Libero

Pazzarella_76

  • Donna
  • 44
  • Napoli
Acquario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 14 dicembre

Ultime visite

Visite al Profilo 2.424

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita Pazzarella_76 a scrivere un Post!

Mi descrivo

"ho scoperto il segreto del mare meditando su una goccia di rugiada"...questa frase è di Gibran ma rispecchia il mio modo di sentire e vivere ciò ke mi circonda, allo stesso modo vorrei essere conosciuta,come una scoperta che non finisce mai...

Su di me

Situazione sentimentale

single

Lingue conosciute

Inglese

I miei pregi

dolce, tollerante, allegra, passionale,ironica..

I miei difetti

...tantissimi!!! ma soprattutto disordinata e sempre in ritardo

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. il mare impetuoso al tramonto,la pioggia,l'amore
  2. le risate,il silenzio,la natura,leggere,viaggiare
  3. ballare...3 cose sono poche!!

Tre cose che odio

  1. la meschinità
  2. l'avidità
  3. l'arroganza

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Spiagge incontaminate

Vacanze Ko!

  • Villaggio turistico
  • Passioni

    • Lettura
    • Musica
    • Cinema

    Musica

    • Jazz
    • Rock

    Cucina

    • Piatti italiani

    Libri

    • Classici
    • Psicologia

    Sport

    • Bike
    • Sci
    • Arti marziali

    Film

    • Animazione

    Libro preferito

    Amo le poesie, tutti i librii di Kundera e Saramago, Il Signore degli Anelli, e...non c\'è spazio per elencarli tutti!

    Meta dei sogni

    Irlanda e Scozia, Isole tropicali in generale

    Film preferito

    Matrix(il primo), Henry ti presento Sally, Star Wars

    Risveglio

    Qualunque fiore tu sia,
    quando verrà il tuo tempo, sboccerai.
    Prima di allora, una lunga e fredda
    notte potrà passare. Anche dai sogn
    i
    della notte trarrai forza e nutrimento.
    Perciò, sii paziente verso quanto ti accade
    e curati e amati, senza paragonarti
    o voler essere un altro fiore.
    Poiché non esiste fiore migliore
    di quello che s'apre alla pienezza
    di ciò che è.
    E quando ti avverrà,
    potrai scoprire che andavi sognando
    di essere un fiore che aveva da fiorire.

    di Walter Gioia, da Alle sorgenti dell'essere 

      Canzone del maschio e della femmina!

    Canzone del maschio e della femmina!
    Il frutto dei secoli, che spreme il suo succo
    nelle nostre vene.

    La mia anima si diffonde nella tua carne distesa
    per uscire migliorata da te, il cuore si disperde
    stirandosi come una pantera,
    e la mia vita, sbriciolata, si annoda
    a te come la luce alle stelle!
    Mi ricevi
    come il vento la vela.
    Ti ricevo
    come il solco il seme.
    Addormentati sui miei dolori se i miei dolori
    se i miei dolori non ti bruciano,
    legati alle mie ali,
    forse le mie ali ti porteranno,
    dirigi i miei desideri, forse ti duole la loro lotta.
    Tu sei l'unica cosa che possiedo
    da quando persi la mia tristezza!
    Lacerami come una spada
    o senti come un'antenna!
    Baciami,
    mordimi,
    incendiami,
    che io vengo alla terra
    solo per il naufragio dei miei occhi di maschio
    nell'acqua infinita dei tuoi occhi di femmina!

    Pablo Neruda

    LUNA ROSSA

    Cento Sonetti d'Amore (XVII)

    Non t'amo come se fossi rosa di sale, topazio
    o freccia di garofani che propagano il fuoco:
    t'amo come si amano certe cose oscure,
    segretamente, entro l'ombra e l'anima.

    T'amo come la pianta che non fiorisce e reca
    dentro di sè, nascosta, la luce di quei fiori;
    grazie al tuo amore vive oscuro nel mio corpo
    il concentrato aroma che ascese dalla terra.

    T'amo senza sapere come, nè quando nè da dove,
    t'amo direttamente senza problemi nè orgoglio:
    così ti amo perchè non so amare altrimenti

    che così, in questo modo in cui non sono e non sei,
    così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
    così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno.

    Pablo Neruda

    PAROLE SUSSURRATE

    Le ricchezze dello spirito
    abbelliscono il volto dell'uomo
    e suscitano comprensione e rispetto.
    Lo spirito, in ogni essere, si manifesta
    attraverso gli occhi e l'espressione,
    e in tutti i movimenti e i gesti del corpo.
    Il nostro aspetto,
    le nostre parole, le nostre azioni
    non sono mai più grandi di noi.
    L'anima infatti è la nostra dimora;
    i nostri occhi sono le sue finestre,
    e le nostre parole i suoi messaggeri.

