra legato ai piedi ad un cavallo. Sangue e decapitazione ovunque. Grida, urla.. quando mi hai mostrato la foto del cadavere sulle rotaie tutto ciò che ti ho scritto sopra è di nuovo apparso ai miei occhi. 
Non mi fermo con te, non sono tua. Sto cercando la persona che mi fermerà, sempre che esista qualcuno in grado di farlo. Nel viaggio della ricerca dono energia e ne ricevo. Se ci incontreremo nuovamente sarò per te solo un amica. Se questo per te non va bene. Dimmelo e cancellerò nuovamente il contatto telefonico.
Un abbraccio.

☯️☯️☯️☯️☯️☯️☯️☯️☯️☯️☯️☯️☯️

Ricordi molto bene piccola Squaw oggi un anno di più
Non voglio che tu sei mia
«La rana non si ingozza mai di tutta l’acqua dello stagno in cui vive.»
Tu sei del mondo perché nel mondo vivi e non ci sarà mai nessuno che ti fermerà
Chissà un giorno ci rincontreremo Vorrei riuscire a donarti ancora tanta energia come una grande amica che è da sempre che coltiviamo la nostra conoscenza
Ho acceso un tuo incenso il fumo che ne usciva ha disegnato nell'aria il tuo volto tutto ha riportato il tuo profumo e la tua energia ha riempito la stanza
Tieni il mio contatto telefonico mi rende orgoglioso e mi fa molto piacere
Mi hai sfidato hai sfidato orso di lago e così come vedi ti ho trovato e saprò così conservare il nostro segreto
Un abbraccio e un soffio nell'orecchio.

Ti piace?

Mi descrivo

Una donna sensuale ed erotica è colei che ispira sesso senza essere esplicita... Una donna che profuma di ingenuità anche se non lo è... Non è quella che si sveste, ma quella che ti spoglia di anima e certezze e che quando se ne va, ti porta via anche la pelle. Sfiorarla è un rischio. Illuderti che ti appartenga è pura utopia. NON APPARTENGO.

Su di me

Situazione sentimentale

single

Lingue conosciute

Sanscrito

I miei pregi

Non ho pregi

I miei difetti

Sono un difetto

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. Amo
  2. Tutto
  3. L'Universo

Tre cose che odio

  1. Non
  2. Odio
  3. Ignoro

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Avventura
  • Prendo l'auto e parto
  • Spirituale

Vacanze Ko!

  • Crociera
  • Spiagge incontaminate
  • Settimana bianca
  • Passioni

    • Lettura

    Musica

    • Alternative
    • Rock
    • Classica
    • Blues
    • Jazz

    Cucina

    • Piatti italiani
    • Pizza

    Libri

    • Diari di viaggio
    • Biografie
    • Psicologia
    • Classici
    • Gialli

    Sport

    • Atletica
    • Running
    • Trekking
    • Arti marziali
    • Arrampicata

    Film

    • Biografico
    • Documentario

    Libro preferito

    I fiori del male. Il Profeta. Il Piccolo Principe. Siddharta

    Meta dei sogni

    Nepal. Tibet. Universo.

    V dimensione

    QUELLO CHE FANNO LE PERSONE CHE SONO GIÀ NELLA 5° DIMENSIONE
    👉1. = Fanno fatica nel guardare la TV.
    👉2. = Per loro, competere non ha più senso.Invece di competere, preferiscono condividere e divertirsi.
    👉3. = Sanno che la quinta dimensione non è un luogo ma una frequenza, uno stato vibratorio.
    👉4. = Non hanno più paura dell'ignoto.
    Sanno che il mondo extrafisico fa parte della natura e la paranormalità deve essere vista come qualcosa di naturale e non spaventoso e disturbante.
    👉5. = Sanno che il diavolo non esiste.
    Ciò che esiste è una grande egoista alimentata da orgoglio, egoismo, avidità, paure e illusioni.
    👉6. = Vogliono stare da soli ma allo stesso tempo, quando sono con altre persone, vogliono stare con loro pienamente e intensamente.
    👉7. = Sentono di avere uno scopo nella vita e vogliono trovarlo.
    👉8. = Hanno capito che vincere nella vita non significa morire ricchi, tanto meno sconfiggere gli altri per dimostrare di essere migliori e più combattivi.
    Sanno che guadagnare nella vita è superare i propri limiti e le proprie paure e arrivare alla fine della propria vita con un cuore che batte con gratitudine sapendo che se non riescono a soddisfare tutto quello che hanno ottenuto, almeno ci hanno provato.
    👉9. = Già si stanno rendendo conto che la nostalgia non è un brutto senso di perdita, ma un sentimento che un giorno troveranno tutte le persone che hanno amato e che qualche volta sono passate nella loro vita.
    👉10. = Vogliono aiutare l'anima del mondo e sono pronti, perché è uno degli scopi che sono riusciti a compiere in questo passaggio terreno attuale.
    Sanno che non sono venuti qui solo come turisti spirituali...

