Libero

bruno.donati

  • Uomo
  • 54
  • Bari
Ariete

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita bruno.donati a scrivere un Post!

Mi descrivo

no no :-D

Su di me

Situazione sentimentale

sposato/a

Lingue conosciute

Inglese

I miei pregi

Dicono che sono una persona solare e con una buona autoironia

I miei difetti

NON BASTA LO SPAZIOOO!!!

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. il mare, il sole, un tramonto, una pineta
  2. il sorriso sulle labbra delle donne
  3. le donne intelligenti ed intriganti

Tre cose che odio

  1. i profili carichi di video ed immagini
  2. il telefono inopportuno
  3. il traffico di città

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Spiagge incontaminate

Passioni

  • Lettura
  • Musica
  • Tecnologia

Musica

  • Blues

Cucina

  • Piatti italiani

Libri

  • Fantascienza
  • Gialli

Film

  • Azione
  • Fantascienza

Meta dei sogni

Irlanda e Scozia, Isole tropicali in generale

Film preferito

2001 Odissea nello spazio

L'uomo con l'UNICUM

Sono le 23:00, non è troppo tardi ma voglio andare a letto anche se non ho sonno e so che non dormirò; l'uomo con l'Unicum invece dorme, seduto sulla sedia, ad un tavolino fuori, le gambe stese su di una sedia vicina; ha bevuto un sorso in più...

Giunge l'eco di una chitarra strimpellata e di voci giovani :" Motociclettaaa, dieci accapiii, tutta cromataaa, è tua se dici di siiii..." e si mescolano con gli odori della cucina del vicino ristorante, dove stanno suonando vecchie canzoni napoletane. La serata è umida, ha piovuto per tutto il pomeriggio.

Ho appena avuto un bonario confronto con un collega di lavoro; non c'è modo di dargli ragione, nè di averne...non c'è dialogo; in fondo poi ogniuno "si fa la storia sua", cioè ogniuno interpreta le cose a modo suo, un modo viziato dal retaggio della vita vissuta, le esperienze personali e le situazioni del momento.

Anch'io, quando scrivo, uso parole e frasi che potrebbero essero fraintese e così va a farsi fottere tutto il senso della mia scrittura.

E' inevitabile che pensi a te più intensamente in questi momenti e che mi prenda questo strano senso di nostalgica amarezza...Tu che sapevi ascoltarmi e parlarmi ed amarmi in quel modo così speciale che non ho mai capito abbastanza, ed io, che non mi sono mai scoperto abbastanza...

Il dormiente si è svegliato, sbadiglia e guarda il bicchiere vuoto; con lente movenze lo riempe; sorseggia il suo amaro modo di passare la serata, o di ripassare il suo passato o di vedere le prospettive del suo futuro. C'è una tarantella che giunge alle orecchie e grida e risate. Forse mi farò una passeggiata per le vie semideserte di questo cazzo di paese del salernitano. Vorrei sparire, invece sono qua e tu...dove sei?

Bruno D. - Fisciano 19 settembre 2006

Le scelte

Scegli di amare...invece di odiare
scegli di ridere...invece di piangere
scegli di creare...invece di distruggere
scegli di perseverare...invece di lasciar perdere
scegli di lodare...invece di biasimare
scegli di curare...invece di ferire
scegli di dare...invece di rubare
scegli di agire...invece di procrastinare
scegli di crescere...invece di imputridire
scegli di pregare...invece di maledire
scegli di vivere...invece di morire

                                                                              (Og  Mandino)

Lascia che sia
di Bruno Donati

che il sole valichi i monti più alti
che sgeli il ghiaccio e liberi i fiori
che lasci sola la notte e le sue paure
i sogni inquieti e i desideri lontani
Che rinasca acqua dalla sorgente
che il mare in tempesta si plachi
che volteggino stormi di rondini
che l’arcobaleno divida il cielo.
Lascia che sia cuore, il tuo
che canti, che rida, che parli
lascia che sia tutte le stagioni
per dieci, cento, altri mille anni ancora

, , , , , , , , , , , , ,