Libero

energyart70

  • Donna
  • 50
  • Torino
Pesci

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 13.006

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita energyart70 a scrivere un Post!

Mi descrivo

1,60 x 48kg sto cercando te:-)

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. la natura
  2. l' amore quello vero
  3. tu

Tre cose che odio

  1. I messaggi a sfondo sessuale
  2. chi non si ama
  3. la noia

I miei interessi

Passioni

  • Arte
  • Ballo
  • Sport

Libro preferito

Donne che corrono coi lupi

Meta dei sogni

India

il corpo femminile e i suoi simboli

Ogni essere umano – lo si sa – inizia la sua vita “abitando” all’interno di un altro essere umano, una donna, così che i due corpi sperimentano insieme – nei nove mesi, tanto dura la convivenza – che la carne che ci costituisce non è soltanto soggetto di esperienza, ma di principio, inizio di un corpo che viene alla vita, vita ospitata nella casa di un altro corpo. Bisognerebbe essere capace di riudire in noi il rumore della nostra nascita, quando in principio si porta in sé la percezione dell’essere donati alla vita, in quel lampo dell’inizio che siamo venuti nel mondo.

.

 Allora la nostra carne non è il corpo opaco che ognuno trascina con sé dopo la nascita, corpo che ci accompagnerà per tutta l’esistenza, senza sorpresa, ma forse con rassegnazione, visto quei segni incancellabili che ci costituiscono e che nessuna correzione chirurgica elimina: noi siamo quegli occhi, quel volto, quello sguardo…

Vale la pena, perciò, ascoltare il linguaggio del corpo, così da “sviscerare” l’essenza, cogliendone cioè dall’inizio quell’essenza che parte dalle “viscere”. Invece che dai concetti o dalle rappresentazioni  (il corpo non è mai allegoria della mente), conviene seguire i tempi e i ritmi del corpo della donna, – visto che è lei la nostra prima casa – corpo sempre mosso, in un movimento costante di sistole e diastole, vero simbolo universale che garantisce spazio comune ad una ragazza araba o cinese, ad un’adolescente australiana, a una studentessa italiana, ad una diciottenne indiana. Conviene allora individuare alcuni tratti di questa storia comune, legata all’esperienza del “corpo vissuto”, là dove è possibile riscoprire la forza dell’identità nella trama di una narrazione entro cui liberare parole autonome e vive.

L' intuito......

L'intuito e' il tesoro della psiche femminile. E' come uno strumento divinatorio, come un cristallo attraverso il quale si vede con misteriosa visione interiore.E' come una vecchia saggia sempre presente e pronta a dirvi esattamente di che si tratta, esattamente se andare a sinistra o a destra.....

(donneche corrono coi lupi)

Donne che corrono coi lupi

    Siamo pervase dalla nostalgia per l'antica natura selvaggia...

Ci siamo lasciate crescere i capelli e li abbiamo usati per nascondere i sentimenti. Ma l'ombra della Donna Selvaggia ancora si appiatta dietro di noi, nei nostri giorni, nelle nostre notti. Ovunque e sempre, l'ombra che ci trottere...
lla dietro va indubbiamente a quattro zampe.....
....La natura femminile è duale. Con la donna selvaggia si è in presenza di due donne: un essere esterno, che vive nel “mondo di sopra”, facile da osservare, alla luce; mentre esiste anche la creatura interiore che vive in un mondo non facilmente visibile. La donna ha poteri eccezionali quando i suoi aspetti duali sono conosciuti e considerati un’unità, ed entrambi i lati della dualità vengono nutriti.
da Donne che corrono coi Lupi di Clarissa Pinkola Estés

energy

GIF animations generator gifup.com


carboncino...1 lavoro

, , , , , , , , , , , , ,