    (Da: La Chiave dell'Anima. Ripreso da Ester Rajt)

    Alberi

    Per me, gli alberi sono sempre stati i predicatori più penetranti. 
    Li rispetto quando vivono in tribù e famiglie, in foreste e boschetti. E ancora più li rispetto quando sono soli. 
    Nei loro rami più alti il ​​mondo arrossisce, le loro radici si riposano ma non si disperdono nel riposo, lottano con tutta la forza della loro vita per una sola cosa: quella di compiersi secondo le proprie leggi, quella di darsi la propria forma per rappresentarsi. 
    Niente è più santo, niente è più esemplare di un albero bello e forte. 
    Gli alberi sono santuari. 
    Chiunque sa parlare con loro, chiunque sappia ascoltarli, può imparare la verità. 
    Un albero dice: Un kernel è nascosto in me, una scintilla, un pensiero, io sono vita dalla vita eterna. 
    Un albero dice: La mia forza è la fiducia. Non so niente dei miei padri, non so niente di quei mille bambini che ogni anno vengono generati da me. Vivo il segreto del mio seme fino alla fine, e mi importa nient'altro. Credo che Dio sia in me. 
    Credo che il mio lavoro è santo. Di questa fiducia vivo.
    Quando siamo colpiti e non possiamo più sopportare la nostra vita, allora un albero ha qualcosa da dire: fai ancora! Sii ancora! Guardami! La vita non è facile, la vita non è difficile. La casa non è né qui né lì. La casa è dentro di te, o la casa non è affatto.
    Se uno li ascolta in silenzio per lungo tempo, questo desiderio rivela il suo kernel, il suo significato. 
    Non è tanto questione di sfuggire alla sofferenza, anche se può sembrare così. È una nostalgia per la casa, per un ricordo della madre, per nuove metafore per la vita. 
    Chiunque abbia imparato ad ascoltare gli alberi non vuole più essere un albero. Vuole essere nient'altro che quello che è. 
    Quella è casa. Questa è la felicità.

    (Herman Hesse)

    ... E ti vengo a cercare 

    perché sto bene con te 
    perché ho bisogno della tua presenza.

    ( Franco Battiato, E ti vengo a cercare )

     

     

    Benedizione

    Questa sera Cerchio di Luce per caricare di Energia il nostro compagno che parte per la Germania.

    Saremo sempre con te. 

    Un faro a cui rivolgerti quando ti sentirai solo e sperso. 

    Non sarai mai solo.

     

     

    Una battaglia

    Ho lasciato la mia testimonianza. Verrà utilizzata per una tesi. 

    La gente comprenderà che come c'è dignità di vita deve esserci anche dignità di morte?

     

     

    Freccia gialla.

    La neve scende copiosa e rallenta il mio allenamento quotidiano.

    Un appuntamento con la "freccia gialla" rimandato da 5 anni. Zaino in spalla e aumento i km. 

    Sono testarda e raggiungerò il mio obbiettivo. 

    Cammino e non sento più il freddo. 

    La mente spazia.

    Un viaggio mi aspetta. 

    Cammino. 

     

    Olii e le nostre mani

    Lei amava scopare. Le piaceva raggiungere l' orgasmo con amore. Si dilettava in giochi erotici che la portavano al pieno compimento dei suoi desideri. Non amava le figure ne le esibizioni forzate. Amava il piacere e questo suo fondersi con un altro corpo le procurava appagamento. Apriva le gambe per dare voce al piacere. Si cospargeva di olio di mandorle dolci. Si nutriva di mani levigate che procuravano intense pulsioni, pari a quelle che da una vagina in pieno orgasmo.
    Era un amplesso senza eguali quel che donava anche a se stessa e culminava in uno sfancamento dei corpi uniti da un bacio. Essenza d' amore.

    G. S.

    Medina

    L'intero album. Un genio. 

     

    Disegno

     

    La penna in mano ha cominciato a scorrere sul foglio. 

    Un'indicazione. Posso di nuovo guardare Oltre. 

