Libero

Z750S

  • Uomo
  • 51
  • GENOVA
Leone

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 871

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita Z750S a scrivere un Post!

Mi descrivo

Non amo descrivermi; potrei esagerare in qualche cosa come tralasciare altro. Se hai delle curiosità chiedimi pure; cercherò di rispondere. CIAO!!!

Su di me

Situazione sentimentale

single

Lingue conosciute

Inglese

I miei pregi

Determinazione, pazienza, correttezza, ascoltare.

I miei difetti

Vorrei non averli....

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. Le Ragazze Motocicliste
  2. La Subacquea
  3. Il Buon Gelato

Tre cose che odio

  1. Le persone false.
  2. La Cattiveria Umana
  3. Non Avere più 20 Anni

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Spiagge incontaminate

Vacanze Ko!

  • Villaggio turistico
  • Passioni

    • Motori
    • Musica
    • Cinema

    Musica

    • Pop

    Cucina

    • Piatti italiani

    Libri

    • Avventura
    • Gialli

    Sport

    • Sub
    • Nuoto

    Libro preferito

    Tutti quelli di \"CLIVE CUSSLER\"

    Meta dei sogni

    Australia e Nuova Zelanda, Canada

    Film preferito

    The Blues Brothers

    MOTOCICLISTI: Strana, meravigliosa Gente

    Si dice che ogni volta che saliamo in sella ai nostri destrieri insieme a noi salgano pure Angeli e Diavoli… È vero! Diavoli che girano quel polso in maniera a volte così irrazionale e violenta che lo skizzo di adrenalina ti arriva diritto al cervello senza passare dal via, lasciandoti i tremori per lunghissimi interminabili minuti, e Angeli che portano il volto e la voce di chi non è più con noi, dei nostri affetti, delle nostre paure ed esperienze costruite sulle nostra ossa rotte e ti convincono a rallentare. Sì, è vero, in moto si muore, capita… può capitare ad ognuno di noi e ci si fa male, tanto male, ma quanta vita si trasforma in ricordi bellissimi, in attimi eterni, in risate così fragorose da far tornare il sole anche in una fredda e piovosa giornata di novembre? Parlate con ognuno di noi e fatevi raccontare un giro, un aneddoto, una curva e perdetevi in quello sguardo che comincia a scintillare, nelle risate, nel sorriso che, spontaneo, stira gli angoli del viso e distende la fronte… Chiedeteci cosa sarebbe di noi se un giorno dovessimo rinunciare a questa passione e preparatevi a sentire l’urlo del silenzio, a vedere quello sguardo di bimbo diventare lo sguardo di un marinaio costretto a vivere a terra con il mare in vista o di un pilota che guarda il cielo ancorato a terra… In moto si muore, è vero… ma non esiste modo migliore per vivere il tempo che ci è concesso… E se ancora non lo avete capito… beh, lasciate perdere, non lo capirete mai… Ma se un domani, andando al mare con la vostra famiglia automobilisticamente corretta, dovesse sopraggiungere uno di Noi e vedreste vostro figlio girarsi di scatto e salutare sbracciando come un pazzo, rinunciate a capire anche lui… Lui che nella sua incoscienza vede in Noi quella scintilla che voi non siete stati capaci di scorgere. E se vedrete il Motociclista ricambiare il saluto… beh, non c’è nulla di strano sapete?  Tra Angeli in terra ci si saluta sempre…
    Ma questo, chi ha perso le ali, non lo ricorda più…

    Per pensare di più alla vita...

    Mamma, sono uscita con amici. Sono andata ad una festa e mi son ricordata quello che mi avevi detto: di non bere alcolici.
    Mi hai chiesto di non bere visto che dovevo guidare, così ho bevuto una Sprite.
    Mi son sentita orgogliosa di me stessa, anche per aver ascoltato il modo in cui, dolcemente, mi hai suggerito di non bere se dovevo guidare,al contrario di quello che mi dicono alcuni amici. Ho fatto una scelta sana ed il tuo consiglio è stato giusto.
    Quando la festa è finita, la gente ha iniziato a guidare senza essere in condizioni di farlo. Io ho preso la mia macchina con la certezza che ero sobria.
    Non potevo immaginare, mamma, ciò che mi aspettava... qualcosa di inaspettato!
    Ora sono qui sdraiata sull'asfalto e sento un polizziotto che dice: "il ragazzo che ha provocato l'incidente era ubriaco".
    Mamma, la sua voce sembra così lontana...Il mio sangue è sparso dappertutto e sto cercando, con tutte le mie forze, di non piangere.
    Posso sentire i medici che dicono: "questa ragazza non ce la farà".
    Sono certa che il ragazzo alla guida dell'altra macchina non se lo immaginava neanche, mentre andava a tutta velocità.
    Alla fine lui ha deciso di bere ed io adesso devo morire...
    Perchè le persone fanno tutto questo, mamma? Sapendo che distruggeranno delle vite?
    Il dolore è come se mi pugnalasse con un centinaio di coltelli contemporaneamente.
    Di a mia sorella di non spaventarsi, mamma, di a papà di essere forte.
    Qualcuno doveva dire a quel ragazzo che non si deve bere e guidare...
    Forse, se i suoi glielo avessero detto, io adesso sarei viva... la mia respirazione si fa sempre più debole e incomincio ad avere veramente paura...
    Questi sono i miei ultimi momenti, e mi sento così disperata...
    Mi piacerebbe poterti abbracciare mamma, mentre sono sdraiata, qui, morente.
    Mi piacerebbe dirti che ti voglio bene per questo...
    Ti voglio bene e....addio.
    , , , , , , , , , , , , ,