Libero

belmorobastardo

  • Uomo
  • 56
  • Roma
Leone

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 5.346

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita belmorobastardo a scrivere un Post!

Mi descrivo

Si afferma che a scegliere un uomo siano le donne. Io credo che le donne non scelgano solo un uomo, ma soprattutto il ruolo che nella loro vita immaginano che egli possa avere. Fosse solo per un momento, poi si vedrà. Sarà pure vero che le donne non capiscono gli uomini, ma certo ne sanno più di quanto noi sappiamo di loro e assegnano i ruoli come un buon regista. Le donne hanno un intuito sessuale più raffinato e profondo e spesso sarebbe bene assecondarle, imparando da loro.

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. donne
  2. sincere
  3. vere

Tre cose che odio

  1. l'ipocrisia
  2. la falsa modestia
  3. l'incoerenza

Cercando di te...

Cercando di te ho consumato la mia vita, tra storie in salita e provvisorie verita' il tempo e' pieno di sorprese e qualche volta ci assomiglia, si sogna e si sbaglia e ci si spegne sempre un po'. Cercando di te in ogni donna che ho incontrato, ho sempre inventato passioni grandi piu' di me; ma son tornato sempre solo a medicarmi le ferite, convinto ogni volta che non ti avrei trovata mai. Capita che poi quando non hai voglia piu' di crederci, ti cade addosso un'emozione, cresce prepotente e senza regole e d'un tratto torni a vivere. Comincia da qui il secondo tempo della vita mia e tutto quello che sara', e' ancora da scrivere. Non mi svegliero' con un sorriso sconosciuto accanto, sempre straniero in ogni letto, col mio cuore sconfitto cercando di te. Cercando di te nelle maree che ho attraversato, ho sempre incontrato troppe parole e poco amore, tu parli poco e non prometti ma sai scaldare le mie notti e quando mi manco sono sicuro che ci sei. Ora che sei qui mi sorprendo a perdere abitudini che non avrei cambiato mai, questa confusione che mi fa sentire vivo, me la merito. Comincia con te il secondo tempo della vita mia e tutto quello che vorro' e' solo pretenderti. Svegliarmi con te, con questa faccia forse un po' sgualcita, da notti bianche per amore, per fatica o dolore, ma vivendo con te. ma vivendo con te.

La Paura

La paura di essere presi in giro a volte ci impedisce di vedere la realtà dei fatti... ma forse non è la paura di essere presi in giro.. forse è la paura di avere vicino qualcuno che veramente potrebbe diventare importante... allora ci rifugiamo in scuse, creiamo situazioni al limite per sentirci nella ragione.. quando nella ragione non siamo...

La Notte

Sì sarà pure misteriosa e tenebrosa, quando vuole fa paura, Ma ti abbraccia e ti difende se l'ascolti... Se ti nascondi e cerchi dentro lei la forza per andare avanti e non tradirla con il sole e i raggi. Mi copre dagli insulti e dalle malelingue, che cercan solo di ferirmi e screditarmi, mi lascia fare anche se sbaglio a farmi male, senza insultarmi.. Non come te che invece, hai cancellato in un momento tutto quanto. Ed è rimasto dentro te soltanto il peggio per uno sbaglio ed un momento in cui mi son sentito solo, senza coraggio... Ma la notte so che pensi a me amore, nel buio cerchi sempre le mie mani, no... Non fingere di stare già, già bene... di colpo non si può dimenticare. Niente di così profondo e intenso o almeno penso. Dico ci riesco, poi mi perdo e ci ricasco nei momenti di sconforto, quando intorno a me tutto buio come, come la notte, come le botte, come le ferite abbandonate e mai curate, ancora aperte. Sbagliare è umano, ma per te uno sbaglio è tutto. Sono solo un malandrino ed un violento, per una volta provo ad ascoltare il cuore e non l'orgoglio. Ma la notte so che pensi a me amore, nel buio cerchi sempre le mie mani, no... non fingere di stare già, già bene... di colpo non si può dimenticare. Niente di così profondo e intenso o almeno penso. Ma la notte so che pensi a me amore, nel buio cerchi sempre le mie mani...no! non fingere di stare già già bene... di colpo non si può dimenticare... niente di così profondo e intenso o almeno penso. Modà