    :)...????...ahhh....bohhh

     

    E che sarà mai...Capodanno? Sicuri? Ore, giorni, mesi, anni tutta invenzione dell'uomo per misurare il tempo. Io lo misuro in battiti del cuore. Nelle fasi della luna, negli equinozi, nelle stagioni e questa sera in sorsi del mio drink preferito. Ho acceso un incenso, tra poco spegnerò la luce artificiale ed entrerò nella nostra dimensione. 

    Abbraccerò l'Universo. Sarò abbracciata da Te. Non m'importa più di nulla. I battiti accelerano, poi si quieteranno...e domani, domani è già qui...

    Dolcezza

    Carezze da uno Sciamano non hanno lenito la mia profonda ferita. 

    Una settimana di pausa ed arriva di nuovo il vento freddo del Nord.

    Non ho valige da fare. Sono sempre pronta a partire.

     

    Seduta a guardare...

     

     

     

    Seduta a guardare mentre il sole va giù...ridere ridere con le mani tra i tuoi capelli. Sentire i brividi dei tuoi baci sulla mia pelle. Fermarsi e bere un te con la grappa. Ridere e sorprendermi di quanta energia ci siamo donati....e domani domani stare ancora così...stelle, lago, un abbraccio.Grazie. 

    Amo le persone che ti cercano non quando hanno bisogno di te ma anche solo per sapere come stai. È per questo che amo pochissime persone!

    E Lui ogni tanto mi pensa e mi fa arrivare, attraverso vie intricate, il suo pensiero. Lo scarto ma so cosa contiene e mi immergo in quel profumo e in quel mondo a sé. Insieme sempre una dedica. Lui sa che non potevo stargli accanto nella forma che desiderava. Nonostante ciò mi vuole un bene immenso e mi invita sempre a trascorrere quanti giorni voglia nella sua nuova residenza. Grazie. 

     

     

    Stazione

    Stavo riflettendo sulla stazione.

    A volte sono stata treno e mi sono fermata ad alcune stazioni facendo salire un uomo o più uomini. Altre volte li ho fatti scendere.

    A volte sono stata stazione e sono salita o scesa su un treno.

    Una sola volta ho aspettato in stazione un uomo per consegnarli un prezioso dono. Lui non è mai arrivato. Ha fumato una sigaretta Muratti e la spenta. Pensando, decidendo, andandosene.

    Ora incontro un ingegnere meccanico ferroviario che si occupa del traffico sulle rotaie. 

    Non sono treno, non sono stazione. 

    Mi fermo e lo osservo.

    Un invito a cena per un prossimo giorno.

    Accetto. 

    Potrebbe spiegarmi il traffico nella mia mente. Potrebbe far deragliare quell'unico treno perso.

    Potrebbe...

    Scacchiera

    Quante volte ho giocato a scacchi? In questo corridoio come nella vita, infinite sono le mosse. Ho perso? Ho vinto? 

    Ho giocato.

     

    Cigni

    Il loro non era mai un ritrovarsi perché... per quanto il destino congiurasse per tenerli lontani... loro conoscevano un solo modo di perdersi: l'uno fra le braccia dell'altro.
    - De Sanctis

     

     

     

     

    Distanze

    Tu al caldo della tua città. Io immersa nella neve con gli sci a percorrere un sentiero dove il sentiero non c'è, me lo invento. Non sento freddo. Non sento la mancanza. Certo, ci incontreremo nuovamente e sarà come la prima volta. Ho scelto Eros e non Thanatos. Tu mi fai domande sul passato. Ma il passato non c'è più. Tu mi chiedi le mie aspettative sul nostro rapporto. Ma io non ho aspettative. Mi nutro delle emozioni che si creano. Non sento freddo. La scintilla è custodita e si mantiene accesa. Non esiste distanza. Sto bene da sola. Sto bene con te. Sto bene.

    Roulette russa

    Ti ho raccontato della prova affrontata per una sfida. Non credevano che io non temo più nulla. Gelo sulla tempia. Click. Nulla. Toccava a loro. Hanno posato sul tavolo quell'arma. Poi mi guardavano increduli. 

    Anche tu mi hai detto "che cazzo hai fatto!". 

    Ora siamo reciprocamente la"roulette russa". 

    NOI.

    3 panini, 2 bottiglie ed un cielo stellato che ci aspetta.

    Esplodiamo.

