Libero

okkiodellanotte

  • Uomo
  • 67
  • Avellino
Capricorno

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 6

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita okkiodellanotte a scrivere un Post!

Mi descrivo

sono gli altri che mi descrivono in bene o in male!!

Su di me

Situazione sentimentale

sposato/a

Lingue conosciute

Inglese

I miei pregi

lascio giudicare agli altri

I miei difetti

tanti

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. L'alba
  2. un sorriso di un bambino
  3. una giornata di primavera

Tre cose che odio

  1. ipocrisia
  2. falsità
  3. superbia

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Avventura

Vacanze Ko!

  • Crociera
  • Passioni

    • Fotografia
    • Viaggi
    • Motori

    Musica

    • Jazz
    • Blues

    Cucina

    • Giappo
    • Piatti italiani

    Libri

    • Gialli

    Sport

    • Bike

    Film

    • Azione
    • Thriller

    Libro preferito

    il re del mare

    Meta dei sogni

    Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda

    Film preferito

    vacanze romane

    eduardo

    'O rraù
     
    'O rraù ca me piace a me
    m' 'o ffaceva sulo mammà.
    A che m'aggio spusato a te,
    ne parlammo pè ne parlà.
    Io nun sogno difficultuso;
    ma luvàmell' 'a miezo st'uso.
     
    Sì, va buono: cumme vuò tu.
    Mò ce avèssem' appiccecà?
    Tu che dice? Chest'è rraù?
    E io m'a 'o mmagno pè m' 'o mangià...
    M' 'a faje dicere na parola?
    Chesta è carne c' 'a pummarola.
     
    1947
     
    Eduardo De Filippo
     

    Appocundria me scoppia
    ogne minuto 'mpietto
    peccè passanno forte
    haje sconcecato 'o lietto
    appocundria 'e chi è sazio
    e dice ca è diuno
    appocundria 'e nisciuno
    …Appocundria 'e nisciuno.


    La bocca sollevò dal fiero pasto
    quel peccator, forbendola a'capelli
    del capo ch'elli avea di retro guasto.
    Poi cominciò: «Tu vuo' ch'io rinovelli
    disperato dolor che 'l cor mi preme
    già pur pensando, pria ch'io ne favelli.
    Ma se le mie parole esser dien seme
    che frutti infamia al traditor ch'i' rodo,
    parlar e lagrimar vedrai insieme.
    Io non so chi tu se' né per che modo
    venuto se' qua giù; ma fiorentino
    mi sembri veramente quand'io t'odo.
    Tu dei saper ch'i' fui conte Ugolino,
    e questi è l'arcivescovo Ruggieri:
    or ti dirò perché i son tal vicino.

    La vita è fatta di rarissimi momenti di grande intensità e di innumerevoli intervalli. La maggior parte degli uomini però, non conoscendo i momenti magici, finisce col vivere solo gli intervalli.


    Pianefforte 'e notte
    Nu pianefforte 'e notte
    sona luntanamente,
    e 'a museca se sente
    pe ll'aria suspirà.

    È ll'una: dorme 'o vico
    ncopp' a nonna nonna
    'e nu mutivo antico
    'e tanto tiempo fa.

    Dio, quanta stelle 'n cielo!
    Che luna! e c'aria doce!
    Quanto na della voce
    vurria sentì cantà!
    Ma sulitario e lento
    more 'o mutivo antico;
    se fa cchiù cupo 'o vico
    dint'a ll'oscurità..

    Ll'anema mia surtanto
    rummane a sta fenesta.
    Aspetta ancora. E resta,
    ncantannese, a pensà.

    Io vulesse truvà pace,
    ma na pace senza morte,
    una mmiez’à tanta porte
    s’arapesse pe campà.

    S’arapesse na matina,
    na matin’e primmavera
    e arrivasse fin’a sera
    senza dì …nzerrate là.

    Senza sentere cchiù a ggente
    ca te dice…io faccio, io dico…
    senza sentere l’amico
    c’a te vene a cunziglià.

    Senza senter’ a famiglia
    ca te dice…ma ch’è fatto ?
    senza scennere cchiù a patto
    c’a cuscienza e a dignità.

    Senza leggere ‘o giurnale
    c’a nutizia impressionante,
    ch’è nu guaio pe tutte quante
    ma nun tiene che ce fa.

    Senza sentere ‘o duttore
    ca te spiega a malatia…
    ‘a ricetta in farmacia…
    l’onorario ch’e à pavà.

    Senza sentere stu core
    ca te parla ‘e Cuncettina,
    Rita, Brigida, Nannina…
    chesta si…chell’ata no.

    Pecchè, insomma si vuò pace e
    nun sentere cchiù niente,
    ‘e a sperà ca sulamente
    ven’a morte a te piglià ?

    Io vulesse truvà pace,
    ma na pace senza morte,
    una mmiez’à tanta porte
    s’arapesse pe campà.

    S’arapesse na matina,
    na matin’e primmavera
    e arrivasse fin’a sera
    senza dì …nzerrate là.

    Eduardo

    , , , , , , , , , , , , ,