Libero

roger651

  • Uomo
  • 55
  • Musica&Poesia
Acquario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Amici0

roger651 non ha ancora amici. Chiedi l'amicizia prima di tutti!

Ultime visite

Visite al Profilo 3.744

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita roger651 a scrivere un Post!

Mi descrivo

ALTRUISTA PASSIONALE SPIRITO LIBERO

Su di me

Situazione sentimentale

sposato/a

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. MUSICA
  2. NATURA
  3. AMICIZIA

Tre cose che odio

  1. AVARIZIA
  2. PIGRIZIA
  3. I CODARDI

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Spiagge incontaminate

Vacanze Ko!

  • In bici
  • Passioni

    • Tecnologia
    • Musica
    • Lettura

    Musica

    • Jazz
    • Rock

    Cucina

    • Piatti italiani

    Libri

    • Fantascienza
    • Gialli

    Sport

    • Pallavolo
    • Basket

    Film

    • Fantascienza
    • Thriller

    Libro preferito

    MOLTI

    Meta dei sogni

    Spagna e Portogallo, Australia e Nuova Zelanda

    Film preferito

    MOLTI

    La mia prima volta è incominciata così,
    un giorno come tutti, non lontano da qui,
    quando passeggiando, tra le vie polverose,
    sono stato attratto da un profumo di rose.

    Sbalordita la mia mente, da non poter capire,
    come nel deserto della vita, un fior possa attecchire,
    e con l'intento di dar sfogo alla mia curiosità,
    ho voluto passeggiare un po' qua ed un po' la!
    Ricordo il mio stupore, attraversata la collina,
    tutto era speciale, niente come prima,
    un mondo differente, un giardino sotto il cielo,
    un brivido dopo l'altro, in un mondo parallelo.

    Tanta l'emozione, da restare senza fiato,
    per l'attimo infinito che di gioia mi ha riempito,
    e non ho resistito, a piantar subito un fiore,
    tornando il giorno dopo, per vedere il suo splendore.
    Da allora ogni volta che ripercorro quel sentiero,
    ancora mi emoziono, e lo faccio per davvero,
    perché questo giardino è sempre più arricchito
    di Pensieri e di Parole, che ogni ospite ha inserito.

    Oggi anche tu nel deserto della vita,
    ti trovi a respirare il profumo di un poeta,
    e la carezza di una piuma, sta sfiorando la tua pelle,
    mentre porterà l'amore, anche nel cuore più ribelle.

    Donna simbolo di vita
    padrona di ogni cosa,
    donna tenace nella tua salita
    candida come una rosa.

    L'uomo ti insegue per sua natura,
    ed il suo fascino ti seduce
    mentre la sua bocca che ti cattura,
    pone nel tuo ventre un seme, che verrà alla luce.

    Grande il tuo amore verso la prole
    per una bimba che diventa mamma, e un giorno nonna,
    e scrive diari per raccontare, con le parole,
    cosa si prova a venire al mondo con una gonna.

    Coraggiosa nel cammino della vita
    per superare le sconfitte dei tuoi amori,
    e riprendere a giocare la partita,superando frustrazioni e batticuori.

    Donna così fragile, e assai speciale,
    pelle delicata da baciare,
    donna dal profumo di mimosa
    ogni uomo fai impazzire, per averti come sposa.



        Dì a te stesso le tue paure più profonde. Così, la paura non ha più potere e la paura della libertà diminuisce fino a svanire. Tu sei libero.

    A nessuno rassomigli da che ti amo. Lasciami stenderti tra le ghirlande gialle. chi scrive il tuo nome a lettere di fumo tra le stelle del sud? Ah lascia che ricordi come eri allora, quando ancora non esistevi.

    Per questo sei la sete e ciò che deve saziarla. Come poter non amarti se per questo devo amarti. Se questo è il legame come poterlo tagliare, come. Come, se persino le mie ossa hanno sete delle tue ossa. Sete di te, sete di te, ghirlanda arroce e dolce. Sete di te, che nelle notti mi morde come un cane. Gli occhi hanno sete, perchè esistono i tuoi occhi. La bocca ha sete, perchè esistono i tuoi baci. L'anima è accesa di queste braccia che ti amano. Il corpo, incendio vivo che brucerà il tuo corpo. Di sete. Sete infinita. Sete che cerca la tua sete. E in essa si distrugge come l'acqua nel fuoco.

    Quanto ti sarà costato abituarti a me, alla mia anima sola e selvaggia, al mio nome che tutti allontanano. Abbiamo visto ardere tante volte l'astro baciandoci gli occhi e sulle nostre teste ergersi i crepuscoli in ventagli giranti.

    Sei piena di tutte le ombre che mi spiano. Mi segui come gli astri seguono la notte. Mia madre mi partorì pieno di domande sottili. Tu a tutte rispondi. Sei piena di voci. Ancora bianca che cadi sul mare che attraversiamo. Solco per il torbido seme del mio nome. Esista una terra mia che non copra la tua ormai Senza i tuoi occhi erranti, nella notte, verso dove.

