Libero

WhiteBlueLady

  • Donna
  • 104
  • Blue
Acquario

Mi trovi anche qui

Amici

WhiteBlueLady non ha ancora amici. Chiedi l'amicizia prima di tutti!

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita WhiteBlueLady a scrivere un Post!

Mi descrivo

Persa nei miei pensieri fluttuai in una immagine onirica straordinaria

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. nessuna
  2. nessuna
  3. nessuna

Tre cose che odio

  1. nessuna
  2. nessuna
  3. nessuna

...la memoria era diventata inesauribile, ma la profondità del tempo, quella che ci veniva trasmessa dall'odore e dall' ingiallimento della carta, dal fruscio delle pagine, dalla sottolineatura di un paragrafo a opera di una mano sconosciuta,  era scomparsa.
Eravamo in un presente infinito.

 

 

 

 

Chi sono io? 

di Nazik al-Mala’ika

 

La notte chiede chi sono io?
Io sono i suoi segreti – ansiosi, neri, profondi
Sono il suo silenzio ribelle
Ho velato la mia natura con il silenzio,
ho avvolto il mio cuore nel dubbio
E solenne, sono rimasta qui
a guardare, mentre i secoli mi chiedono,
chi sono io?

E il vento chiede chi sono?
sono la sua anima inquieta rinnegata dal tempo
come lui sono in nessun luogo
continuo a camminare e non c’è fine
continuo a passare e non c’è posa
giunti al baratro
lo credo che sia il termine della pena
e quello è invece il vuoto

Il destino chiede chi sono
potente come lui piego le epoche
e ridòno loro la vita
creo il passato più remoto
dall’incanto di una vibrante speranza
e lo sotterro ancora
per forgiarmi un nuovo ieri
di un un domani gelido

Il sé chiede chi sono
come lui vago, gli occhi fissi nel buio
nulla che mi doni la pace
resto ancora e chiedo, e la risposta
resta nascosta dietro il miraggio
ancora lo credo vicino
al mio raggiungerlo tramonta
dissolto, scompare.

 

 

 

Bisogna vedere in azione davanti ai propri occhi queste sostanze all’apparenza inerti, e tuttavia intimamente sempre disposte, ed osservare con partecipazione il loro cercarsi, attirarsi, assorbirsi, distruggersi, divorarsi, consumarsi, e poi il loro riemergere dalla più intima congiunzione in forma mutata, nuova, inattesa: allora si che si deve attribuire loro un vivere eterno, anzi, addirittura intelletto e ragione, dal momento che i nostri sensi appaiono appena sufficienti ad osservarli e la nostra ragione a stento capace di interpretarli.

 

 

 

“𝓞𝓰𝓷𝓲 𝓬𝓸𝓻𝓹𝓸
𝓮' 𝓾𝓷 𝓮𝓼𝓼𝓮𝓻𝓮 𝓿𝓲𝓿𝓮𝓷𝓽𝓮.
𝓞𝓰𝓷𝓲 𝓹𝓸𝓮𝓼𝓲𝓪
𝓮' 𝓯𝓮𝓶𝓶𝓲𝓷𝓪”.

 

 

 

 

Desperado
Oh non stai diventando più giovane
Il tuo dolore e la tua fame
ti stanno portando a casa
E la libertà

Oh la libertà
allora è soltanto qualcosa di cui la gente parla
La tua prigione è camminare attraverso questo mondo da solo.

 

 

 

Figlio:
Tutte le volte che piansi,
Tenendo tutto dentro di me
È dura, ma è anche dura
Ignorare tutto
Se avevano ragione, ero d'accordo,
Ma conoscono loro, non me
Ora c'è una strada e io so
Che devo andarmene
So che devo andare.

 

 

 

 

Tra il grigio delle pecore si celano i lupi, vale a dire quegli esseri che non hanno dimenticato che cos'è la libertà. E non soltanto quei lupi sono forti in se stessi, c'è anche il rischio che, un brutto giorno, essi trasmettano le loro qualità alla massa e che il gregge si trasformi in branco. È questo l' incubo dei potenti.”

 

Ernst Jünger.
Trattato del ribelle

 

Forse il caro cuore afflitto si aprirà a un fiore, che santifica senza che gli venga chiesto, e soccorre senza una parola.

 

 

Certe cose le senti venire, non è che ti innamori perché ti innamori, ti innamori perché in quel periodo avevi un disperato bisogno di innamorarti. Nei periodi in cui senti la voglia di innamorarti devi stare attento a dove metti piede: come aver bevuto un filtro, di quelli che ti innamorerai del primo essere che incontri. Potrebbe essere un ornitorinco.
 (Il pendolo di Foucault)

 

 

 

, , , , , , , , , , , , ,