Libero
alteregonauta

alteregonauta

  • Uomo
  • 54
  • Varese
Leone

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Amici0

alteregonauta non ha ancora amici. Chiedi l'amicizia prima di tutti!

Ultime visite

Visite al Profilo 1.169

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita alteregonauta a scrivere un Post!

Mi descrivo

Uno sguardo vale, a volte, più di molte parole. Se tu permetterai che questo accada, potremo scoprire cosa hanno da dirsi i nostri occhi.

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

Francese, Inglese

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. Ogni respiro di vita
  2. La leggerezza
  3. Labbra che si sfiorano

Tre cose che odio

  1. Perdere tempo
  2. La mancanza di te
  3. nessuna

I miei interessi

Passioni

  • Sport
  • Lettura
  • Tecnologia

Musica

  • Folk
  • Rock

Cucina

  • Veggy
  • Fusion

Libri

  • Fantasy
  • Saggi

Sport

  • Sci
  • Bike

Film

  • Azione
  • Fantasy

Libro preferito

L'imperodell'acquaedelfuocoIlSignoredegliAnelliNarcisoeBoccadoroShantaramLamialottaperlalibertàIosonoMalalaL'EnigmadiEinsteinLaT

Meta dei sogni

Australia e Nuova Zelanda, Islanda

Film preferito

Limitless2001OdisseanellospaziIlGladiatoreDeparturesDjangoQualcunovolòsulnidodelcuculoPulpfictionn

Parole

Traccia originale e suprema dell'umanità. Di sovente ahimè, inutili segni sparsi, tra cuori incapaci di comprendersi.

Natura

Se tu riuscissi a scorgere quello, che si nasconde alla superficie. Allora abbandoneresti dubbi e timori, lasciando alla nostra natura, la libertà di ... giocare questa fantastica partita. Così due elementi incompleti potranno fluire in un unico respiro. E' allora che il desiderio prende forma.

Sogni di una notte infinita

Nelle infinite notti astrali, circondato da una spazio sconfinato, il freddo siderale si fa drasticamente vicino e bussa alla porta della mia inquietudine. A volte, mi viene in soccorso, il sogno ricorrente di te, mutante nelle forme ma sempre capace di riscaldare l'anima di un viaggiatore solitario, sperso nell'oscurità sfolgorante del cosmo, quale sono. Questa volta il tuo volto mi era così vicino da non riuscire a coglierne alla perfezione i lineamenti, i tuoi molti occhi nerissimi riflettono ora, nel mio ricordo, le tre galassie che circondano la navicella. Il tuo corpo color ebano rapisce il mio sguardo. Clandestinamente lo cercano tutti i miei sensi, e temo tu ti accorga, di come io brami la tua presenza. E questo mio sentimento mal si addice a un viaggiatore che ha un compito scientifico da portare a termine. Poi la mia attenzione è attratta dal movimento della tua bocca, che si sposta delicatamente di lato e sussurra al mio orecchio, parole a me completamente sconosciute. La melodia e il suono della tua voce mi culla e immagino, forse senza ragione, che anche tu, finalmente abbia incontrato un essere che sia il completamento del tuo viaggiare e che ora tu gli stia svelando le ragioni del tuo incessante peregrinare. Questo suono mi accompagna per ore o forse per anni, eppure a questa velocità non è passato che un solo istante. Nuovi mondi, riflettono ora, i bagliori stellari sulle loro superfici, senza atmosfera. Così nuove luci si accendono all'orizzonte, ridestandomi da te. Come sempre sei scomparsa, lasciando una dolce melodia nella mia mente. ... Il viaggio, ancora una volta, deve continuare.

Essere

Il gioco della vita e la capacità astrattiva della mente ci portano a volte in spazi lontani, luoghi incontaminati dalle quotidiane regole e necessità. Così si può trovare un ambiente infinitamente grande, capace di contenere il nostro desiderio di essere liberi.

Incontro

La mia partenza si perde nelle pieghe quantiche dello spazio tempo. La data lampeggiante, impressa sul decoder temporale, mi rammenta che nella tua zona dimensionale, questi secondi scorrono in maniera differente, così che le nostre età antropomorfe, inevitabilmente potrebbero divergere in maniera logaritmica. L'espansione dell'Universo gioca la sua partita, incurante della nostra esistenza ci allontana ... inesorabilmente. Eppure, come ogni esploratore, ossessionato dall'unica meta possibile, non posso sottrarmi dal tentare il viaggio. Navigando assai prossimo alla velocità della luce, temo che i pochi minuti passati solcando il freddo spazio cosmico, si siano trasformati in mesi o forse anni sul tuo pianeta, dalle infinite lune. Tu potresti esserti stancata di attendere. Con questi pensieri continuo la mia ricerca, laddove ogni bagliore, mi ricorda che la tua presenza è segnalata dalla luce. Luce che un giorno vedrò baluginare sul fondo delle tue iridi e, per quante esse siano, saranno tutte, per me, uniche.

Il gioco e la parola

Tutto ciò che scrivo non è che un gioco. Eppure se vuoi, puoi leggervi molto di ciò che vorrei dirti. Sta a te ora decidere. Non è il luogo questo in cui poter parlare davvero di se stessi. Il viaggio, se lo vorrai, deve continuare altrove. Laggiù ... dove la forza di gravità sarà, inevitabilmente, la nostra compagna.

Vento

Quando il vento accarezza i pendii innevati, a primavera, e il profumo della natura selvaggia pervade le vallate. Quando il rumore dei mille ruscelli del disgelo, giunge sopito sino in superficie e la luce dell'alba trasforma in oro le cime imbiancate. Allora non c'è altro al mondo che io possa desiderare. Allora mi accorgo che quel vento non è altro, se non le mie dita che sfiorano i tuoi fianchi.

Clessidra

Il tempo scorre con le sue regole terrestri. Non c'è modo di arrestarlo. Questo viaggio, alla ricerca di corpi celesti dalla gravità infinita, temo non arriverà a rallentare il suo scorrere ... Allora non mi resta che vivere, ogni singolo battito del mio cuore.
, , , , , , , , , , , , ,