DESPERADO

Desperado, perchè non usi la ragione? Sei stato fuori dai binari per cosi tanto tempo Sei un duro So che hai le tue ragioni Queste cose che ti fanno piacere Possono ferirti in qualche modo Non pescare la regina di quadri, ragazzo Lei ti batte se può Sai che la regina di cuori è sempre la tua migliore scommessa/scelta Adesso mi sembra che tante belle cose sono state lasciate sul tuo tavolo ma tu vuoi solo quello che non puoi avere Desperado oh non stai diventando più giovane Il tuo dolore e la tua fame ti stanno portando a casa E la libertà la libertà allora è soltanto qualcosa di cui la gente parla La tua prigione è camminare attraverso questo mondo da solo Ma i tuoi piedi non diventano freddi nell'inverno? Dal cielo non nevica e il sole non brilla È difficile capire la notte dal giorno Stai perdendo tutti i tuoi alti e bassi Non è strano come la sensazione se ne va? Desperado, perché non usi la ragione? Scendi dalle tue posizioni, apri il cancello Potrebbe piovere, ma c'è un arcobaleno sopra di te Faresti meglio a lasciare che qualcuno ti ami Prima che sia troppo tardi

PENSAVO

PENSAVO DI AVER CONOSCIUTO IL PENSIERO DELL'UOMO, NONOSTANTE TUTTO RIESCO ANCORA A STUPIRMI DI QUANTO POSSA ESSERE CONTORTO IL PENSIERO UMANO.... "IO TI VOGLIO AIUTARE"... NO, TU NON VUOI AIUTARMI, TU VUOI SOLO AVERE I TUOI CINQUE MINUTI DI GLORIA, PAVONEGGIARTI IN GIRO, MOSTRARE IL TUO TROFEO.... OFFENDERE L'ALTRUI INTELLIGENZA FACENDOTI PASSARE PER PERSEGUITATA.... MA SE IL MONDO INTERO TI TRATTA MALE... PONITI UNA SOLA DOMANDA... ACCETTANDONE ANCHE LA RISPOSTA.....

CYRANO

venite pure avanti, voi con il naso corto, signori imbellettati, io piu' non vi sopporto infilero' la penna ben dentro al vostro orgoglio perche' con questa spada vi uccido quando voglio. venite pure avanti poeti sgangherati, inutili cantanti di giorni sciagurati, buffoni che campate di versi senza forza avrete soldi e gloria ma non avete scorza; godetevi il successo, godete finche' dura che' il pubblico e' ammaestrato e non vi fa paura e andate chissa' dove per non pagar le tasse col ghigno e l'ignoranza dei primi della classe. io sono solo un povero cadetto di guascogna pero' non la sopporto la gente che non sogna. gli orpelli? l'arrivismo? all'amo non abbocco e al fin della licenza io non perdono e tocco. io non perdono e tocco. facciamola finita, venite tutti avanti nuovi protagonisti, politici rampanti; venite portaborse, ruffiani e mezze calze, feroci conduttori di trasmissioni false che avete spesso fatto del qualunquismo un arte; coraggio liberisti, buttate giu' le carte tanto ci sara' sempre chi paghera' le spese in questo benedetto assurdo bel paese. non me ne frega niente se anch'io sono sbagliato, spiacere e' il mio piacere, io amo essere odiato; coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco e al fin della licenza io non perdono e tocco. io non perdono e tocco.

CYRANO 2

ma quando sono solo con questo naso al piede che almeno di mezz'ora da sempre mi precede si spegne la mia rabbia e ricordo con dolore che a me e' quasi proibito il sogno di un amore non so quante ne ho amate, non so quante ne ho avute, per colpa o per destino le donne le ho perdute e quando sento il peso d'essere sempre solo mi chiudo in casa e scrivo e scrivendo mi consolo, ma dentro di me sento che il grande amore esiste, amo senza peccato, amo ma sono triste perche' rossana e' bella, siamo cosi' diversi; a parlarle non riesco, le parlero' coi versi. le parlero' coi versi venite gente vuota, facciamola finita: voi preti che vendete a tutti un'altra vita; se c'e' come voi dite un dio nell'infinito guardatevi nel cuore, l'avete gia'tradito e voi materialisti, col vostro chiodo fisso che dio e' morto e l'uomo e'solo in questo abisso, le verita' cercate per terra, da maiali tenetevi le ghiande, lasciatemi le ali; tornate a casa nani, levatevi davanti, per la mia rabbia enorme mi servono giganti. ai dogmi e ai pregiudizi da sempre non abbocco e al fin della licenza io non perdono e tocco. io non perdono e tocco. io tocco i miei nemici col naso e con la spada ma in questa vita oggi non trovo piu' la strada, non voglio rassegnarmi ad essere cattivo tu sola puoi salvarmi, tu sola e te lo scrivo; dev'esserci, lo sento, in terra in cielo o un posto dove non soffriremo e tutto sara' giusto. non ridere, ti prego, di queste mie parole, io sono solo un'ombra e tu, rossana, il sole; ma tu, lo so, non ridi, dolcissima signora ed io non mi nascondo sotto la tua dimora perche'oramai lo sento, non ho sofferto invano, se mi ami come sono, per sempre tuo per sempre tuo, per sempre tuo. cirano.

Link Preferiti

, , , , , , , , , , , , ,