Libero

leonick60

  • Uomo
  • 60
  • Perla del sannio
Vergine

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 1.237

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita leonick60 a scrivere un Post!

Mi descrivo

Un uomo onesto... un libro sempre aperto alla vita resto... col cuore in mano mi piace gli altri ascoltare, e con quel poco che posso li voglio aiutare. L'amore e l'amicizia restano sempre atti gratuiti della nostra volontà, e pervengono dalle corde del cuore. E a me piace sentire i suoni dell'anima, perchè ci avvicinano all'eternità...piace avvertire le vibrazioni dell'attesa...gustare la sapidità dell'esistenza...aspirare l'aroma epidermico dei sensi.

Su di me

Situazione sentimentale

separato/a

Lingue conosciute

Spagnolo, Francese, Inglese

I miei pregi

altruismo,sensibilità,pazienza

I miei difetti

altruismo

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. rispetto
  2. donne
  3. ironia

Tre cose che odio

  1. slealtà
  2. ipocrisia
  3. indifferenza

I miei interessi

Passioni

  • Cinema
  • Fiori e piante
  • Suonare

Musica

  • Pop
  • Folk

Cucina

  • Piatti italiani

Libri

  • Saggi
  • Psicologia

Sport

  • Calcio e calcetto
  • Pallavolo

Film

  • Commedia

Libro preferito

Un\'ottima annata

Meta dei sogni

Sud America, Africa mediterranea

Film preferito

Il velo dipinto

"ODE ALLA VITA" di Pablo Neruda

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

Lentamente muore chi fa della televisione il suo guru.Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni,proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza,per inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire i consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso.Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio,chi non si lascia aiutare.Muore lentamente chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,chi non fa domande su argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità.  

"I bambini" di Doret's Law Nolte

I bambini imparano ciò che vivono.

Se un bambino vive nella critica impara a condannare.

Se un bambino vive nell'ostilità impara ad aggredire.

Se un bambino vive nell'ironia impara ad essere timido.

Se un bambino vive nella vergogna impara a sentirsi colpevole.

Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente.

Se un bambino vive nell'incoraggiamento impara ad avere fiducia.

Se un bambino vive nella lealtà impara la giustizia.

Se un bambino vive nella disponibilità impara ad avere fede.

Se un bambino vive nell'approvazione impara ad accettarsi.

Se un bambino vive nell'accettazione e nell'amicizia impara a trovare l'amore nel mondo.

"I FIGLI" di Kahlil Gibran

I tuoi figli non sono figli tuoi.

Sono i figli e le figlie della vita stessa.

Tu li metti al mondo, ma non li crei.

Sono vicini a te,ma non sono cosa tua.

Puoi dar loro tutto l'amore,non le tue idee.

Tu puoi dare dimora al loro corpo,

non alla loro anima.

Perchè la loro anima abita nella casa dell'avvenire,

dove a te non è dato entrare,

neppure col sogno.

Puoi cercare di somigliare a loro,

ma non volere che essi somiglino a te.

Perchè la vita non ritorna indietro e non si ferma a ieri.

Tu sei l'arco che lancia i figli verso il domani. 

"IL VALORE DI UN SORRISO" di P.John Faber

Donare un sorriso rende felice il cuore.

Arricchisce chi lo riceve senza impoverire chi lo dona.

Non dura che un istante ma il suo ricordo dura a lungo.

Nessuno è così ricco da poterne fare a meno

nè così povero da non poterlo donare.

Il sorriso crea gioia in famiglia, dà sostegno nel lavoro

ed  segno tangibile di amiciza.

Un sorriso dona sollievo a chi è stanco,

rinnova il coraggio nelle prove e nella tristezza è medicina.

E se poi incontri chi non te lo offre

sii generoso e porgigli il tuo:

nessuno ha così bisogno di un sorriso

come colui che non sa darlo.

"La meditazione" di Nelson Mandela

La nostra paura più profonda non è di essere inadeguati.

La nostra paura più profonda è di essere potenti oltre ogni limite.

E'la nostra luce,non la nostra ombra a spaventarci di più.

Ci domandiamo:"Chi sono io per essere brillante,pieno di talento,favoloso?"

In realtà chi sei tu per NON esserlo?

Siamo figli di Dio.

Il nostro giocare in piccolo non serve al mondo.

Non c'è nulla di illuminato nello sminuire se stessi cosicchè gli altri non si sentano insicuri intorno a noi.

Siamo tutti nati per risplendere, come fanno i bambini.

Siamo nati per rendere manifesta la gloria di Dio che è dentro di noi.

Non solo in alcuni di noi:è in ognuno di noi.

E quando permettiamo alla nostra luce di risplendere,inconsapevolmente diamo agli altri la possibilità di fare lo stesso.

E quando ci liberiamo delle nostre paure,la nostra presenza automaticamente libera gli altri.

, , , , , , , , , , , , ,