Libero

Mynamejoeblack

  • Uomo
  • 53
  • Roma
Acquario

Mi trovi anche qui

Profilo BACHECA 6

Mynamejoeblack più di un mese fa

"Quando l'amore vi chiama, seguitelo.
Anche se le sue vie sono ardue e ripide.
E quando le sue ali vi avvolgeranno,
affidatevi a lui. Anche se la sua lama,
nascosta tra le piume vi può ferire.
E quando vi parla, abbiate fede in lui.
Anche se la sua voce può distruggere i vostri sogni
come il vento del nord devasta il giardino.
Poiché l'amore come vi incorona così vi crocifigge.
E come vi fa fiorire così vi reciderà.”

Ti piace?
1
Mynamejoeblack più di un mese fa

Il prendere in giro è lo sfogo da parte di persone insicure della propria stima. è quel nervosismo, provocato da alcune persone, di vedere altre saper portare avanti la propria esistenza senza richiedere aiuto da parte di altri e del gruppo branco. Questo conduce a rabbia e voglia di farla pagare, nel mettere quel panico e paura che ha la stessa persona che prende in giro!

Ti piace?
12
Mynamejoeblack più di un mese fa
Fin quando dai la caccia alla felicità,
non sei maturo per essere felice,
anche se quello che più ami è già tuo.

Fin quando ti lamenti del perduto
ed hai solo mete e nessuna quiete,
non conosci ancora cos'è pace.

Solo quando rinunci ad ogni desiderio
e non conosci né meta né brama
e non chiami per nome la felicità,

Allora le onde dell’accadere non ti raggiungono più
e il tuo cuore e la tua anima hanno pace
Ti piace?
5
Mynamejoeblack più di un mese fa

Non leggiamo e scriviamo poesie perché sono carine. Leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana. E la razza umana è piena di passione. E la medicina, la legge, gli affari, l’ingegneria, sono attività nobili e necessarie per sostenere la vita. Ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono questi i motivi per cui restiamo vivi.

Ti piace?
12
Mynamejoeblack più di un mese fa

Non possiamo mai essere sempre, per sempre, le stesse persone: le esperienze ci cambiano e le esperienze stesse, quelle che viviamo sono, a loro volta, sempre diverse. Così, è come se esistesse un continuo presente che paradossalmente non è mai lo stesso. Eppure, è di questo presente, cattivo o benevolo, che dobbiamo fare tesoro, ne cogliamo l’attimo, godiamo dei frutti subitanei della conoscenza, una conoscenza nuova che, probabilmente, ci servirà in altri contesti.

Ti piace?
11
, , , , , , , , , , , , ,