Libero

micol_pv

  • Donna
  • 41
  • tante
Toro

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 24

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita micol_pv a scrivere un Post!

Mi descrivo

amo la musica, i libri e gli animali (gatti in special modo), mi piace la fotografia, sono sensibile a tutto ciò che è bello... amo chiaccherare in chat, qualche volta con e-mail (in rari casi di improvvisa simpatia) e scambiare opinioni su tutto... no msn, no incontri, no cellulare per favore.

Su di me

Situazione sentimentale

single

Lingue conosciute

Inglese

I miei pregi

uh... troppi, Leonardo da Vinci al mio confronto è un dilettante...

I miei difetti

una cosa giusta, ma in passato sarei finita sul rogo...

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. sensibilità femminile (e quanto le sta intorno)
  2. stare in casa con amiche/i o anche da sola
  3. in assoluta tranquillità e libertà

Tre cose che odio

  1. il rumore
  2. i rompiballe
  3. le persone insistenti (quasi sempre uomini)

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Prendo l'auto e parto

Vacanze Ko!

  • Trekking
  • Passioni

    • Fotografia
    • Lettura

    Musica

    • Blues
    • Pop

    Cucina

    • Piatti italiani
    • Fusion

    Libri

    • Narrativa
    • Gialli

    Sport

    • Nuoto
    • Atletica
    • Basket

    Film

    • Commedia

    Libro preferito

    se mi date due pagine complete ci provo... ma non è detto che bastino

    Meta dei sogni

    Atolli del Pacifico, Irlanda e Scozia

    Film preferito

    troppi davvero... l\'ultimo è \"Hero\", un affresco cinematografico sulla Cina che mi è piaciuto molto

    Madonna Disperazione (Lucio Dalla)

    Quante sono le ore per arrivare a domani - madonna disperazione mentre esce dal portone si frega le mani - Quanti bei baci per coprire la tua pelle - madonna disperazione dopo le mani non fregarti anche le stelle. Quante notizie buttate dentro alla radio - madonna disperazione a mezzanotte entra ed esce dall'armadio. - Quanta fame, per una pizza, una birra e un panino - madonna disperazione senza farsi notare si siede al tavolo di un ragazzino. Una macchina butta canzoni per due occhi tondi come duecento lire - madonna disperazione gli occhi li ha chiusi ma fa finta di dormire. Quanto coraggio per sputare dai denti un buonasera - madonna disperazione gli occhi ha nella borsa e si sbuccia una pera. Quanta nostalgia a pensare a qualcuno che sta molto lontano - madonna disperazione ne approfitta e ti agguanta la mano. C'è molta poesia a stare zitti se non si ha niente da dire - madonna disperazione corre a disfare la piega del letto per andare a dormire. ... e la notte, la notte è finita, la notte è finita in un bicchiere di birra e diventa più scura - madonna disperazione fa sì con la testa e fa finta di avere paura. Che disastro esser convinti di non credere più a niente - c'è madonna disperazione che anche al buio ti vede e ti sente - non avere niente da leggere non avere da sognare - madonna disperazione è di spalle e si comincia a pettinare... Quanto potresti pagare per non avere più la memoria e non vedere madonna disperazione mentre si strucca e poi si spoglia. Ecco, il giorno è finito il quadro diventa perfetto perchè madonna disperazione ha capito, e si infila nel letto.

    SABATO ANIMALE

    Di là dal muro sento una tv - qualcuno corre giù per le scale - sabato sera per cambiare piove - potrei uscire per andare dove. - Suona il telefono chi sarà - forse qualcuno da un'altra città - chi se ne frega poi olo squillo è breve- sotto la doccia sto troppo bene. - Magari fuori non piove più - i fari lucidano le strade - in centro passano gli autobus - la gente esce va per mangiare - tra un'ora al massimo son tutti lì - io sono sola ma sto bene così - in questo sabato da animale - io non ho voglia di parlare - mi piace stare sola - sola in silenzio al buio ad annusare - proprio come un animale. - Qualcuno fischia un altro chiede chi è - al terzo piano stan suonando Chopin - il suono scende giù per le scale - ma è una tristezza che non fa male - mi viene un brivido chi lo sa - questo palazzo è come un'altra città - e se sto ferma e se mi concentro - posso sentire ogni movimento. - Adesso proprio non piove più - e c'è una luna che si può toccare - dormono tutti anche le tv - dormon le macchine nelle strade. - Ma se io penso che son tutti lì - non sono sola e mi sta bene così - in questo sabato d'animale - che non sapevo cosa fare - volevo stare sola - sola in silenzio al buio ad ascoltare - proprio come un animale - io sono sola in casa e parlo con te - di questa soria finita male - di tutto il sesso che c'è stato con te - le nostre liti da ospedale. - Apro la porta poi scendo giù - ci penso parlo e sto ancora male - al buio sembra che ci sei tu - sento il profumo giù per le scale. - Potrei spararti se tu fossi quì - ma io sto sola perchè voglio così - in questo sabato da animale - che non sapevo cosa fare - volevo stare sola - sola in silenzio al buio ad annusare - proprio come un animale...
    RON


    JAMIN-A - (De André-Pagani)

    Lengua 'feuga Jamin-a - lua de pelle scua - cu'a bucca spalancà - morsciu de carne dua - stella negra ch'a luxe - me veuggiu de mua - 'nte l'umidu duce - de l'ame de teu arveà - ma seu Jamin-a - ti me perduniè - se nu riusciò a ésse porcu - cumme i teu pense. Destacchete Jamin-a - lerfe de uga spin-a - fatt'ammià Jamin-a - roggiu de mussa pin-a - e u muru 'ntu suu - sugu de sa de cheusce - duve gh'è pei gh'è amù - sultan-a de e bagasce - daghe cianin Jamin-a - nu navegà de spunda - primma ch'a cuae ch'a munta e a chin-a - nun me se deste 'nte l'unda. e l'urtimu respiu Janim-a - regin-a muae de e sambe - meu tegnu peu sciurti vivu - de u gruppu de e teu gambe...
    , , , , , , , , , , , , ,