Libero

lucami006

  • Uomo
  • 55
  • Milano
Leone

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 11 maggio

Ultime visite

Visite al Profilo 18

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita lucami006 a scrivere un Post!

Mi descrivo

amo l'arte in tutte le sue forme e le emozioni di certi momenti (un quadro, un tramonto, una lettura, un'intesa, ...)

Su di me

Situazione sentimentale

separato/a

Lingue conosciute

Inglese, Francese

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. mostre d'arte, letteratura e cinema
  2. danzare sugli sci e nuotare in mari caldi
  3. morbidezza e dolcezza

Tre cose che odio

  1. nessuna
  2. nessuna
  3. nessuna

I miei interessi

Passioni

  • Arte
  • Cinema
  • Teatro

Musica

  • Pop
  • Disco

Cucina

  • Piatti italiani
  • Fusion

Libri

  • Classici
  • Storici

Sport

  • Sci
  • Sub

Film

  • Commedia
  • Drammatico

ele

Una Carezza a Mezzanotte

e la sera, prima di addormentarsi, ella voleva un bacio

una carezza.

Le piaceva dormire abbracciata e sentire la pelle e la forte presenza del suo uomo contro il suo corpo, in cui si rannicchiava tutta

spalmando ogni centimetro della pelle su quella di lui..... Tutta la notte

 

Cercandolo nel letto, tra lenzuola lisce e coperte calde.

Amando, emozionandosi fino quasi a svegliarsi, quando era una gamba di lui,

un braccio, a cercare lei per tenerla vicina a sé, abbracciandola

 

o la sua mano che si posava, delicata, sui suoi capelli, o le sfiorava una guancia

da innamorato

 

Avrebbe dato tutto. Tutto. per un amore così

che l'avvolgeva la notte

Per ritrovarlo nel risveglio col primo bacio delle labbra sulle labbra. E per sentire sulla guancia il palmo caldo della sua mano nella prima carezza del mattino.

Quella mano che aveva imparato ad amare
mano forte e delicata, tutta sua...

Avrebbe amato per sempre.

Lo avrebbe amato tutta la vita... 

Lapidazione

Lapidazione


Stella mia chiara, alba del mio mattino
Dimmi che sei qui con me o te ne sei andata
Ala mia che vola così veloce e bella
Dimmi che stai tornando al nido
O volando in cielo
Dolce mia monetina di chiaro argento vivo
Dimmi che sei in testa o sulla croce
Oh albero mio di pino, cima mia verde
Dimmi, è venuto l’inverno in primavera?

Le tue sorelle sono qui
Tuo fratello è qui
Io sono qui
Ma tu dove sei? Dov’è che sei?
Perché non vieni a vedere
Le scarpette di seta che ho fatto per la piccolina
Quella vestina rossa che le ho cucito dai petali del cuore?
Dalle radici del corpo, dalla sua anima d’albero
Tuo fratello ha fatto una culla per la tua bambina
Le tue sorelle con i capelli le hanno tessuto un bel cuscino

Come mi guardano tutti gentili oggi
Una gentilezza diversa
Così timida e cauta che qualcosa in me si spezza
Hey daina mia bella
Siamo tutti qui
Manchi solo tu
Il prato verde del mio petto vuole solo te
Io voglio che tu cada nelle mie braccia aperte
Come nella trappola di un cacciatore
E che non mi scappi mai più

Ma cosa dico
Daina mia bella non ti tendo trappole non pretendo niente
Corri via libera per i prati e le montagne
Come vuoi dove vuoi
Vai libera, daina mia bella dalle orme di luna

Già, siamo tutti qui
Ma io non voglio
Niente e nessuno al mondo
Niente di niente per niente al mondo
Solo te solo sapere che tu
Sei viva
Che esisti che ci sei

Ma perché non mi dicono niente
Perché non parla nessuno
E’ un nido di vespe questo silenzio
Una lama che mi accoltella
Una ferita che urla questo silenzio

Tu non arrivi
E questo dolore è un fiume in piena che si porta via la mia vita
Ma io non sono un’impalcatura che si può spazzar via
non sono un albero tagliato che l’acqua travolge via
Io non sono nient’altro che una stravoltura di pelle e ossa
Ridotta a niente dalla paura ma che ancora non vuole non può credere
Che questo fiume in piena mi ti si porti via

Guarda, c’è il sole
Ecco il mughetto a cui davi l’acqua ogni giorno
Ecco la sciarpa fiorata che mi hai regalato per l’anno nuovo
Ecco il quaderno con le tue poesie, l’hai lasciato aperto
E quando l’ho chiuso
Dalle pagine mi è saltata
In gola una stella che mi ha chiuso
La parola per sempre

