Libero

knighttemplar

  • Uomo
  • 53
  • Collepasso
Vergine

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 05 maggio

Ultime visite

Visite al Profilo 22.189

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita knighttemplar a scrivere un Post!

Mi descrivo

libero ricercatore e scrittore, appassionato di storia medioevale, religione e cultura cavalleresca...Cavaliere e colui che serve Dio con i valori della fede, amore e fratellanza.

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

lascio giudicare a coloro che sono perfetti, se esistono.

I miei difetti

lascio giudicare a coloro che sono perfetti, se esistono.

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. fratellanza
  2. amore
  3. solidarietà

Tre cose che odio

  1. ingiustizia
  2. cattiverie
  3. malignità

Come potete vedere e leggere in questo blog,  ci sono ricerche storiche e personali  sulla mia Casata. inoltre Il materiale pubblicato su queste pagine è stato creato attraverso immagini e documenti reperite dalla rete considerate di pubblico dominio. Ove involontariamente sia stato violato qualche diritto di copyright, i detentori possono contattarmi ed io provvederò alla rimozione. Inoltre il contenuto i racconti sono ricerche personali che vengono pubblicate solo per motivi culturali e informativi, non ha scopo di lucro. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Tuttavia....

As you can see and read in this blog are personal and historical research on my House. Furthermore, the published material on these pages was created through images and documents retrieved from the network considered in the public domain. Where was unintentionally violated any copyright, holders may contact me and I will remove it. Also, the content of the stories are personal research that is published only for cultural and informational, non-profit organization. This blog is not a journal as it is updated without any periodicity. It can not therefore be regarded as an editorial product under Law No 62, 7.3.2001. However ....

Per l'art. 3 del R.D. 7 giugno 1943, n. 651 (l'ultimo Ordinamento dello Stato Nobiliare Italiano), i titoli nobiliari sono in ordine decrescente: Principe, Duca, Marchese, Conte, Visconte, Barone, Nobile, nonché Signore, Cavaliere Ereditario, Patrizio e Nobile di determinate città. Per il secondo comma del medesimo articolo 3, a partire dal 1943, tali ultimi titoli non potevano essere più concessi ma soltanto riconosciuti agli aventi diritto se derivanti da antiche concessioni governative emanati nel periodo monarchico e nel periodo repubblicano contengono dei riferimenti ad esso che è indicato come “il nome di antico feudo o possesso territoriale che si unisce al titolo”. Più precisamente, il predicato nobiliare può essere definito come un particolare attributo che può essere aggiunto ad un titolo nobiliare o ad un cognome al fine di meglio specificarlo; esso consiste nella preposizione segnacaso “di”, seguita dall’appellativo di una località geografica. Tuttavia chi risiede in italia e ha origini antiche con un casato nobile deve fare riferimento alla Costituzione della Repubblica Italiana che non ha abolito o soppresso i titoli nobiliari ma li ha semplicemente disconosciuti. Come ha ritenuto la Corte di Cassazione con sentenza del 16 luglio 1951, ciò significa che la Costituzione non pone alcun divieto all'uso pubblico o privato dei titoli nobiliari da parte di chi ne sia investito, ma il non riconoscimento vale come divieto solo nei confronti dei pubblici ufficiali, i quali hanno il dovere di omettere ogni indicazione del titolo nobiliare negli atti da essi formati //www.dirittonobiliare.com/titoli.html 

the last of state Noble Italian

For Article. 3 RD June 7, 1943, No 651 (the last of state Noble Italian), the titles are in descending order: Prince, Duke, Marquess, Earl, Viscount, Baron, Noble, and Lord, Hereditary Knight, Patrick Noble, and certain cities. For the second paragraph of Article 3, starting from 1943, these latest headlines could not be granted to those eligible but only if it recognized derived from ancient monarchical government grants issued during the Republican period and contain references to it being shown as "the name of an ancient feudal land ownership, or who joins the title." More precisely, the predicate of nobility can be defined as a particular attribute that can be added to a title or a surname in order to better specify and consisting of the preposition segnacaso "of", followed by the call to a geographic location. But those who live in Italy and has ancient origins with a noble family should refer to the Constitution of the Italian Republic has not suppressed or abolished titles of nobility, but he simply disowned them.

