Libero

camilla120.0

  • Donna
  • 55
  • càos
Scorpione

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 38.875

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita camilla120.0 a scrivere un Post!

Mi descrivo

prima ero camilla120, ora ho aggiunto uno zero..ricomincio da zero, :-) Immagina una tenera trappola che ti cattura ogni volta: la testa in paradiso, le mani nel fango... Essere alla deriva e galleggiare ancora...Ofelia, concedimi una possibilità...Lasciati amare. Ancora.

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. delfini
  2. mare
  3. aquile

Tre cose che odio

  1. mancanza
  2. di
  3. pensiero

anna magnani

Toglietemi pure tutto, ma l’amore no, non portatemelo via: l’amore è pioggia e vento, è sole e stella. Lo ammetto, ho un carattere eccessivo e smodato. Non mi so frenare, ogni volta che amo mi impegolo fino ai capelli. Sapessi che strazio, poi, uscirne vivi, che tragedia. E una mattina ti svegli nel letto e non hai più sangue.. Ma poi ricomincia ed è meraviglioso. Anna Magnani

dicono di me...

Non possiamo mai giudicare le vite degli altri, perché ogni persona conosce solo il suo dolore e le sue rinunce. Una cosa è sentire di essere sul giusto cammino, ma un'altra è pensare che il tuo sia l'unico cammino.

Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere così come sei! Qindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un'opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita prima che l'opera finisca senza applausi...

0DE A PEPPINO IMPASTATO dalla mamma Felicia Chistu unn’è me figghiu. Chisti un su li so manu chista unn’è la so facci. Sti quattro pizzudda di carni un li fici iu. Me fighhiu era la vuci chi gridava ’nta chiazza eru lu rasolu ammulatu di lo so paroli era la rabbia era l’amuri chi vulia nasciri chi vulia crisciri. Chistu era me figghiu quannu era vivu, quannu luttava cu tutti: mafiusi, fascisti, omini di panza ca un vannu mancu un suordu patri senza figghi lupi senza pietà. Parru cu iddu vivu un sacciu parrari cu li morti. L’aspettu iornu e notti, ora si grapi la porta trasi, m’abbrazza, lu chiamu, è nna so stanza chi studìa, ora nesci, ora torna, la facci niura come la notti, ma si ridi è lu suli chi spunta pi la prima vota, lu suli picciriddu. Chistu unn’è me figghiu. Stu tabbutu chinu di pizzudda di carni unn’è di Pippinu. Cca dintra ci sunnu tutti li figghi chi un puottiru nasciri di n’autra Sicilia 1979 Felicia Impastato

ridere

Ma, infine, son le creature che non han mai scritto lettere d'amore ad essere ridìcole. Beati i tempi in cui scrivevo senza accorgermene lettere d'amore ridìcole. La verità è che oggi son le mie rimembranze di quelle lettere d'amore ad essere ridìcole.

VOGLIO IL MONDO E TUTTO CIO' CHE C'é DENTRO. (SCARFACE)....

Link Preferiti

, , , , , , , , , , , , ,