Libero

debora_kerckosky

  • Donna
  • 49
  • Firenze
Sagittario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita debora_kerckosky a scrivere un Post!

Mi descrivo

Vivo molto stretta su questa terra, vorrei che tutto tornasse indietro nel tempo, vivere una vita con meno stress, dove i popoli siano uniti...un' utopia? Chissà...

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. Sincerità
  2. Animali - Carlo Verdone ;-)
  3. Mare

Tre cose che odio

  1. Ipocrisia
  2. Falsità
  3. Berlusconi

CONOSCI VICTOR JARA?

Chi dice che con la musica non si fa politica dovrebbe spiegarci l' accanimento dei militari fascisti cileni contro Victor Jara. Lo torturano,gli maciullarono le mani prima di finirlo in quello stadio di Santiago che doveva vederne molti di cileni torturati, stuprati e uccisi su commissione del prelio Nobel Henry Kissinger. E io, come più seriamente fa un caparbio giudice spagnolo di questi tempi, dico che il tempo non cancella proprio tutto, e che c'è da non dimenticare, e che la musica può essere altro che "ti amo, mi ami?" e che va resa giustizia a Jara continuando a cantare e cantare le sue straordinarie canzoni.

Lo único que tengo

Chi l'avrebbe mai detto
come potevo immaginarlo
se non ho nessun posto
al mondo

E le mie mani sono l'unica cosa che ho
sono il mio amore e il mio sostentamento
sono la sola cosa che ho
sono il mio amore e il mio sostentamento

Non c'è casa dove possa arrivare
mio padre e mia madre sono
più lontani da questo quartiere
di quanto lo sia una stella

E le mie mani sono l'unica cosa che ho
sono il mio amore e il mio sostentamento
sono la sola cosa che ho
sono il mio amore e il mio sostentamento

Chi lo avrebbe mai detto
che mi sarei innamorato
se non ho nessun posto
al mondo

E le mie mani sono l'unica cosa che ho
sono il mio amore e il mio sostentamento
sono la sola cosa che ho
sono il mio amore e il mio sostentamento.

Nomadi - Canzone per un'amica

Lunga e diritta correva la strada, l'auto veloce correva la dolce estate era già cominciata vicino lui sorrideva, vicino lui sorrideva... Forte la mano teneva il volante, forte il motore cantava, non lo sapevi che c'era la morte quel giorno che ti aspettava, quel giorno che ti aspettava... Non lo sapevi che c'era la morte, quando si è giovani è strano poter pensare che la nostra sorte venga e ci prenda per mano, venga e ci prenda per mano... Non lo sapevi, ma cosa hai sentito quando la strada è impazzita, quando la macchina è uscita di lato e sopra un'altra è finita, e sopra un'altra è finita... Non lo sapevi, ma cosa hai pensato quando lo schianto ti ha uccisa, quando anche il cielo di sopra è crollato, quando la vita è fuggita, quando la vita è fuggita... Dopo il silenzio soltanto è regnato tra le lamiere contorte: sull'autostrada cercavi la vita, ma ti ha incontrato la morte, ma ti ha incontrato la morte... Vorrei sapere a che cosa è servito vivere, amare, soffrire, spendere tutti i tuoi giorni passati se così presto hai dovuto partire, se presto hai dovuto partire... Voglio però ricordarti com'eri, pensare che ancora vivi, voglio pensare che ancora mi ascolti e che come allora sorridi e che come allora sorridi...

ADERISCI AL PROGETTO

SIAMOVIVI

PABLO NERUDA - Se un giorno...

Se un giorno il tuo cuore si ferma,
se qualcosa smette di bruciare per le tue vene,
se la voce dalla bocca ti esce senza divenire parola,
se le tue mani si scordano di volare e s'addormentano,

Matilde, amore, lascia le tue labbra socchiuse
perché quel tuo ultimo bacio deve durare con me,
deve restare immobile per sempre sulla tua bocca
perché così accompagni anche me nella mia morte.

Morirò baciando la tua folle bocca fredda,
abbracciando il grappolo perduto del tuo corpo,
e cercando la luce dei tuoi occhi serrati.

E così, quando la terra riceverà il nostro abbraccio
andremo confusi in una sola morte
a vivere per sempre l'eternità di un bacio.

Hermann Hesse - Io ti chiesi

Io ti chiesi perché i tuoi occhi
si soffermano nei miei
come una casta stella del cielo
in un oscuro flutto.

Mi hai guardato a lungo
come si saggia un bimbo con lo sguardo,
mi hai detto poi, con gentilezza:
ti voglio bene, perché sei tanto triste.

Walking in Memphis - Marc Cohn

                    

Johnny Cash

Nato a Nashville, in Tennessee, è generalmente considerato come uno dei più importanti cantanti della sua generazione. E' anche conosciuto per il suo impegno politico a favore dei detenuti in carcere.

 

HURT

Oggi mi farò del male
Per vedere se sono ancora in grado di sentire
Mi concentro sul dolore
L'unica cosa reale
L'ago fa un buco
La vecchia familiare fitta di dolore
Cerco di rimuovere tutto
Ma ricordo tutto
Cosa sono diventato?


Il mio amico più caro
Tutti quelli che conosco muoiono
Alla fine
E tu potresti avere tutto
Il mio impero di spazzatura
Ti abbatterò
Ti farò soffrire

Indosso questa corona di spine
Sulla mia poltrona da impostore
Pieno di pensieri confusi
Che non riesco a riordinare
Sotto le ingiurie del tempo
I sentimenti sbiadiscono
Tu sei qualcun altro
Io sono ancora qui


Se potessi ricominciare da capo
A un milione di miglia di distanza
Terrei me stesso tale e quale
Troverei un modo
spero di esserti stata d'aiuto kiss

Johnny Cash

AMATE GLI ANIMALI...NON LI ABBANDONATE, NON FATEGLI DEL MALE...

Paulho Coelho

L'amore è sempre nuovo. Non importa che amiamo una, due, dieci volte nella vita:
ci troviamo sempre davanti a una situazione che non conosciamo.
L'amore può condurci all'inferno o in paradiso,
comunque ci porta sempre in qualche luogo.
E' necessario accettarlo,
perché esso è ciò che alimenta la nostra esistenza.
Se non lo accettiamo, moriremo di fame
pur vedendo i rami dell'albero della vita carichi di frutti:
non avremo il coraggio di tendere la mano e di coglierli.
E' necessario ricercare l'amore là dove si trova,
anche se ciò potrebbe significare ore, giorni,
settimane di delusione e di tristezza.
Perché, nel momento in cui partiamo in cerca dell'amore,
anche l'amore muove per venirci incontro, e ci salva...

Paulho Coelho, Sulla Sponda del Fiume Piedra
, , , , , , , , , , , , ,