As decided by the Supreme Court ruling of July 16, 1951, this means that the Constitution places no ban on public or private use of titles by those who are invested, but the non-recognition as the ban applies only to of public officials, who have a duty to omit all mention of the noble title in the acts they formed //www.dirittonobiliare.com/titoli.html

 

FAMIGLIA - Bray in Puglia origini

RICERCHE STORICO-DOCUMENTATE

 NEL 1130 I NORMANNI NEL SUD ITALIA Molto rari sono tipici del Salento di Martignano e Lecce in particolare, Braj sembra dovuto ad errori di trascrizione del cognome Bray che potrebbe derivare dalla regione gallica Bray: "...Nominis reliquiae supersunt planissime, Bibracte Galliae etiam nunc in Braycontrahitur, et non procul hinc Caesar Tamisim cum suis transmisit ...",ma più probabilmente discende dal nome normanno Bray derivato appunto da Bray in Normandia come viene indicato su questa cartina del medioevo Bray Gournay presso le vicinanze di Rouen. 

HISTORICAL RESEARCH IN 1130 THE NORMANS

 DOCUMENTED IN SOUTHERN ITALY Very rare are typical of the Salento, Lecce Martignano in particular, seems Braj due to errors of transcription of the surname Bray could arise from the Gallic region Bray: "... Nominis reliquiae supersunt planissime, etiam nunc in Bibracte Galliae Braycontrahitur, et non procul hinc cum suis transmisit Tamisim Caesar ...", but more likely derives from the Norman name derived precisely from Bray in Bray Normandy as indicated on this map of the Middle Ages at Gournay Bray near Rouen.

Bray in Francia

Bray In Francia

 //pagesperso-orange.fr/vieux-marcoussis/Chroniques/troussel.htm  //pagesperso-orange.fr/vieux-marcoussis/Chroniques/temple.htm  Milo de Brai, nel 1064 era signore di Montlhéry a partire dal 1095 sua moglie era Lithuise figlia di Stephes conte di Blois e di Adela della Normandia, figlia di William il conquistatore ed il suo figlio dello stesso nome Milo II de Brai 1118 signore di Montlhéry e di Braye, visconte di Troyes 1096, il figlio maggiore Trousseau de Brai, signore di Monthléry sua figlia Elizabeth di Montlhéry nel 1103 sposò Philip, Conte di Mantes, figlio di Philip I della Francia e di Bertrada de Momtfort, parteciparono alla 1^ crociata nel 1096.

BRAY FRANCE

In Bray Milo de Brai //pagesperso-orange.fr/vieux-marcoussis/Chroniques/troussel.htm //pagesperso-orange.fr/vieux-marcoussis/Chroniques/temple.htm France, in 1064 he was lord of Montlhéry since 1095 his wife was the daughter of Lithuise Stephes Count of Blois and Adela of Normandy, daughter of William the Conqueror and his son the same name Milo II de Brai 1118 lord of Montlhéry and Braye, Viscount of Troyes, 1096, Trousseau de Brai the eldest son, Lord of Monthléry his daughter Elizabeth married in 1103 Montlhéry Philip, Count of Mantes, son of Philip I of France and Bertrada de Momtfort, participated in the 1 st Crusade in 1096.

Bray in Inghilterra

Nel 1066, sir Guillaume de Brai, prese parte alla conquista dell'Inghilterra a fianco del Duca di Normandia William. Sul rotolo nell'abbazia i nomi di coloro che hanno partecipato alla battaglia di hastings. Al Servizio dei Re d'Inghlilterra dal (1066 - 1485): In un villaggio vicino Berkshire Bray vi è una chiesa del XII secolo costruita da Bray, in cornovaglia. sir Richard Bray cavaliere della giarrettiera e Consigliere al servio di Henry VI e della sua moglie Joan Troughton.  Nel  1236 troviamo dichiarazioni successive dei Cavalieri Templari in Scozia, è della Precettoria di Balantrodach, ora Tempio, in Mildlothian, fratello Thomas de Bray e fratello William de Mere, cappellani, fratello Thomas de la Ferme, frate Tommaso da Tulus, il fratello Enrico di Emory, il fratello Robert le Squoi, il fratello Roberto di Bonington, fratello Roger de Akiny, allora Precettore della Scozia.

