Libero

Velluto1961

  • Donna
  • 61
  • Toscana
Capricorno

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 1.902

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita Velluto1961 a scrivere un Post!

Mi descrivo

Solare mediterranea, morbida Occhi verdi birichini Con una vena di follia che mi rende sfacciatamente indipendente Detesto chi fuma!

Su di me

Situazione sentimentale

sposato/a

Lingue conosciute

-

I miei pregi

Scrivo e leggo. Sono sensibile e forte al contempo. Sensuale e folle di quella follia che rende possibile e naturale qualsiasi cosa.

I miei difetti

So leggere l'animo umano e uso questa facoltà per contornarmi di persone interessanti. Odio il fumo, l'arroganza quanto la superficialità.

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. Intelligenza
  2. Semplicità
  3. rispetto

Tre cose che odio

  1. Codardia
  2. Presunzione
  3. Arroganza

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Montagna

Vacanze Ko!

  • Campeggio
  • Musica

    • Pop
    • Alternative

    Cucina

    • Stellata
    • Piatti italiani

    Libri

    • Psicologia
    • Erotici

    Libro preferito

    il delta di venere

    Benvenuto

    Benvenuto a te
    che ti accingi a varcare la soglia dei miei pensieri, fallo con piacere,  ma evitami domande sciocche o richieste dozzinali, io merito di più di stupide ovvietà. Tutti noi meritiamo di più da questo mondo, che si bellissimo e affascinante lo spettacolo della natura, ma pieno di insidie umane il vivere quotidiano.
    Benvenuto a chi saprà solleticare la mia fantasia, a chi avrà il seme dell'originalità,  a chi è curioso come me, a chi cerca qualcosa di sincero, mai urlato ma sempre molto sentito.
    Benvenuto.

    STELLA

    Amavo l'alba come promessa di cose nuove Ma è nel tramonto che mi sentivo a casa In quel tempo ove si incontrano tutte le stelle ma se ne scorge una sola: Venere, struggente promessa di amore eterno, di lussuria e di vita Venere, puntino brillante tra le braccia dell'ultimo raggio di sole Venere, così lontana e bugiarda Venere, la mia stella

    oltre

    Oltre il mare infinito Oltre le porte della vita Oltre le distese delle emozioni Intravedo quella che vorrei essere E lo sarò camminando a piedi scalzi in questa vita di vetri rotti finché non riterrò di aver raggiunto me stessa. Allora e solo allora riposerò le braccia stanche e guarderò indietro senza provare nessun rimpianto casomai qualche isolato rimorso, perché la vita è fatta di scelte, più o meno  consapevoli,  ma che ti cambiano per sempre.

    Voglio

    Voglio averti nelle notti stellate, voglio pensarti nei miei sogni proibiti, voglio amarti come il mare le onde, voglio sentirti mio in ogni momento. Voglio essere il tuo desiderio segreto, la tua ossessione, il tuo fuoco, la tua fame. Viglio essere la tua ombra per seguirti ovunque, nel mondo.

    Cerco

    Cerco compagnia. Quel qualcosa che distolga i pensieri accumulati tra le pieghe della mente, troppo pesanti da sostenere. Cerco leggerezza, quella che manca al mio giorno, e superficialità quella che manca al mio essere. Cerco distrazione dal mio vivere pensante. Cerco l'oblio.

    follia

    E perché un’esistenza sia felice è indispensabile che in essa trovi spazio il piacere, e cioè ancora una volta “un pizzico di follia”. Ma anche nell’ambito dei rapporti umani, dal matrimonio all’amicizia, è merito della Follia se i vincoli personali resistono felicemente, appunto “nutrendosi di adulazioni, scherzi, di indulgenza, di errori, di dissimulazioni”. Ugualmente la tenuta dei rapporti sociali, e quindi l’esistenza stessa della società, dipendono dall’ausilio della Follia. Ma più di tutto la Follia rappresenta l’unica guida per accedere alla vera sapienza: poiché infatti tutte le passioni, tutti gli umani errori e tutte le umane debolezze, rientrano nella sfera della Follia, saggio è colui che si lascia guidare dalle passioni  Perciò i più lontani dalla felicità sono tra i mortali quelli che aspirano alla sapienza, doppiamente stolti perché, dimentichi della loro condizione di uomini, si atteggiano a Dèi immortali e, a somiglianza dei giganti, dichiarano guerra alla natura valendosi di ordigni costruiti dalla loro perizia; i meno infelici, invece, sembrano quelli che restano più vicini all'istinto e alla stupidità dei bruti, né tentano mai di oltrepassare le capacità dell'uomo. Da: Elogio della Follia Erasmo da Rotterdam

    Intime necessità

    Ho bisogno di innamorarmi del vento o di un tramonto ho bisogno di innamorarmi del sole o della luna di uno sguardo o una carezza di un pensiero ho bidogno di innamorarmi della vita di nuovo e di nuovo camminare leggera attraverso gli ostacoli della mente

    Confusamente libera

    Sono liberamente confusa e confusamente libera Accolgo con infinito candore il vento della vita Con fanciullesco stupore affronto il mio destino Vivo di sorrisi e di attimi rubati alla malinconia Come un turbinio di foglie il mio passaggio Una corsa verso l'infinito verso il buio Una furia selvaggia mi scuote Ho sete di vita ho sete d'amore e di passione Ho sete di libertà e di follia

    tempesta

    Ogni vento di tempesta travolge si insinua nelle pieghe della mente e scava negli anfratti del cuore e uccide Uccide quel che eri stravolge la tua vita rimodella il tuo domani. È la tempesta perfetta che dissemina brandelli di te per ricomporli in una forma nuova. Lasciati andare non opporti e ricomincia a vivere

    consapevolezza

    Dalla finestra si vedeva solo il buio della lunga notte invernale Il tepore della stanza illuminata era il solo a mitigare quella strana sensazione di isolamento. Ma nel cuore aleggiava un flebile vento di vita, ed era questa che la scaldava, la sensazione era di compiacimento misto a sottile soddisfazione. Haa com'era cambiata la sua vita ora che aveva trovato il coraggio di vivere. Osare era diventato naturale come respirare e lei osava e lo sapeva fare con semplicità ed eleganza, come se fosse la cosa più semplice del mondo. E quella fredda notte invernale sembrava fatta apposta per lei, per nasconderla agli occhi del mondo, per sebare intatto il suo segreto. Ella si godeva la vita come mai le era riuscito prima, in nessun modo avrebbe potuto interrompere quella consapevolezza frutto di una vita che passa passo l'aveva condotta sino a lì.

    Lucida follia

    Lucida follia, le decisioni prese all'improvviso che ci rendono fragili e forti insieme. La razionalità bandita. Non importa il rischio. Dobbiamo andare avanti provare. Sentirsi vivi, assaporare il brivido sentire l'adrenalina che scorre nelle vene. Così ci sentiamo vivi, finalmente leggeri sospesi tra le nuvole indecisi se scendere o restare. Decido di restare, il vento tra i capelli la luce negli occhi, il cuore che batte... Viva sono viva niente e nessuno potrà cambiare l'attimo che sto vivendo
    , , , , , , , , , , , , ,