Libero
giacand

giacand

  • Uomo
  • 57
  • una nuvola o una voliera, dipende...
Acquario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 16 aprile

Ultime visite

Visite al Profilo 7.966

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita giacand a scrivere un Post!

Mi descrivo

E' difficile descriversi: proviamo... pezzetto per pezzetto, come i mattoncini del "lego"! Certe volte mi sveglio e mi sento prigioniero, come un'aquila in una voliera; il più delle volte mi sento curioso, con la voglia di ricevere e di dare, di conoscere, di fare nuove esperienze, di aiutare chi ha bisogno di una mano, e allora sento che il cielo è tutto per me e posso planare e posarmi dove voglio... cercando di evitare la caduta ... PRIMA DEL RISVEGLIO

Su di me

Situazione sentimentale

single

Lingue conosciute

Inglese, Francese, Tedesco

I miei pregi

ALLE REDEN VOM VETTER... ICH NICHT

I miei difetti

\"“Perché ti stupisci, se i lunghi viaggi non ti servono, dal momento che porti in giro te stesso? Ti incalza il medesimo motivo che ti ha spinto fuori di casa, lontano”.\"

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. amici
  2. amici
  3. amici

Tre cose che odio

  1. niente
  2. nessuno
  3. nessuna

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Città d'arte

Vacanze Ko!

  • Villaggio turistico
  • Passioni

    • Viaggi
    • Lettura

    Musica

    • Jazz
    • Blues

    Cucina

    • Piatti italiani
    • Greca

    Libri

    • Diari di viaggio
    • Narrativa

    Sport

    • Nuoto
    • Atletica
    • Tennis

    Libro preferito

    del pensare breve di manlio sgalambro

    Meta dei sogni

    capitali europee, Medio Oriente

    Film preferito

    jueles et jim

    Ebbene, io sono all'antica. Non credo nei rapporti extraconiugali. Credo che le persone dovrebbero accoppiarsi a vita, come i piccioni e i cattolici.

    W. Allen, Manhattan.

    Tutto l’universo obbedisce all’amore

    Rara la vita in due fatta di lievi gesti
    e affetti di giornata, consistenti o no,
    bisogna muoversi come ospiti pieni di premure
    con delicata attenzione per non disturbare...

    ed è in certi sguardi
    che si vede l’infinito

    Stridono le auto come bisonti infuriati,
    le strade sono praterie...
    accanto a grattacieli assolati,
    come possiamo tenere nascosta la nostra intesa

    ed è in certi sguardi
    che s’intravede l’infinito

    Tutto l’universo obbedisce all’amore,
    come puoi tenere nascosto un amore.
    Ed è così
    che ci trattiene nelle sue catene
    tutto l’universo obbedisce all’amore

    Come possiamo
    tenere nascosta la nostra intesa
    ed è in certi sguardi
    che si nasconde l’infinito

    Tutto l’universo obbedisce……………

    Avrete visto anche voi camminare le aquile nelle voliere. Il loro incedere è come un'agonia maestosa e gli occhi levigati d'odio assentono al congedo.

    Fleur Jaeggy da "le statue d'acqua"

    AMICI AMICI AMICI

     
  • "A seconda di tale o talaltra circostanza, il soggetto amoroso si sente trascinato dalla paura di un pericolo, di una ferita, di un abbandono, di un improvviso cambiamento - sentimento che egli esprime con la parola angoscia Annullamento Accesso di linguaggio durante il quale il soggetto giunge ad annullare l'oggetto amato sotto il volume dell'amore stesso: con una perversione propriamente amorosa, il soggetto ama l'amore, non l'oggetto. Assenza ogni episodio.....che mette in scena l'assenza dell'oggetto amato - quali che siano la causa e la durata - e tende a trasformare questa assenza in prova d'abbandono. Attesa tumulto d'angoscia suscitato dall'attesa dell'essere amato in seguito a piccolissimi ritardi (appuntamenti, telefonate, lettere, ritorni). Catastrofe crisi violenta durante la quale il soggetto, sentendo la situazione amorosa come un vicolo cieco, una trappola da cui non potrà mai uscire, si vede destinato a una totale distruzione di sé. Colpe in un qualsiasi episodio trascurabile della vita d'ogni giorno, il soggetto crede di aver mancato nei onfronti dell'essere amato e prova per questo un sentimento di colpevolezza. Compassione il soggetto prova un sentimento di compassione nei riguardi dell'oggetto amato ogni volta che lo vede, lo sente o lo sa infelice o minacciato da qualcosa che è estraneo alla relazione amorosa in sé. Festa Il soggetto amoroso vive ogni incontro con l'essere amato come una festa. Segni Sia che voglia dar prova del suo amore, sia che si sforzi di decifrare se l'altro lo ama, il soggetto amoroso non ha a sua disposizione nessun sistema di segni sicuri. Sprofondare A volte, sia per dolore, sia per felicità, ho voglia di sprofondare. Suicidio Nella sfera amorosa, il desiderio di suicidio è frequente: basta un niente per destarlo."
  • AL PRINCIPE

    Se torna il sole
    Se discende la sera
    Se la notte ha un sapore di notti future
    Se un pomeriggio di pioggia sembra tornare
    Dai tempi troppo amati mai avuti del tutto
    Io non sono più felice
    Di goderne né di soffrirne
    Perché non sento più davanti a me tutta la vita
    Per essere poeti
    Bisogna avere molto tempo
    Ore e ore di solitudine
    Sono il solo modo perché si formi qualcosa
    Che è forza, abbandono, vizio e libertà
    Per dare stile al caos
    Io di tempo ormai ne ho poco
    Per colpa della morte
    E un po' anche di questo mondo
    Così umano che ai poveri toglie il pane
    Ai poeti, la pace
    Per essere poeti
    Bisogna avere molto tempo
    Ore e ore di solitudine
    Sono il solo modo perché si formi qualcosa
    Che è forza, abbandono, vizio e libertà
    Per dare stile al caos.

    Pasolini

     "come quella volta che hai capito che lo gnomone non c'entra nulla col grande puffo.."

    ALCUNI UOMINI VEDONO LE COSE COME SONO E DICONO: "PERCHE'?"

    IO SOGNO LE CONSE COME NON SONO MAI STATE E DICO: "PERCHE' NO?"

    "Quando i polli ebbero i denti e la neve cadde nera (bimbi state bene attenti) c'era allora, c'era... c'era..."

    charade

    Passi da un sogno, a un altro sogno, a un altro ancora, come le scatole cinesi.. hai paura di risvegliarti, meglio dormire... per non vedere niente, per non guardare in faccia la realtà.... (A.)

    CHARADE

    Chanson [Erik Satie]

    Bien courte, hélas! est l'espérance et bien court aussi le plaisir. Et jamais en nous leur présence, ne dura tant que le désir. Bien courte hélas! est la jeunesse. Bien court est le temps de l'amour. Et le serment d'une maîtresse ne dura jamais plus d'un jour. Celui qui met toute sa joie et son espoir en la beauté, souvent y laissant sa gaité. D'un dur souci devient la proie.

    , , , , , , , , , , , , ,