    Acqua fredda/tiepida

    Fai la brava. 
    Non esagerare. 
    Comportati bene. 
    La gente cosa penserà di te? 
    Quante volte ho sentito queste parole. 
    Fin da bambina mi sono state ripetute fino a stordirmi. 
    Soffocare i bisogni della mia anima selvaggia. Spezzare il collegamento con il mio spirito libero. 
    O ero troppo, o troppo poco. 
    Abbassa la musica, posa la penna, zittisci il canto, ferma la danza. 
    Per essere degna di Amore. 
    Bruciare la parte selvaggia, ridurre in cenere l’istinto. 
    Consumata dal fuoco della cremazione invece che dal fuoco creativo. 
    Uniformarmi per essere accettata? 
    Mai più!
    A costo dell’esilio. 
    Il vero io è quello che tu sei, non quello che hanno fatto di te.

    -Paulo Coelho

    Oggi ho incontrato R. Acqua fredda/tiepida. Non mi trattengo in una relazione che non mi dà stimoli e non crea "fuoco". 

    Proseguo.

     

     

     

    Comandante V

    Seduti a chiacchierare delle nostre relazioni. A parlare di tango e d'amore. A toglierti la maschera che devi indossare tutti i giorni. A permetterti d'amarti. A farmi centinaia di domande sulla mia relazione ormai conclusa, così complicata e travolgente. 

    Anima solitaria che si apre a me. Non posso insegnare ad amare. L'amore arriva improvvisamente e non avvisa. 

    Bisogna abbandonarsi al flusso della sua energia senza opporre ostacoli. 

    Non sono forte. Quante volte sono caduta e ricaduta. Sembro forte. "Di un altro pianeta" e mi dedico la poesia di Buodelaire. 

    Parlare con te mi ha reso ancora più consapevole della decisione presa. 

    Domani un nuovo incontro. Ora sono qui. 

     

     

    Jhonny

    Avrei dovuto partire per raggiungerti e trascorrere ore a parlare, danzare e rimanere in silenzio. Tu mi chiedevi spesso della mia scelta e non capivi. Ti sei ritrovato sul percorso che io faccio da 5 anni. Cosa sceglierai ora? Condividerai e /o capirai perché a Bologna ho scritto quel racconto e preso quella decisione? Oppure vorrai diventare un numero su uno schermo ed entrare nelle statistiche?

    "Sei una donna troppo libera", ancora risuonano queste parole. 

    Sì, libera di amare, viaggiare, sperimentare e decidere di rimanere o partire. 

    Un giorno ci rincontreremo in qualche battaglia. 

    Un abbraccio kompagno.

    LE SEPARAZIONI E I DIVORZI NON SONO FALLIMENTI... perché hai scelto di rimanere accanto a chi non ami ma ha i soldi per mantenere i tuoi vizi? Sei un fallito ai miei occhi. Un traditore per il mio cuore. Stai sbiadendo. Buona fortuna.

    ′′Un giorno ci sposiamo, formiamo una famiglia, siamo felici qualche anno... e all'improvviso tutto cambia, senza rendercene conto, l'amore finisce.
    E poi la gente mormora, ti giudica e alla fine condanna:
     ′′hanno fallito nel loro matrimonio ". 
    e non è vero. 
    Fallire è giocare ad essere ′′ la famiglia felice ".
    Fallire è ingannare il tuo partner, i tuoi figli e te stesso...
    Fallire è rimanere per convenienza. 
    Fallire significa manipolare il tuo partner con i figli. 
    Fallire è vivere una vita grigia.
    Fallire è non arrivare felice a casa tua ogni sera. 
    Fallire è elemosinare l'amore di chi non ti ama più. 
    Fallire è fingere di amare. Fallire è rimanere per paura della solitudine. 
    Fallire è vivere con qualcuno per paura di ′′ cosa diranno ". 
    Fallire è non lottare per essere felici.. fallire è credere che l'amore non esista... 
    Il mio rispetto per tutti coloro che hanno avuto il coraggio di non vivere nel fallimento. 
    E il più grande applauso a tutti coloro che sono ancora felici e innamorati dopo tanti anni
    Combatti per il tuo matrimonio, ma quando non c'è più motivo di lottare... combatti per la tua felicità ".

    Nataly Vivanco

    Pensiero speciale

    Passo dopo passo lascio il mio passato alle spalle. Non posso continuare a farmi male. Non posso essere ciò che volevi da me.

    Una carezza nel vento mi ricorda di volermi bene. Questa Carezza è un pensiero speciale per te che non sei più al mio fianco ma mi hai amata e mi hai insegnato a rimanere uno spirito libero. Ti ho portato con me nello zaino e come dono mi hai fatto trovare una margherita. Novembre, raggi di sole caldo, un posto tranquillo dove fermarmi e riconciliarmi con me stessa. 