    Kahlil Gibran

    J.R.R. TOLKIEN

    Non tutto quel ch'è oro brilla,
    Né gli erranti sono perduti;
    Il vecchio ch'è forte non s'aggrinza,
    Le radici profonde non gelano.
    Dalle ceneri rinascerà un fuoco,
    L'ombra sprigionerà una scintilla;
    Nuova sarà la lama ora rotta,
    E re quel ch'è senza corona

    Nick Ancestrale

    Benvenuti...

     

    ...benvenuti in questa piccola finestra sul mio mondo...

    QUANTI SIAMO :-)

    counter

    Tre fiammiferi accesi uno per uno nella notte
    Il primo per vederti tutto il viso
    Il secondo per vederti gli occhi
    L'ultimo per vedere la tua bocca
    E tutto il buio per ricordarmi queste cose
    Mentre ti stringo fra le braccia

    J. Prevert


     

    Il Grande Poeta KAHLIL GIBRAN

    La mente soppesa e misura, ma è lo spirito che giunge al cuore della vita e ne abbraccia il segreto; e il seme dello spirito è immortale. Il vento puo' soffiare e placarsi, e il mare fluire e rifluire: ma il cuore della vita è sfera immobile e serena, e in quel punto rifulge una stella che è fissa in eterno.


    La forza che difende il cuore dalle ferite è la stessa che gli impedisce di dilatarsi alla sua massima grandezza.


    Il tuo dolore è lo spezzarsi del guscio che racchiude la tua capacità di comprendere. E se potessi mantenere il cuore sospeso in costante stupore ai quotidiani miracoli della vita, il dolore non ti sembrerebbe meno meraviglioso della gioia; e accetteresti le stagioni del tuo cuore, come hai sempre accettato le stagioni che passano sui tuoi campi.

    Kahlil Gibran...

    La tempesta è capace di disperdere i fiori ma non è in grado di danneggiare i semi.

    Il tuo prossimo è lo sconosciuto che è in te, reso visibile. Il suo volto si riflette nelle acque tranquille, e in quelle acque, se osservi bene, scorgerai il tuo stesso volto. Se tenderai l'orecchio nella notte, è lui che sentirai parlare, e le sue parole saranno i battiti del tuo stesso cuore. Non sei tu solo ad essere te stesso. Sei presente nelle azioni degli altri uomini, e questi, senza saperlo, sono con te in ognuno dei tuoi giorni. Non precipiteranno se tu non precipiterai con loro, e non si rialzeranno se tu non ti rialzerai.

    Il dolore è troppo grande per regnare in piccoli cuori.


    Credere è una bella cosa, ma mettere in atto le cose in cui si crede è una prova di forza. Sono molti coloro che parlano come il fragore del mare, ma la loro vita è poco profonda e stagnante come una putrida palude. Sono molti coloro che levano il capo al di sopra delle cime delle montagne, ma il loro spirito rimane addormentato nell'oscurità delle caverne.

    K. Gibran


    IL MITO

     

    DALLA COLONNA SONORA DI "INTO THE WILD"

     SOCIETY / SOCIETA'

    Lyrics/ Music: Jerry Hannan

    E' un mistero per me
    Abbiamo un'avidità, ma che abbiamo accettato
    Pensi di dover volere più di quello di cui hai bisogno
    Finchè non hai tutto non sarai libero

    Società, sei una razza folle
    Spero che tu non sia sola, senza di me

    Quando vuoi più di quello che hai, pensi di avere bisogno
    Quando pensi più di quello che vuoi, i tuoi pensieri cominciano a svuotarsi
    Penso di dover trovare un posto più grande
    Perchè quando hai più di quello che pensi, hai bisogno di più spazio

    Società, sei una razza folle
    Spero che tu non sia sola, senza di me

    Società, davvero folle
    Spero che tu non sia sola, senza di me

    Ci sono quelli che pensano, più o meno, meno è di più
    Ma se meno è di più, come fai a tenere il punteggio?
    Significa che per ogni punto che fai scendi di livello
    E' un po' come cominciare dalla cima
    E non puoi farlo

    Società, sei una razza folle
    Spero che tu non sia sola, senza di me
    Società, davvero folle
    Spero che tu non sia sola, senza di me
    Società, abbi pietà di me
    Spero che tu non ti arrabbi, se non sono d'accordo
    Società, davvero folle
    Spero che tu non sia sola

    Senza di me...

    , , , , , , , , , , , , ,