Libero

arciere_deL_fuoco

  • Uomo
  • 51
  • Tezze sul Brenta
Gemelli

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 03 dicembre

Ultime visite

Visite al Profilo 6.597

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita arciere_deL_fuoco a scrivere un Post!

Mi descrivo

A volte, la crescita impone degli stop. La libertà di sognare ci rende freeminder. VOLO CON LE DITA... E SONO IL MIGLIORE A FARLO!

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

Inglese, Francese, Spagnolo

I miei pregi

POCHI

I miei difetti

TANTI

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. l'Amore
  2. l'Anima
  3. Coccolare

Tre cose che odio

  1. caccia
  2. falsità
  3. ipocrisia

I miei interessi

Vacanze Ko!

  • Tour organizzato
  • Passioni

    • Fotografia
    • Trekking
    • Sport

    Musica

    • Pop

    Cucina

    • Piatti italiani
    • Fusion

    Film

    • Fantasy
    • Animazione

    Meta dei sogni

    Australia e Nuova Zelanda, Irlanda e Scozia

    Film preferito

    Patch Adams / City of Angels / I passi dell\'amore

    Dedicata alle creature rinchiuse nei canili

    Anni e anni passati dietro quella rete.
    Anni e anni hai aspettato, osservato le stelle, di notte, sperando in una loro risposta.
    Per anni e anni sei stato solo ignorato.
    Per anni ti sei chiesto: "Perché a me?".
    Invece sei lì, perché nessuno ti vuole. Perché ora sei cieco, perdi peli. Puzzi.
    Ma cosa chiedevi tu, più di una carezza? Cosa chiedevi tu, oltre l'affetto?
    Nulla chiedevi, ma tutto avresti dato.
    Per anni, invece delle carezze, hai avuto solo bastonate; e la sfortuna di essere travolto da quell'auto che mai si fermò.
    Ora si sta facendo tardi.. il Signore sta per toglierti la vita che non hai mai avuto.
    Fatti abbracciare, piangiamo insieme.
    So che non capisci. E che la tua mente si ripete sempre la stessa domanda.
    Ma il tempo non aspetta. Forse è meglio continuare a non capire, anche se ora vorresti.
    Perché la tua famiglia sono stati prima i teppisti e poi nessuno. Tranne quei gentili signori che ogni giorno ti nutrivano.
    Ma sì che lo so.. che avresti preferito le coccole al cibo.
    Ora però è il momento di andare. Il tuo cuore è sempre più debole, le forze ti abbandonano, pian piano.
    Accasciati leggermente a terra.. Qua la zampa, sono vicino a te.
    Chiudi gli occhi.. lentamente. Il tuo respiro è sempre più debole.
    Ti asciugo io le lacrime che luccicano sui tuoi peli bianchi come fredda rugiada.
    Ora scappa vecchio mio! Scappa da questo mondo infame.
    Quando raggiungerai quelle stelle che sempre ti hanno affascinato, forse noi due piangeremo di nuovo, ASSIEME, ogni volta che guarderò il cielo e ti ricorderò, fra le stelle più luminose.
    Piangeremo ancora, perché sappiamo che il mondo oltre te, non ha voluto altri tuoi simili.
    E QUELLI, SICURAMENTE, PIANGERANNO DA SOLI !!

    IL PONTE DELL'ARCOBALENO

    C’è un posto in Paradiso, chiamato “Ponte dell’Arcobaleno”.

    Quando un animale muore, va al Ponte dell’Arcobaleno.
    Ci sono prati e colline per tutti, così che possano correre e giocare insieme.
    C’è tanto cibo, acqua e sole e tutti sono al caldo e stanno bene.
    Quelli che erano vecchi e malati sono ora forti e vigorosi. Quelli che erano feriti e quelli che noi abbiamo usato, senza ritegno e rimorso, per i nostri bisogni, sono di nuovo integri e forti.

    Tutti sono felici e contenti, tranne che per una piccola cosa: quelli che sono stati cari a qualcuno e che hanno dovuto lasciare indietro coloro che hanno amato.
    Corrono e giocano insieme, ma un bel giorno uno di essi, improvvisamente, si ferma e guarda lontano, verso l’orizzonte. I suoi occhi lucidi sono attenti, trema per l’impazienza: tutt’a un tratto si stacca dal gruppo e inizia a correre, volando sul verde prato, sempre più veloce.
    Ti ha riconosciuto, e quando finalmente sarete insieme, vi stringerete in un abbraccio pieno di gioia, per non lasciarvi più.
    Una pioggia di baci felici bagnerà il tuo viso; le tue mani accarezzeranno di nuovo l’amata testolina e fisserai ancora una volta i suoi fiduciosi occhietti, per tanto tempo lontano dalla tua vita ma mai assenti nel tuo cuore.

