Libero

kitty360

  • Donna
  • 88
  • vicolo dei sogni
Pesci

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 08 settembre

Ultime visite

Visite al Profilo 39

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita kitty360 a scrivere un Post!

Mi descrivo

Ho un cuore gitano e a nulla valgono le raccomandazioni di chi mi esorta a desistere adducendo a scusa il fatto che sia pericoloso. Si ferma solo per annusare l’odore che ha la vita in quel momento...ma poi riprende a galoppare, perchè ha bisogno di emozioni, di ridere, di piangere e di non smettere di viaggiare.

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

Spagnolo, Inglese

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. mio figlio, la mia famiglia, gli amici
  2. essere me stessa
  3. il mio lavoro

Tre cose che odio

  1. vedere soffrire le persone che amo
  2. chi sparisce senza spiegazioni
  3. i pregiudizi

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Città d'arte

Vacanze Ko!

  • Spirituale
  • Passioni

    • Lettura
    • Tecnologia
    • Musica

    Musica

    • Pop

    Cucina

    • Piatti italiani

    Libri

    • Classici
    • Narrativa

    Sport

    • Nuoto
    • Pallavolo
    • Calcio e calcetto

    Meta dei sogni

    Irlanda e Scozia, Spagna e Portogallo

    Ogni posto è una miniera. Basta lasciarcisi andare, darsi tempo, stare seduti in una casa da tè ad osservare la gente che passa, mettersi in un angolo del mercato, andare a farsi i capelli e poi seguire il bandolo di una matassa che può cominciare con una parola, con un incontro, con l’amico di un amico di una persona che si è appena incontrata e il posto più scialbo, più insignificante della terra diventa uno specchio del mondo, una finestra sulla vita, un teatro di umanità dinanzi al quale ci si potrebbe fermare senza più il bisogno di andare altrove.
    La miniera è esattamente la dove si è: basta scavare.

    Tiziano Terzani – Un indovino mi disse

    Sii paziente verso tutto ciò che è irrisolto nel tuo cuore e ... cerca di amare le domande, che sono simili a stanze chiuse a chiave e a libri scritti in una lingua straniera.
    Non cercare ora le risposte che non possono esserti date poiché non saresti capace di convivere con esse.
    E il punto è vivere ogni cosa.
    Vivi le domande ora.
    Forse ti sarà dato, senza che tu te ne accorga, di vivere fino al lontano giorno in cui avrai la risposta.

    Rainer Maria Rilke

    Gutta cavat lapidem

    Solo la donna può redimere questa umanità, perchè le sue basi sono nella Terra; è dolce e generosa come la Natura ed è la guardiana della vita e la maestra dell’amore. Noi curandere viviamo con la Terra, ecco perchè la nostra strada è quella della Terra. Questa è la prima via che ogni donna deve percorrere. La seconda è quella dell’acqua, con cui impara a manipolare un elemento che le permette di creare, sognare e rendere tutto possibile. La donna sa che gli alberi parlano; il vento e le rocce parlano fra loro

    e parleranno anche a te, se li ascolterai. La donna parla col mondo interiore. Una donna incinta può parlare col figlio che porta in grembo, con quella vita che palpita dentro di lei. La donna è anche capace di farsi canale dello Spirito, permettendo all’uomo di elevarsi sino all’Essere Divino. Può fare molto, al giorno d’oggi, se lo desidera. Ma alle volte la donna non vuole, oppure ha dimenticato il potere che la Pachamama le ha affidato.

    Negli occhi dello sciamano, Hernàn Huarache Mamani

    "Sai cos'è bello, qui?
    Guarda: noi camminiamo, lasciamo tutte quelle orme sulla sabbia, e loro restano lì, precise, ordinate.
    Ma domani, ti alzerai, guarderai questa grande spiaggia e non ci sarà più nulla, un'orma, un segno qualsiasi, niente.
    Il mare cancella, di notte.
    La marea nasconde.
    È come se non fosse mai passato nessuno.
    È come se noi non fossimo mai esistiti.
    Se c'è un luogo, al mondo, in cui puoi non pensare a nulla, quel luogo è qui.
    Non è più terra, non è ancora mare.
    Non è vita falsa, non è vita vera.
    È tempo.
    Tempo che passa.
    E basta..."

    Sono nata sul mare...sono d’acqua e di sale. 

    Sono nata a Sud del mondo...sono di sole e di miseria.

    dal libro Undici minuti di Paulo Coelho

    Ho incontrato un uomo, e mi sono innamorata di lui. Ho lasciato che mi innamorassi per una semplice ragione: non mi aspetto nulla. (...) Non riuscivo più a sopportare di vivere senza amore. Ero arrivata al limite. (...)
    Mi basta amarlo, stare con lui nel pensiero e colorare questa bella città con i suoi passi, le sue parole, il suo affetto. (...)
    Per Ralf, vorrei poter fare ciò che lui ha fatto per me. Ho riflettuto a lungo e ho scoperto che non sono entrata casualmente in quel caffè. Gli incontri più importanti sono già combinati dalle anime prim'ancora che i corpi si vedano. Generalmente, essi avvengono quando arriviamo a un limite, quando abbiamo bisogno di morire e rinascere emotivamente.
    Gli incontri ci aspettano, ma la maggior parte delle volte evitiamo che si verifichino. Se siamo disperati, invece, se non abbiamo più nulla da perdere oppure siamo entusiasti della vita, allora l'ignoto si manifesta e il nostro universo cambia rotta.
    Tutti sanno amare, poiché nascono con questo dono. Alcuni praticano l'amore naturalmente, ma la maggioranza deve apprendere di nuovo, ricordare come si ama; e tutti - senza alcuna eccezione - hanno bisogno di bruciare nel fuoco delle proprie emozioni passate, di rivivere gioie e dolori, cadute e riprese, fino al momento in cui sono in grado di intravedere il filo conduttore che esiste dietro ogni nuovo incontro. Sì, perché c'è un filo.
    Allora i corpi imparano a parlare il linguaggio dell'anima e questo si chiama "sesso". Ed è ciò che io posso dare all'uomo che mi ha restituito l'anima, benché lui ignori totalmente la sua importanza nella mia vita. E' quello che mi ha chiesto, ed è cio che avrà. Voglio che sia molto felice.

    , , , , , , , , , , , , ,