Stanotte gridavano i lupi
Li ho sentiti sai?
Stanotte mi hanno portato il tuo vestito a brandelli
Quel vestito a quadretti blu che ti ha fatto la zia
Ah che la sua cara mano si fosse rotta
E’ rosso di sangue il vestito, non li vedo i quadretti sai

Mi han detto che avevano i grembiuli pieni di sassi
Il mondo intero è una pioggia di sassi e io e io vorrei
Io vorrei che tua madre fosse morta
Sì che io, io fossi morta

Le tue sorelle hanno la gonna piena di sangue e io
Io sento l’odore del fumo
Entra dappertutto in tutta la città
E’ tuo fratello sai, che ha bruciato la culla

Vedi non ho più paura
E’ un lupo selvatico che ho dentro
Una tigre piena di veleno
Io sono un mostro di fuoco
Se apro la bocca io tutto il mondo va a fuoco

Ma no, sono solo parola
Io ero l’espirazione
Tu l’inspirazione
E ora il mio respiro è tagliato a metà
Espira espira espira fuori dove
Non c’è l’inspirazione né risposta
Perché tu non ci sei
E non tornerai mai più lo so

E come il mio respiro tutto resterà fermo a metà
Finchè questa terra non ti riporterà
Tra le braccia mie


(Ziba Karbassi, da Poems)

Creatura di Sogno

Buona notte gentile creatura di sogno

eterea

come luce di luna

Morbida carne

soffice seta

generosa passione amorosa

Come corolla profumata ti schiudi e mi attrai nel tuo ventre che non lascerei mai...

Dormi bene e che i tuoi sogni ti portino a volare nello stesso cielo in cui dispiego le mie forti ali

Ti mando cento e cento baci in fila tenendoti dentro le mie braccia

Dormi serena perchè sei al centro dell’universo

Donna Amorosa

Buona notte bellissima donna

Femminile contrapposizione dell’uomo,

morbida incarnazione del piacere.

Femmina superba, eppure

tettuta, armoniosa e docile alla mano amorosa.

Ti amo, venere possessiva.

Mi misuro con te, ti desidero

e bramo di sprofondare dentro di te fino in fondo.

Dammi il tuo nettare!...

Primavera

Come stai?
Non mi dire: stavo meglio prima che mi chiamassi....

Questa sera di post luna piena,
di primavera che arriva,
di aria fresca e luci più intense anche di notte.

Di musica e di amore per la vita. Di sentimenti veri,
di lacrime un poco dolci,
di ricordi intensi e di voli di fantasia.

Di primavera, insomma,
che anche quest'anno è arrivata.


Di desideri legati col piombo del lavoro.
Di condivisione non condivisibile.
Di affetto infinito come questo cielo fresco
che questa notte sta sopra di te
e di me...

Come tante cose che vanno...
... Come un bacio,
come un pensiero ...

Cantico

Per questo, e per tutto ciò che sei ora e sei stata per me quando,

in un’altra epoca e in un’altra vita,

esploravamo curiosi il mondo e, felici di essere insieme,

ci sentivamo vivi.

Io ti ringrazio piccola delicata creatura.

Perché mi hai fatto ridere e piangere ed essere vivo.

E sono grato a questo mondo che ti ha creata ed è così grande e bello

e ogni giorno rinasce con una nuova alba chiara

chiara come i tuoi occhi che mi guardano pieni di amore e tenerezza

che nasce dal nostro abbraccio durato tutta la notte.....

...Forte abbraccio e dolce e disperato e intenso

e infinito come fosse l’ultimo

.... due corpi e due anime fuse l’una nell’altra plasmati

sulla pelle liscia e nuda accarezzati e stretti

e intrecciati, persi dentro il centro del desiderio 

e trascinati da una corrente che sembra non fermarsi mai

Elegia

Grazie, mille volte grazie mia cara,
per la cura con cui mi hai ospitato questa sera.

Per la gonna e le cosce lisce e il pelo a nudo sotto la gonna.
Per gli sguardi, e le ore intense di piacere di stare insieme.

Attendo con gradevole senso di desiderio

la prossima volta che potremo baciarci, stare uniti

e io potrò leccarti e sprofondare col viso
e con tutto il mio essere, nella morbida mollezza,

magnifica vista,


profumo divino da riassaporare sulle dita e sul viso,
che custodisci tra le cosce e tra le desiderabili chiappe...


fonte di estasi e di gratitudine verso dio ed il suo creato!

Bambina

C'era una volta una donna
che era stata una ragazza,
che era stata un'adolescente,
e prima ancora una bambina,

e le domandò: piccola, mi riconosci?...

Chiese alla bambina se la riconosceva ancora.
Ma cosa le rispose la bambina?

Tu ti ricordi ancora cosa volevo?

, , , , , , , , , , , , ,