Libero

LaSoraLella1

  • Donna
  • 69
  • roma
Sagittario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 6

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita LaSoraLella1 a scrivere un Post!

Mi descrivo

so brava so bona.....e so pure tanta....meio de tutte voi che nun magnate mai...........!

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. li bucatini
  2. la paiata
  3. la coda a'vaccinara

Tre cose che odio

  1. nun magnà
  2. chi me dice mignotta.....
  3. chi nun me pia pe signora...io lo so'

per la nonna

A..............n'vidiose.........ma nun ve vergognate......!

Rivogliamo su Libero "nonna" Rosy (lanonna_di_cettina).

Non è possibile censurare l'ironia intelligente
 e la libertà di pensiero!!!


Invito amiche ed amici e quanti la conoscono a rilanciare questo appello o uno simile sul proprio profilo

 

UN BACIO A TE CHE PASSI DA QUI...PASSIONALE PERO'...!

n'do se beve

SE 'NVECE DER VITELLO TE DANNO ER MULO...

TU MAGNA, STATTE ZITTO E VAFFANCULO....

W LA PORCHETTA

 

Per avere una buona porchetta occorre disporre di un maialino di 40-50 kg (peso da vivo). nella pulizia che fa seguito alla mattazione, va messa molta cura nel privarlo di tutte le setole, raschiandolo con acqua bollente. asportare poi le "frattaglie" e "conciarle". sgrassare, lavare e mettere, sotto sale e un goccio di aceto, trippa e budella. lavare e tagliare a pezzi cuore, polmoni, milza, fegato. sciacquare trippa e budella e tagliare a pezzi. riunire il tutto e lessare per qualche minuto. sbollentare per 10 minuti il finocchio (in abbondanza) e diversi spicchi d'aglio. lavare la parte interna del maiale e "selezionarlo", ossia praticare numerosi tagli, profondi, in senso verticale e trasversale; salare e pepare abbondantemente. mescolare le frattaglie con sale, pepe, il finocchio e l'aglio precedentemente lessati e scolati. riempire il maiale, facendo attenzione di farne penetrare una discreta quantità nei tagli praticati all'interno. "ricomporre" il maiale, ricucendolo e legandolo con filo di ferro, dopo averlo "impalato" con un grosso bastone dall'ano alla bocca. metterlo su due cavalletti di ferro in un forno, scaldato a legna, molto caldo. dopo due ore e mezza-tre, la porchetta è pronta. è molto difficile stabilire il punto giusto di cottura. macellai esperti consigliano di infilzare un coscio con uno spiedo; ritirando lo spiedo se questi ritorna asciutto è cotto, se ritorna grasso la cottura non è ancora completata.

, , , , , , , , , , , , ,