    Allora attraverserete, insieme, il Ponte dell’Arcobaleno.

    L’amore di un cane è per sempre

    La dedizione che dona al suo compagno umano è unica, come unici sono gli sguardi adoranti e il silenzio dei suoi occhi.
    Avete mai parlato al vostro cane prendendo il muso fra le mani e sussurrandogli all’orecchio teso: "Ti amo piccolo amico mio. Tu sei il più bel dono della mia vita. Sei ciò che lascio a malincuore il mattino, per recarmi al lavoro, e la prima cosa che cerco la sera quando apro la porta di casa. Sei il mio compagno di gioco più dolce, l’ombra dei miei passi, il respiro della mia anima".

    Il luccichio dei suoi occhi è la risposta alla vostra voce. Lo scodinzolio della coda la felicità della sua risposta: "Anch’io ti amo, Uomo, e per te darei la vita. Stammi sempre vicino, proteggimi, perché io sono solo un cane che esegue ogni tuo ordine e vive solo perché tu sia felice di avermi come amico".

    Eppure molto spesso l’umano tradisce questo grande amore e trasforma chi dona la sua vita in un oggetto di divertimento, distruggendone l’anima e massacrandone il corpo… Per denaro.

    L’amore di un cane è per sempre. Per il suo amico umano arriva a morire, perché per un povero cuore di cane tutto è un dono d’amore.

    Anche lasciare la propria vita.

    ---

    E' solo il mio cane. Gli altri miei occhi che possono vedere più in alto delle nuvole. Le altre mie orecchie che possono sentire oltre il vento. La parte di me che può allungarsi nei mari. Mi ha detto migliaia di volte che sono la sua ragione di vita. Perciò si riposa contro la mia gamba. Perciò scodinzola a ogni mio più piccolo sorriso. Perciò mi si mostra addolorato quando lo lascio senza portarlo con me. Quando sono in torto è felice di dimenticare. Quando sono arrabbiato fa il clown per farmi ridere. Quando sono felice anche lui è pieno di gioia. Quando sono un imbecille fa finta di non accorgersene. Quando ho successo se ne vanta. Senza di lui, sono solo una persona come tante. Insieme a lui sono una persona straordinaria. Ha promesso di aspettarmi....tutte le volte che... possa aver bisogno di lui. E io so che ne avrò bisogno... come sempre ne ho...

    Il cane che mi rubò il cuore

    Il proprietario di un negozio di animali stava affiggendo alla vetrina un
    cartello con scritto VENDITA CUCCIOLI, quando comparve un bambino.
    "A quanto li vende i cuccioli?" chiese.
    L' uomo rispose al ragazzino che non intendeva lasciarli per meno di 50
    dollari l'uno.
    Il ragazzo si frugò nelle tasche, estrasse qualche moneta, guardò il
    proprietario del negozio e disse: "Ho 2 dollari e 37 centesimi. Posso vederli?".
    Il padrone del negozio sorrise e fischiò. Una cagnolina di nome Lady arrivò correndo lungo il corridoio, seguita da cinque batuffoli pelosi.
    Uno dei cuccioli rimase indietro.
    Immediatamente il bambino domandò del cucciolo claudicante.
    "Cos'ha che non va quel cagnolino?".
    "Il veterinario ci ha detto che ha dei problemi all'articolazione dell'anca",
    spiegò il proprietario del negozio. "Zoppicherà sempre così".
    "Voglio comprare quello", disse subito il ragazzino.
    Il padrone del negozio replicò: "No.. quel cane non lo devi comprare. Se
    davvero lo vuoi te lo regalo".
    Il bambino si avvicinò al viso dell'uomo e gli disse rabbioso: "Io non
    voglio che me lo REGALI. Quel cagnolino vale quanto gli altri cuccioli e
    pagherò il prezzo intero. Adesso le do 2 dollari e 37, e le darò 50 centesimi
    al mese finché avrò raggiunto tutta la cifra!".
    Il proprietario del negozio insistette: "No, no. Non puoi volere quel cane. Non sarà mai capace di correre, saltare e giocare come gli altri cani".
    Per tutta risposta il bambino sollevò il pantalone sinistro, per mostrare una gamba deforme sostenuta da due tutori d'acciaio.
    "Vede signore" - disse - "nemmeno io corro molto bene e quel cucciolo ha
    bisogno di qualcuno che lo capisca".

    Dan Clark
    , , , , , , , , , , , , ,