Libero

come.la.notte

  • Donna
  • 110
  • ...
Toro

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 02 ottobre

Ultime visite

Visite al Profilo 24.864

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita come.la.notte a scrivere un Post!

Mi descrivo

N O :-) (Per evitare inutili perdite di tempo: NON sono interessata ad incontri, a contatti telefonici e NON ho cam...ciaociao!

Su di me

Situazione sentimentale

sposato/a

Lingue conosciute

Inglese

I miei pregi

schietta

I miei difetti

schietta

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. arte, natura
  2. iniziativa, humor
  3. chi parla poco e agisce

Tre cose che odio

  1. scontatezza
  2. saccenza
  3. inerzia

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Prendo l'auto e parto

Vacanze Ko!

  • Tour organizzato
  • Passioni

    • Arte
    • Fai da te
    • Fiori e piante

    Musica

    • Blues
    • Raggae

    Cucina

    • Piatti italiani
    • Indiana

    Libri

    • Narrativa
    • Classici

    Sport

    • Nuoto
    • Trekking

    Film

    • Azione
    • Thriller

    Libro preferito

    taipan

    Meta dei sogni

    Canada, Atolli del Pacifico

    Film preferito

    Frida

                                                         

    Um dos retratos do fotógrafo (Foto: Raphael Macek)

                                        COME.LA.NOTTE

    filosofie di vita.....

    Tanto per cominciare si dovrebbe iniziare morendo, e così tricchete tracchete il trauma è bello che superato. Quindi ti svegli in un letto di ospedale e apprezzi il fatto che vai migliorando giorno dopo giorno. Poi ti dimettono perché stai bene e la prima cosa che fai è andare in posta a ritirare la tua pensione e te la godi al meglio. Col passare del tempo le tue forze aumentano, il tuo fisico migliora, le rughe scompaiono. Poi inizi a lavorare e il primo giorno ti regalano un orologio d'oro. Lavori quarant'anni finché non sei così giovane da sfruttare adeguatamente il ritiro dalla vita lavorativa. Quindi vai di festino in festino, bevi, giochi, fai sesso e ti prepari per iniziare a studiare. Poi inizi la scuola, giochi con gli amici, senza alcun tipo di obblighi e responsabilità, finché non sei bebè. Quando sei sufficientemente piccolo, ti infili in un posto che ormai dovresti conoscere molto bene. Gli ultimi nove mesi te li passi flottando tranquillo e sereno, in un posto riscaldato con room service e tanto affetto, senza che nessuno ti rompa i coglioni. E alla fine abbandoni questo mondo in un orgasmo!

    Woody Allen

    "Perchè amo gli animali?
    Perchè io sono uno di loro"

    (Alda Merini)

    Felicità è....

     l'attimo in cui pensi con certezza:
      MI FIDO DI TE...

    ...rouge...!

    20120516-191601.jpg

    Si affida totalmente a te...

    NON DELUDERLO MAI!

    Tra le orecchie del cavallo
    soffia il vento della libertà

    (proverbio arabo)

    ...fumo l'ultima e vado a nanna...

    emergenza acqua

    Sarà il futuro "oro blu"? 

    L’acqua per noi, oggi, è un elemento scontato. È sufficiente aprire il rubinetto per vederla scorrere in grande quantità. La utilizziamo per la nostra igiene personale, per lavare i piatti, l’auto, i pavimenti. E gli esperti di bellezza ci consigliano di berne il più possibile, almeno un litro e mezzo, due, al giorno. Del resto è di acqua che gran parte del nostro corpo è costituito, ed è grazie a essa che meglio si idrata. In fondo la Terra è composta soprattutto di acqua proveniente dal mare, dai fiumi, dalle calotte polari. Sembra un controsenso pensare che gran parte della popolazione mondiale, oggi, non abbia accesso all’acqua.
    Eppure è la realtà. Stiamo attraversando in questi anni una forte crisi dell’acqua che, viste le attuali tendenze, non accenna a migliorare ma induce piuttosto a formulare ipotesi pessimistiche.

    Oggi più di un miliardo di persone non ha accesso alla risorsa più preziosa per la vita e senza una pianificazione seria dei sistemi di distribuzione e di riconoscimento degli inalienabili diritti di ogni individuo, il numero degli esclusi aumenterà ancora. Si stima che nel 2020 saranno dai 3 ai 4 miliardi le persone che avranno l'acqua razionata o che non ne avranno affatto.
    In Italia, dove in teoria l'acqua non manca, secondo le Nazioni Unite, ne abbiamo più di 3.000 metri cubi all'anno a testa, il doppio di quanto considerato necessario. Eppure, il 70% della popolazione delle regioni meridionali non dispone di un accesso d'acqua regolare e sufficiente.
    C’è una differenza quasi incredibile nel consumo di risorse idriche, tra i paesi ricchi e quelli poveri. Si va dai 50 litri al giorno consumati da un tunisino, ai 380 da un Italiano, fino ad arrivare ai 650 litri consumati da un americano. L’11 per cento della popolazione consuma l’88 per cento dell’acqua del mondo. Ed è abbastanza inquietante pensare che lo stesso 11% cento controlli l’84% di tutta la ricchezza mondiale. Ognuno di noi, nel suo piccolo, ha la possibilità di contribuire a far fronte al problema, provvedendo a consumare l'acqua con criterio e senza inutili sprechi.

    "Teoria è quando si sa tutto, ma non funziona niente.
    Pratica è quando funziona tutto ma non si sa il perchè.
    In ogni caso si finisce per coniugare sempre la teoria
    con la pratica: non funziona niente e non si sa il perchè."


    ALBERT EINSTEIN

     

    Buona Notte......

    , , , , , , , , , , , , ,