Libero

aracnoid.999

  • Uomo
  • 101
  • Chepallestan (sistema solare gemello)
Leone

Mi trovi anche qui

Profilo BACHECA 46

aracnoid.999 27 novembre

 

Il mio domicilio è
– semplicemente –
nell’angolo del tuo corpo
dove posso ascoltare
il battito del tuo cuore.
(G. R.)

..

In questa, in qualsiasi altra vita
non smetterò di amarti..

Ti piace?
aracnoid.999 22 novembre


Riempiti di me.
Desiderami, prosciugami, versami, immolami.

Chiedimi.
Raccoglimi, contienimi, nascondimi.

Voglio esser di qualcuno, voglio esse tuo,
è la tua ora.

Sono colui che è passato con un salto sulle cose,
il fuggitivo, il sofferente...
(Neruda)

..

Non c'è limite nel sogno d'amore
che accompagna le mie notti spesso insonni
in cui tu sei l'unica protagonista,
fonte di vera luce, cara e dolce libellula

Ti piace?
aracnoid.999 18 novembre

 

Più bella e dolce che mai,
sempre ti porterò nel mio cuore.
Tu la dama dei miei sogni,
della mia vita scandita dall'amore.
...
But... i'm not longer looking for you:
too much weakness afflict my heart
that would like to stop
if you place your hand on it,
caressing it. Love..

 

Ti piace?
aracnoid.999 15 novembre

 

Solo tu, piccolina del mio cuore...

 

Ti piace?
aracnoid.999 10 novembre
 


Alla fine di te m'è rimasto dentro
questo pensiero dolce,
carezzevole che ristora l'anima mia...

 

Ti piace?
1
aracnoid.999 04 novembre

 

 

 

PELLEAS

Io andavo per il sentiero, tu venivi per esso,

il mio amore cadde tra le tue braccia,
il tuo amore tremò nelle mie.

Da allora il mio cielo di notte ebbe stelle

e per raccoglierle la tua vita si fece fiume.

Per te ogni roccia che toccheranno le mie mani

dev'essere sorgente, aroma, frutto e fiore.

 

MELISANDA

Per te ogni spiga deve stringere il suo grano

e in ogni spiga deve sgranarsi il mio amore.

 

PELLEAS

M'impedirai, in cambio, di guardare la strada

quando verrà la morte per lasciarla tronca.

 

MELISANDA

Ti copriranno i miei occhi come una doppia benda.

 

PELLEAS

Mi parlerai di una strada che non finirà mai.

La musica che occulto per incantarti fugge

lontano dalla canzone che gorgoglia e rimbalza;

come una via lattea dal mio petto fluisce.

 

MELISANDA

Tra le tue braccia s'impigliano le stelle più alte.

Ho paura. Perdona se non son giunta prima.

 

PELLEAS

Un tuo sorriso cancella tutto il passato;

conservino le tue dolci labbra ciò che è ormai distante.

 

MELISANDA

In un bacio saprai tutto ciò che ho taciuto.


PELLEAS

Forse non saprò allora conoscere la tua carezza,

perché nelle mie vene il tuo essere si sarà fuso.

 

MELISANDA

Quando morderò un frutto tu saprai la sua delizia.

PELLEAS

Quando chiuderai gli occhi resterò addormentato.
(Pelleas e Melisanda: El coloquio maravillado.
Da Crepuscolario, 1923 – Pablo Neruda)

..

Una raccolta eterogenea, collegata da un motivo sentimentale che si estrinseca in una fusione d’amore e di esperienza di vita.
É bene ricordare che Neruda nacque in un paese cileno, Parral, nel 1904 e che il suo Crepuscolario compendia scritti che iniziano dal 1921 - pubblicati nel 1923, quando il poeta ebbe a malapena 17anni!)

Ho iniziato la mia personale conoscenza del grande poeta cileno proprio dalla lettura di questa bella raccolta: il modo migliore per ”entrare” in punta di piedi nella dialettica e nella potente poetica amorosa nerudiana più nota, da “I versi del Capitano” a “Cento sonetti d’amore” etc.

C’è solo e per mio conto di che rimanerne estasiati.
Alcune sue opere me le sono portate dietro all’estero e, oltre colloqui più che dovuti con miei familiari, vicino a me ho avuto questi (e altri) libri in cui "isolarmi", trovare giusto sonno e dar vita a sogni che nel mondo dei sentimenti regalano serenità all’anima, intensi battiti al cuore..

 

 

Ti piace?
aracnoid.999 26 ottobre

«Ogni persona mai esistita o esistente o che esisterà ha una canzone sua.
Non è una canzone scritta da qualcun altro.
Ha una melodia e parole sue.

Sono poche le persone che riescono a cantare la loro canzone.
La maggior parte di noi ha paura di non riuscire a renderle giustizia con la voce, oppure che le parole siano troppo sciocche o troppo oneste o troppo strane.

Perciò, invece di cantarla, la vive.»
(N. Gaiman)

 

„Ogni persona mai esistita o esistente o che esisterà ha una canzone sua. Non è una canzone scritta da qualcun altro. Ha una melodia e parole sue. Sono poche le persone che riescono a cantare la loro canzone. La maggior parte di noi ha paura di non riuscire a renderle giustizia con la voce, oppure che le parole siano troppo sciocche o troppo oneste o troppo strane. Perciò, invece di cantarla, la vive.“

Fonte: https://le-citazioni.it/frasi/143146-neil-gaiman-ogni-persona-mai-esistita-o-esistente-o-che-esiste/
Ti piace?
aracnoid.999 25 ottobre


Grazie a una lucciola
che te la illumina
se sposti i riccioli
ti vedo l’anima...

Ti piace?
aracnoid.999 22 ottobre

 

Dedicato a una nutrita schiera "gentili persone" e zone limitrofe, di cui alcune si vantano del classico pezzo di carta, che salendo sul pulpito con una certa nonchalance, guardandomi dall'alto in basso con alterigia, come se io fossi tre metri sotto costoro in tutti i sensi che il solito pezzo di carta e non solo, pare loro concedere ... quasi "a divinis".
Ho
riso di gusto e tanto!
La mia parte l'ho fatta
onorevolmente, meritando alla fine un "buen retiro", spesso rischiando a suo tempo la pelle per una giusta causa, per altra gente e non per me.

Altro che stare seduto su una poltroncina, telefono e computer sulla scrivania, pratiche da evadere etc. fino a far diventare il culo quadrato.
Odio sto tipo di vita!


Ah .. povere illuse! 

Nessuno è perfetto, nessun atto di egoismo da parte mia: sarebbe bastato mettere in tempo utile il cartello “strada chiusa” e tutto sarebbe finito ancor prima di iniziare.

Invece le cose non sono andate così e non certo per mia iniziativa. Stavo bene, tranquillo prima di essere cercato, contattato...
Nulla farò come ho promesso a lei (che porterò sempre  nel cuore in silenzio), perche ciò che prometto lo manterrò a qualsiasi costo. Per me la parola data è sacra.

Da questo deriva per me quello che vita vorrà concedermi, per quel che mi rimane.

Pertanto dico a me stesso:

“Canta, ridi, balla, ama
  e vivi intensamente ogni
  momento della tua vita
  prima che cali il sipario
  e l'opera finisca senza applausi.”

 

(Riuscirci è ben altro, tutto da vedere..)

 

 

Ti piace?
, , , , , , , , , , , , ,