Libero

bellevue_m

  • Donna
  • 56
  • roma
Gemelli

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 13.602

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita bellevue_m a scrivere un Post!

Mi descrivo

.........

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

Inglese, Francese

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. gli animali
  2. la sincerita'
  3. la lealta'

Tre cose che odio

  1. i doppiogiochisti
  2. gli ipocriti
  3. l'insensibilita'

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Avventura

Passioni

  • Lettura
  • Fai da te
  • Musica

Musica

  • Disco
  • Pop

Cucina

  • Piatti italiani
  • Tex & mex

Libri

  • Psicologia
  • Fantascienza

Sport

  • Nuoto

Film

  • Fantascienza
  • Commedia

Libro preferito

isabelle allende

Meta dei sogni

Caraibi, Scandinavia

Film preferito

La finestra di fronte

Mio caro Simone,
dopo di te, il rosso non è più rosso. L'azzurro del cielo non è più azzurro. Gli alberi non sono più verdi.
Dopo di te, devo cercare i colori dentro la nostalgia che ho di noi. Dopo di te, rimpiango persino il dolore che ci faceva timidi e clandestini.
Rimpiango le attese, le rinunce, i messaggi cifrati, i nostri sguardi rubati in mezzo a un mondo di ciechi, che non volevano vedere perchè, se avessero visto, saremmo stati la loro vergogna, il loro odio, la loro crudeltà.
Rimpiango di non aver avuto ancora il coraggio di chiederti perdono. Per questo, non posso più nemmeno guardare dentro la tua finestra. Era lì che ti vedevo sempre, quando ancora non sapevo il tuo nome.
E tu sognavi un mondo migliore, in cui non si può proibire ad un albero di essere albero, e all'azzurro... di diventare cielo.
Non so se questo è un mondo migliore... ora che nessuno mi chiama più Davide... ora che mi sento chiamare soltanto signor Veroli, come posso dire che questo è un mondo migliore?
Come posso dirlo senza di te?


La lettera dal film "la finestra di fronte"..
Un amore controverso..

page counter

 

Tutto è relativo. Prenda un 

ultracentenario che rompe uno

 specchio: sarà felicissimo di

sapere che ha ancora sette anni

di disgrazie.

Albert Einstein

IO TI CHIESI

Io ti chiesi perché i tuoi occhi
si soffermano nei miei

come una casta stella del cielo
in un oscuro flutto.

Mi hai guardato a lungo
come si saggia un bimbo con lo
sguardo,mi hai detto poi, con
gentilezza:
ti voglio bene, perché sei tanto triste.

Hermann Hesse

, , , , , , , , , , , , ,