Libero

il_capo_dei_capi

  • Uomo
  • 48
  • taurianova
Leone

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 3.032

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita il_capo_dei_capi a scrivere un Post!

Mi descrivo

E che dire,qualsiasi cosa io scrivessi chi cazzo la kaka,io sono io,rispetta te e chi ti circonda e ti troverai sempre bene se c'e' dolcezza prendila ma se c'e' amarezza ingoiala anche perche e la legge dalla natura,mo ti saluto se vuoi approfondire io ci sono per tutti,ciao e buona chat

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. il rispetto
  2. a 164 2.5 sper t.d.
  3. la mia famiglia

Tre cose che odio

  1. il malincuore
  2. la morte
  3. questo mondo

Era sottoposto al 41 bis
Figlio si Riina scarcerato per scadenza dei termini
Giuseppe Salvatore Riina
La Corte di Cassazione ha disposto la scarcerazione, per scadenza dei termini, di Giuseppe Salvatore Riina, figlio terzogenito del boss di Corleone Totò Riina, detenuto al 41 bis a Sulmona. Riina jr dovrebbe essere liberato a breve. Soddisfazione è stata espressa dall'avvocato di Riina, Luca Cianferoni.
Sul suo capo l'accusa di associazione mafiosa ed estorsione - Accusato di associazione mafiosa ed estorsione, il giovane Giuseppe Salvatore era stato condannato in primo grado a 14 anni e 6 mesi. In appello la pena era stata ridotta a 11 anni e 8 mesi. La Corte di Cassazione, però, aveva annullato senza rinvio la condanna per estorsione e con rinvio quella per associazione mafiosa. Il processo era tornato davanti ad un'altra sezione della Corte d'Appello di Palermo che aveva condannato nuovamente Riina per l'associazione mafiosa a 8 anni e 10 mesi.
Decorsi i termini - I legali, intanto, avevano fatto ricorso al tribunale del Riesame di Palermo contro la custodia cautelare in carcere del terzogenito del capomafia di Corleone, sostenendo che nel frattempo erano decorsi i termini di carcerazione. I giudici della libertà l'avevano respinto. I difensori si sono rivolti a questo punto alla Cassazione "che - ha detto l'avvocato Cianferoni - ha annullato la misura senza rinvio, disponendo la liberazione immediata di Riina".

 2000 – Tommaso Buscetta Otto anni fa moriva il noto capomafia nato nel 1928  2000-tommaso buscetta   otto anni fa moriva il noto capomafia nato nel 1928

Un rosone in bronzo, opera di Tommaso Geraci, commemora insieme Falcone e Borsellino all'aeroporto loro dedicato di Palermo. Nell'iscrizione, si legge:

Il Capo dei Capi

Totò RiinaTotò RiinaTotò RiinaTotò RiinaTotò Riina

Claudio Gioè in Il Capo dei Capi - Foto di Delia Woehlert

La locandina di Scarface

La locandina di Il padrino

Volantini recanti una citazione del giudice Falcone: Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini
Volantini recanti una citazione del giudice Falcone: Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini

Silver Dragon

impersona il capo di Cosa Nostra Totò Riina, Daniele Liotti nei panni di Biagio Schirò, Simona Cavallari in quelli di Teresa e tanti altri attori e oltre 3500 comparse. Il costo di produzione è stratosferico, ben 15 milioni di Euro.

La serie racconta la vita di Totò Riina (Claudio Gioè) partendo dall’infanzia complicata fino al comando di “Cosa Nostra”, ripercorrendo tutte le tappe che ne hanno segnato la scalata al potere.

Dopo la morte del padre e del fratello a causa di uno scoppio in un residuato bellico, Totò Riina diventa il capo famiglia e si confronta con la miseria che lo porterà ad unirsi ai teppisti malavitosi di Corleone che fanno capo a Liggio. Con lui un gruppo di fedeli, Provenzano (Salvatore Lazzaro) e Bagarella (Marco Leonardi).
Sarà proprio questo gruppo a salire nel potere e prenderà il comando prima di Corleone e poi arriverà con i propri tentacoli fino a Palermo. Il tutto senza curarsi di quanti morti dovrà lasciare sul campo.

Nello stesso gruppo c’è un giovane, Biagio Schirò (Daniele Liotti), che andrà in controtendenza e diventerà poliziotto, ponendosi come obiettivo la sconfitta del suo ex compagno.
Ne Il Capo dei Capi non mancheranno anche i grandi nemici di Riina, dal questore Mangano al Generale Dalla Chiesa, ai giudici Falcone e Borsellino.
La serie si concluderà con l’arresto del capo di Cosa Nostra per opera del celebre Capitano Ultimo

ImmaginePALERMO - Per due ore è rimasto immobile davanti alla sua vita che scorreva dentro il piccolo televisore, unico lusso della cella al carcere duro, nel girone più blindato di Milano-Opera. Salvatore Riina non ha battuto ciglio quando si è rivisto ragazzino nella Corleone del dopoguerra, messa in scena da Mediaset per la prima puntata del "Capo dei capi". Lui, il padrino vero, non ha tradito alcuna sensazione per la scena del primo incontro con Luciano Liggio.
, , , , , , , , , , , , ,