Libero

ratman22

  • Uomo
  • 20
  • citta senza nome
Acquario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 26 febbraio

Amici 1

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita ratman22 a scrivere un Post!

Mi descrivo

Senza maschera

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

essere sempre io

I miei difetti

minchia..non basta questo spazio

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. topine
  2. volo
  3. vivere

Tre cose che odio

  1. gatti e la droga
  2. quelle che si definiscono gatte
  3. quelle che mettono foto di gatti nelle fotogallery

I miei interessi

Vacanze Ko!

  • Spiagge incontaminate
  • Passioni

    • Fotografia

    Musica

    • Hip hop
    • Blues

    Cucina

    • Piatti italiani

    Libri

    • Fumetti
    • Fantasy

    Sport

    • Running
    • Basket
    • Beach volley

    Libro preferito

    tutto quello che sai è falso

    Meta dei sogni

    Australia e Nuova Zelanda, Islanda

    Film preferito

    i soliti sospetti

    DICONO DI RATMAN.........

    Dicono di me,
    che sono un bastardo, bugiardo e lo fanno senza un perchè...
    Dicono di me,
    che sono una strega drogata e truccata e piena di sè...
    E dicono di me,
    che sono una stupida frase da dire davanti a un caffè...

    E invece no, nessuno sa.
    E invece no, nessuno sa.
    Che avrei soltanto l'amore per lei...
    Per lei che ha il nome di un fiore, per lei...
    Per lei..

    Dicono di me,
    che sono una stupida frase da dire davanti a un caffè...
    Dicono di me,
    che sono un serpente con ali da diavolo e un cuore da re...


    Che avrei soltanto l'amore per lei...
    Per lei che ha il nome di un fiore per lei...
    Per lei che è l'unica al mondo, per lei...
    Per lei che è l'unica al mondo, per lei...
    Ed ogni raggio di luna è per lei...
    Ed ogni raggio di luna è per lei...
    Lei...

     

    quando mi guardo allo specchio

    Prendo le distanze da me perché non voglio avere niente a cui spartire con me, da condividere con chi come me non fa nulla per correggersi : sono il mio nemico, il più acerrimo. Carceriere di me stesso con la chiave in tasca invoco libertà ma per adesso so che questa cella resterà sprangata a triplice mandata dall' interno : sono l'anima dannata messa a guardia del mio inferno. Reprimo ogni possibile "me", inflessibile, inarrestabile nel mio restare fermo immobile, segno i giorni scorrere sul calendario, faccio la vittima, il mandante ed il sicario.. Sono l'Uomo Nero che turbava i sogni quando li facevo, credevo di esser libero ma non mi conoscevo come adesso ed ego non mi absolvo neanche quando mi confesso dei peccati che ho commesso - e guido un autodafè - In cattiva compagnia soprattutto se sto solo, negativo come i G in una picchiata, prendo il volo, salgo, stallo e aspetto il peggio, che non sta nella caduta ma nell'atterraggio come dice Hubert. Malato immaginario più di quello di Molière, sono il mio gregario e mi comporto da Salieri e non chiedermi il perché, che come il Tethered quando perdo il filo poi non mi puoi più riprendere..

    vampiri.....

    l'altro giorno sono venuti a trovami nella scheda dei vampiri....

    cosa volete chiedo io???

    "siamo venuti a terrorizzarti, e a succhiarti tutto quello che possiamo...."

    andatevene rispondo non è casa vosta.....

    "ah si (e ride) e come pensi di cacciarci con un paletto nel cuore?? ahahaha"

    no, rispondo io, ... non nel cuore...

    TUTO QUELLO CHE DICI E CHE SCRIVI

    Memorabile… Frasi d’amore scritte a macchina…
    la nostra storia in quattro pagine…
    che, raccontata, ci può perdere…

    Ah, formidabile… Il tuo avvocato è proprio un asino
    no, certe cose non si scrivono…
    che poi i giudici ne soffrono…

    Eh, eh, eh… rido perchè,
    a parte lo stile del tuo legale,
    sono parole tue
    d’amore scritte a macchina,
    Baby, baby, van tanto bene per me…

    a volte un pò cosi..........

    Mi sento un accessorio nella societa'. Mi sento un accessorio nella societa'. Mi sento un accessorio nella societa'. Mi sento un accessorio nella societa'. Mi sento un accessorio nella societa'

    -Ho perso il lavoro.
    -Nun te preoccupà, 'o ritrovamo...'ndo t'o si perso?
    -L'ho perso al ministero.
    -Embè? 'o ritrovamo! Quanto po' esse grosso il ministero? 'o mettiamo sottosopra e 'o ritrovamo.
    -Ho perso pure tutti gli amici.
    -Nun te preoccupà: li ricchiappamo...li ricchiappamo a tutti. cerca de fa mente locale de do' te li si persi...
    -Ho perso anche la fiducia, la fiducia nel prossimo, l'ho persa.
    -Tranquillo: ritrovamo pure quella. Io sto a fà la lista...hai perso: lavoro, amicizia e fiducia...ritrovamo tutto.
    -Ho perso anche la fede.
    -Ecco qua: aggiungo io. Se ritrova, basta ricostruì gli ultimi movimenti. Su! Ottimismo! Ritrovamo tutto.
    -L' ho perso, l'ottimismo...
    -E che ci vo'? E 'ndo...'ndo te lo si perso? Tu ti devi fa' sempre la domanda: 'ndo stavo, che facevo? Che movimenti facevo... ritrovamo tutto.
    -Ho perso anche l'entusiasmo.
    -Ecco qua, aggiungo, io: entusiasmo. Guarda: ce sta da lavorà, ce sta da lavorà perché i posti so' tanti, però ritrovamo tutto!
    -E l'ultima cosa che me so' perso so' stati 'i soldi...
    -Eh...e qua, amico mio, non ritrovamo proprio un ca.....

    , , , , , , , , , , , , ,