    .È proprio la possibilità di realizzare un sogno che rende la vita interessante

    Oltre l'apparente leggerezza delle parole vive sempre l'anima di chi le scrive. Solo chi sa leggerle potrà coglierne l'essenza.

    TU mi prendesti per mano e mi traesti
    al Tuo fianco, mi facesti sedere su
    l'alto seggio al cospetto di tutti
    gli uomini; ond'io divenni timido,
    incapace di muovermi e di seguitar
    la mia via; esitante e scongiurante
    a ogni passo che non avessi a urtare
    in una loro spina insidiosa.

    Alfine son liberato!
    Il colpo è giunto, stride l'insulto,
    il mio posto è là, giri nella polvere.
    Ormai dinanzi a me sono aperti i sentieri.

    Aperte ho l'ali al desiderio del cielo,
    Vado a raggiungere le stelle cadenti
    della mezzanotte, vado a precipitarmi
    nell'ombra profonda.

    Somiglio a nuvola estiva in balia dell'uragano,
    la quale, gettato via l'aureo diadema,
    appende la folgore come spada a una catena di lampi.
    Corro con folle gioia giù pel sentiero polveroso
    del reietto; m'avvicino alla Tua,
    finale accoglienza.

    Il bimbo trova la madre quando ne lascia il grembo.
    Quando io vengo separato da Te,
    sbandito dalla Tua casa, sono libero di contemplare
    il Tuo volto.

     Quanto dolore c'è in un cuore incapace di credere al respiro stesso dei pensieri che lenti si intersecano nei labirinti della mente.

    La mia vita s'affatica invano affamata. Amo ciò che non ho. Tu sei così distante. La mia noia combatte coni lenti crepuscoli. Ma la notte giunge e incomincia a cantarmi. La luna fa girare la sua pellicola di sogno.

    Non puoi guardare
    ciò che non vedi
    non puoi ascoltare
    ciò che non odi
    non puoi essere amato
    se non sai amare...

     Ascolta Cupido queste dolci parole,
    di una Dama che soffre
    in un grande dolore.
    Asciugale il pianto
    dai sfogo al tuo Santo,
    per ridargli la vita
    schioccando le dita.
    Prendi bene la mira
    per colpire il suo amore,
    proprio mentre sospira,
    dritto dritto nel cuore.
    Poi non perdere tempo
    e ritorna a mirare,
    tante Dame t'implorano,
    di non farle aspettare!

     Ti sfiorerò come un cigno in amore,
    per sentir nel silenzio, il palpitar del tuo cuore.

    Scioglierò il ghiaccio dei tuoi lunghi inverni,
    per bere alla tua fonte, fino al resto dei miei giorni.

    Scalderò la tua anima, come il sole d'agosto
    per occupare nell'olimpo dei tuoi pensieri, l'unico posto.

    Soffierò le nubi, e le tempeste di ogni anno,
    per vestire col sorriso le tue labbra, tutti i giorni che verranno.

    E quando verrà sera, spegneremo il nostro giorno,
    baciandoci le labbra, e ritrovandoci nel sogno.

    L'amore è come una piuma,
    sospinta dal vento,
    vestita soltanto
    di profumo di pesco.

    Prima o poi ti sfiorerà,
    entrandoti dentro,
    e non andrà più via,
    anche quando pensi che sia volata via...

    Pioggia d'estate cade dentro di me
    acini d'uva si schiacciano contro i miei vetri
    gli occhi delle mie foglie sono abbagliati

    pioggia d'estate cade dentro di me
    piccioni d'argento volano dai miei tetti
    la mia terra corre coi piedi nudi

    pioggia d'estate cade dentro di me
    una donna è scesa dal tram
    i polpacci bianchi bagnati

    pioggia d'estate cade dentro di me
    senza rinfrescare la mia tristezza

    pioggia d'estate cade dentro di me
    all'imptovviso s'arresta
    il peso dell'afa è rimasto dov'era
    al termine delle grosse rotaie
    arrugginite.

    Notte alta, noi due e la luna piena;
    io che piangevo, mentre tu ridevi.
    Un dio era il tuo scherno; i miei lamenti
    attimi e colombe incatenate.

    Notte bassa, noi due. Cristallo e pena,
    piangevi tu in profonde lontananze.
    La mia angoscia era un gruppo di agonie
    sopra il tuo cuore debole di sabbia.

    L'alba ci ricongiunse sopra il letto,
    le bocche su quel gelido fluire
    di un sangue che dilaga senza fine.

    Penetrò il sole la veranda chiusa
    e il corallo della vita aprì i suoi rami
    sopra il mio cuore nel sudario avvolto
    , , , , , , , , , , , , ,