    Passo dopo passo mi voglio bene.

     

     

     

     

     

    ...hai sogni felici?...sogno felice...sono felice...

     

    Viaggio

     

    ...ed ecco il nuovo furgone attrezzato a camper per il prossimo viaggio. Personalizzato con il nome della destinazione. :)

    Mi fermerò a Bologna, a Roma e poi ti verrò a prendere. Gireremo nella tua Terra e risalendo percorreremo l'altra costa. Ci fermeremo per poco a casa tua e poi nella mia nuova dimora. Valli, fiumi, mare, montagne. Tramonti ed albe.

    Quanto tempo? Non lo conteremo.

    Qualità di tempi è ciò che abbiamo cercato e voluto. 

    Preparo lo zaino.

    Sono difficile da addomesticare 🙃

    In quel momento apparve la volpe.
    «Buon giorno», disse la volpe.
    «Buon giorno», rispose gentilmente il piccolo principe, voltandosi:
    ma non vide nessuno.
    «Sono qui», disse la voce, «sotto al melo…»
    «Chi sei?», domandò il piccolo principe, «sei molto carino…»
    «Sono la volpe», disse la volpe.
    «Vieni a giocare con me», le propose il piccolo principe, «sono così
    triste…»
    «Non posso giocare con te», disse la volpe, «non sono addomesticata.»
    «Ah! scusa», fece il piccolo principe.
    Ma dopo un momento di riflessione soggiunse:
    «Che cosa vuol dire “addomesticare”?».
    «Non sei di queste parti, tu», disse la volpe, «che cosa cerchi?»
    «Cerco gli uomini», disse il piccolo principe. «Che cosa vuol dire
    “addomesticare”?»
    «Gli uomini», disse la volpe, «hanno dei fucili e cacciano. È molto
    noioso! Allevano anche delle galline. È il loro solo interesse. Tu cerchi
    delle galline?»
    «No», disse il piccolo principe. «Cerco degli amici. Che cosa vuol
    dire “addomesticare”?»
    «È una cosa da molto dimenticata. Vuol dire “creare dei legami”…»
    «Creare dei legami?»
    «Certo», disse la volpe. «Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino
    uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure
    tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale
    a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno
    l’uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica
    al mondo.»

     

    ...ed io mi perdo nella danza sufi...

     

    Oggi... Il cielo ha tante tonalità di azzurro... più si guarda in alto e più è blu... non so... se è l'effetto nebbia dei giorni scorsi... Mi perdo in questo blu. Divento cielo.

     

    Ho vagabondato per mesi. Ora mi sono fermata. Inizio un nuovo cerchio. Inizio da me. Un rifugio dove poter tenere i miei adorati libri. Ho regalato oggetti e vestiti. Ho gettato ricordi non più indispensabili tra cui le poche fotografie. Ho scelto una vita di essenzialità. Mi guardo intorno e ci sono troppi scatoloni. Dovrò ancora togliere. Intanto inauguro purificando.
    Quando purificol’ambiente purifico anche me stessa.
    Quando purificol’ambiente purifico la mia anima dai pensieri negativi, il mio corpo dalla rabbia e dalla negatività che ho accumulato.
    Usola rosa per purificare gli ambienti e addolcirli. Uscita la menta per la concentrazione. Uso l’iperico per tenere lontano la negatività. Uso la mirra per connettermi con il divino.
    Uso la copAle per attirare il benessere, la bellezza e il mio amore interiore. 
    Uso il palo Santo per purificare non solo gli ambienti di casa ma anche il mio animo. 
    Uso la salvia bianca per purificare da tutte le negatività e da tutte le cose nocive.
    Quando purifio il rifugio sto purificando anche il mio animo, il mio corpo e il mio spirito.

     

     

     

     

     

    A volte rimango seduta ad osservare il fiume scorrere. Lascio fluire i pensieri. A volte riaffiorano ricordi assopiti che lascio andare. A volte un volto torna alla memoria e se il cuore batte ancora aspetto il suo ritorno. No, non è facile gestire una relazione a più di 800 km di distanza. Il mio spirito solitario non viene compreso. La mia natura ribelle ed anarchica riaffiora. Lotto per diritti dimenticati e per altri che ancora non sono compresi. Difficile restarmi accanto. Comprendo. Scivola via anche questo pensiero e rimane il silenzio dentro di me e lo scorrere dell'acqua sui sassi. 

    , , , , , , , , , , , , ,