Libero

Schnier78

  • Uomo
  • 42
  • Legnano
Sagittario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita Schnier78 a scrivere un Post!

Mi descrivo

Forse un mattino andando in un’aria di vetro,\ arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:\ il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro\ di me, con un terrore di ubriaco.\\ Poi come s’uno schermo, s’accamperanno di gitto\ Alberi case colli per l’inganno consueto.\ Ma sarà troppo tardi; ed io me n’andrò zitto\ Tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto. (Eugenio Montale, tratto da “Ossi di seppia”)

Su di me

Situazione sentimentale

single

Lingue conosciute

Inglese, Spagnolo

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. Donne
  2. Poesia
  3. Natura

Tre cose che odio

  1. Indifferenza travestita da fatalismo
  2. Banalità e conformismo
  3. Falsità

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Avventura

Vacanze Ko!

  • Tour organizzato
  • Passioni

    • Arte
    • Cinema

    Musica

    • Rock
    • Jazz

    Cucina

    • Tex & mex
    • Piatti italiani

    Libri

    • Classici
    • Narrativa

    Sport

    • Calcio e calcetto
    • Vela

    Film

    • Fantascienza
    • Drammatico

    Libro preferito

    Raccolte Poetiche di Lorca, Neruda, Rilke, Montale, Ungaretti,...Confesso che ho vissuto

    Meta dei sogni

    Scandinavia, Australia e Nuova Zelanda

    Film preferito

    Barry Lindon, Arancia Meccanica, Lolita,...

    Parco del Delta

    L'angelo buono

    Venne quello che amavo,
    quello che invocavo.
    Non quello che spazza cieli senza difese,
    astri senza capanne,
    lune senza patria,
    nevi.
    Nevi di quelle cadute da una mano,
    un nome,
    un sogno,
    una fronte.
    Non quello che alla sua chioma
    legò la morte.
    Quello che io amavo.
    Senza graffiare i venti,
    senza foglia ferire né smuovere cristalli.
    Quello che alla sua chioma
    legò il silenzio.
    Senza farmi del male,
    per scavarmi un argine di dolce luce nel petto
    e rendermi l'anima navigabile.

    Rafael Alberti

    , , , , , , , , , , , , ,