Libero

Una.donna.fatale

  • Donna
  • 34
  • in paradiso
Toro

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 10.263

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita Una.donna.fatale a scrivere un Post!

Mi descrivo

Son piccina e son carina e son pure birichina ma di casa ormai si sa. Son la gioia di papà ma se sporco la vestina, quante busse mi darà! ahahahahahahahah quante!!!

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

Inglese, Francese

I miei pregi

sapere quale sono i miei difetti

I miei difetti

non sapere quali sono i miei pregi

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. uomini
  2. donne
  3. e altro

Tre cose che odio

  1. pedofili
  2. pedofili
  3. e pedofili

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Avventura

Vacanze Ko!

  • Tour organizzato
  • Passioni

    • Canto
    • Cucina

    Musica

    • Latino-americana

    Libri

    • Erotici

    Libro preferito

    va dove ti porta il cuore

    Meta dei sogni

    Medio Oriente

    Film preferito

    da qui all'eternità

    STELLA STELLINA

    Stella stellina la notte s'avvicina: la fiamma traballa, la mucca è nella stalla. La mucca e il vitello, la pecora e l'agnello, la chioccia coi pulcini, la mamma coi bambini. Ognuno ha la sua mamma e tutti fan la nanna.

    AL MATTINO PRESTO

    Al mattino presto non appena il sole è desto, van le ochette a fare il bagno dentro l'acqua dello stagno. Prima lavan le zampette, il codino e poi le alette. E poi tuffano il capino per giocare a nascondino. Chè dell'acqua fresca e pura Non bisogna aver paura, perché dona ben si sa la salute e la beltà.

    HO UNA SPILLA

    Ho una spilla regalata ma non so chi me l'ha data. Me l'ha data mia sorella che si chiama Mortadella... Me l'ha data mio cugino che si chiama Formaggino... Me l'ha data mio papà che si chiama Baccalà!!!

    FILASTROCCA DELLA...Q

    In cuore la Q non va, ma ci vuole in qualità, in querela, in questo, in quello, nel quadrante e nel quadrello, e nel quattro e nel quaranta, nella quaglia che vola e canta, ed in quindici e in quirino, nella squadra e nel quattrino, ed in soqquadro che, per cose sue, invece d'una ne vuole due.

    * *

    Sega, sega mastu Ciccio, na panèlla e na sacìccia; ‘a panèlla ce ‘a mangiàmmo e ‘a sacìccia ce ‘a stipàmmo; ce ‘a stipàmmo pe' Natale, quanno vènene 'e zampugnàre!

    * * *

    Sbatte ‘e mmane ca vene papà, porta ‘o zucchero e ‘o pappà, nuje ‘o mettimmo a cucenà e ‘o nennillo s’ ‘o va a magnà…

    * * * *

    Nonna, nonna, nunnarella ca ‘o lupo s’ha mangiato ‘a pecurella. E pecurella mia comme farraje, quanno mocca a lu lupo te truvarraje? E pecurella mia comme faciste, quanno mmocca a lu lupo te truvaste? E pecurella mia comme campaste, quanno mmocca a lu lupo te truvaste ?

    * * * * *

    Carùso, mellùso, miette ‘a capa ‘int’a ‘o pertùso, e vene ‘o scarrafòne e te ròseca ‘o mellòne.

    * * * * * *

    Chiòve e ghièsce ‘o sole, tutte ‘e vecchie fanno ammore; fanno ammore cu ‘a tiàna, tutte ‘e vecchie so’ ruffiàne; fanno ammore ‘inte ‘o ciardino, tutte ‘e vecchie malandrìne.

    * * * * * * *

    Mo’ vene Natale e stò senza denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà. Quanno è stanotte ca sparano ‘e botte, me metto ‘o cazòne e vaco a vedè. Nuvena, nuvena, ca màmmeta è prena ha fatto nu figlio e se chiamma Michele, e tene na figlia c’addora ‘e tabacco e quanno cammina l’abbàllano ‘e pacche.

    *

    Storta di còscia, tiene ‘e coscie mosce mosce, e sotto ‘o suttanìno, tiene ‘o scoglio ‘e Margellina.
    , , , , , , , , , , , , ,