BRAY ENGLAND

In 1066, Sir Guillaume de Brai, took part in the conquest of England next to the Duke William of Normandy. Abbey on the roll the names of those who participated in the Battle of Hastings. At the Service of the King of Inghlilterra (1066 - 1485): In a village near Bray Berkshire there is a church built in the twelfth century by Bray, Cornwall. Sir Richard Bray Councillor Knight of the Garter and the servant of Henry VI and his wife Joan Troughton. In 1236 we find the following statements of the Knights Templar in Scotland, is of the Preceptory of Balantrodach, now Temple in Mildlothian, brother Thomas de Bray and his brother William de Mere, chaplains, his brother Thomas de la Ferme, Brother Thomas of Tulus, the brother of Henry Emory, his brother Robert squo, his brother Robert of Bonington, brother Roger de Akiny, then Preceptor of Scotland.

Bray in Irlanda

La citta di Bray nome sarebbe dell'origine Normanna , derivato dal bri di parola, una collina e la scoperta nei motivi di vecchi archivi della abbazia del Connaught la sede era di sir Edward Wingfield Verner, degli Anglo-Norman , compreso le abbazie della st Thomas, st Mary il Virgin e st John di Tristledermot,Nel caso delle case di Dublino, le abbazie della st Thomas e della st Mary, Una famiglia Normanna sembra prendere il relativo cognome dal posto e verso la fine del tredicesimo secolo uno dei relativi membri, Robert de Bray, in Irlanda, Meyler FitzHenry, un figlio naturale di Henry I. Queste terre sono state tenute in custodia dai cavalieri Templari, terre assegnate loro da John il de Lisbona e J. de Howth; William le Deveneis, che è stato accennato come riuscita del de Ridelefords a Merrion; John Clements. Nel 1169, il re Henry II dell'Inghilterra concesse terre ai cavalieri Templari. I signori nobili e feudali presto seguirono l'esempio reale e riuscirono a organizzare 15 precettorie in Irlanda.

Bray e templari in Irlanda

Queste terre sono state tenute in custodia dai cavalieri Templari, terre assegnate loro da John il de Lisbona e J. de Howth; William le Deveneis, che è stato accennato come riuscita del de Ridelefords a Merrion; John Clements. Nel 1169, il re Henry II dell'Inghilterra concesse terre ai cavalieri Templari. I signori nobili e feudali presto seguirono l'esempio reale e riuscirono a organizzare 15 precettorie in Irlanda. I cavalieri Templari in Irlanda erano principalmente Anglo-Normanni e di anima nobile e molti di essi erano reduci della Terra Santa. Dopo la relativa conquista normanna dalla famiglia potente del De Burgo in 1232, la fortificazione di Galway è stata sostituita da un castello di pietra. I normanni costruirono chiese e cappelle per provvedere ai loro bisogni religiosi e partecipò l'Ordine dei cavalieri templari. I De Burgo erano membri dell'ordine religioso militare. È che lo stemma della famiglia De Burgo è una croce rossa simile a quella portata dai Templari secondo la leggenda, lo stemma fù prodotto durante le crociate quando era con il Re Riccardo cuore di leone in Terra Santa

BRAY IRELAND

These lands were taken into custody by the Knights Templar, the lands assigned to them by John de Lisbon and J. of Howth; the Deveneis William, who was mentioned as a successful de Ridelefords Merrion, John Clements. In 1169, King Henry II of England granted lands to the Knights Templar. The nobles and feudal lords soon followed suit and succeeded in organizing 15 real teacher in Ireland. The Knights Templar in Ireland were mainly Anglo-Normans and noble soul, and many of them were veterans of the Holy Land. After its conquest by the Norman family of De Burgo power in 1232, the fortification of Galway has been replaced by a stone castle. The Normans built churches and chapels to cater to their religious needs and joined the Order of the Knights Templar. The De Burgo were members of the military religious order. Is that the De Burgo family crest is a red cross similar to that worn by the Templars, according to legend, the crest was product during the Crusades when he was with King Richard

CASTELLI DEI NORMANNI

NORMANNI

DAME

CAVALIERI E DAME

, , , , , , , , , , , , ,