Libero

romapersempre75

  • Uomo
  • 46
  • roma
Acquario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita romapersempre75 a scrivere un Post!

Mi descrivo

...mi dispiace, ma io so io, e voi non siete un c...o! Pulizia fatta...ora rimane l'essenziale...Olimpia...

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

Inglese

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. libertà
  2. libertà
  3. libertà

Tre cose che odio

  1. rompipalle
  2. prepotenti
  3. i pedofili di merda!

I miei interessi

Passioni

  • Cinema

La madre

Ungaretti, Giuseppe - La madre E il cuore quando d'un ultimo battito avrà fatto cadere il muro d'ombra per condurmi, Madre, sino al Signore, come una volta mi darai la mano. In ginocchio, decisa, Sarai una statua davanti all'eterno, come già ti vedeva quando eri ancora in vita. Alzerai tremante le vecchie braccia, come quando spirasti dicendo: Mio Dio, eccomi. E solo quando m'avrà perdonato, ti verrà desiderio di guardarmi. Ricorderai d'avermi atteso tanto, e avrai negli occhi un rapido sospiro.

Non avessi mai visto il sole avrei sopportato l'ombra ma la luce ha aggiunto al mio deserto una desolazione inaudita

Ciao Nino...

Me fanno ride' a me li carbonari. Li congiurati... ma de che? De teste ne poi taja' quante te ne pare... so' le lingue che contano!

«Come ti chiami? Angelo Brunetti, Eccellenza, detto Ciceruacchio: gonfaloniere de Campo Marzio, di professione carrettiere (si sente da come parlo)...dice...Allora perché ti sei impicciato de cose che non te riguardano? ...dico...Perché…io so' carrettiere ma a tempo perso so' omo...e l’omo si impiccia Eccellenza. Difatti vie’ Garibaldi e dice "Famo l’Italia", e io che fo’? Nun m’empiccio? Io so' romano, Eccellenza, ma a tempo perso so' italiano: è colpa?

...dice...Sì…Ah! mo’ è colpa esse' italiano?...No...dice lui. E’ colpa perché tu hai difeso l’anarchia e la rivoluzione. Ma nossignore eccellenza! Io ho difeso Roma, er paese mio. E lei ce lo sa meglio de me…Ma come, i francesi me pijano a cannonate e io nun m’empiccio? Nun me riguarda? Insomma, Eccellenza, se annamo a strigne, che avemo fatto de male? 'Sta creatura manco a dillo…ma io? Io c’ho fatto? Ho voluto bene a Roma, embè? E da quanno in qua l’amor de patria è diventato un delitto? Però se nella legge vostra è un delitto volé bene ar paese proprio...allora io so’ corpevole...anzi so’ reo confesso...e m’offenderebbe pure se me rimandaste assorto. Per cui, Eccellenza, spero che lei si sia persuasa...e così voi che mi sembrate....Oh!!! Ma me state a sentì? No...dicevo...spero che pure voi ve siete appersuasi…No ma che fate?!!…il ragazzino no!!»

La viola d'inverno

Arriverà che fumo o che do l'acqua ai fiori, o che ti ho appena detto: "scendo, porto il cane fuori", che avrò una mezza fetta di torta in bocca, o la saliva di un bacio appena dato, arriverà, lo farà così in fretta che non sarò neanche emozionato … Arriverà che dormo o sogno, o piscio o mentre sto guidando, la sentirò benissimo suonare mentre sbando, e non potrò confonderla con niente, perché ha un suono maledettamente eterno: e poi si sente quella volta sola la viola d'inverno. Bello è che non sei mai preparato, che tanto capita sempre agli altri, vivere in fondo è così scontato che non t'immagini mai che basti e resta indietro sempre un discorso e resta indietro sempre un rimorso… E non potrò parlarti, strizzarti l'occhio, non potrò farti segni, tutto questo è vietato da inscrutabili disegni, e tu ti chiederai che cosa vuole dire tutto quell'improvviso starti intorno perché tu non potrai, non la potrai sentire la mia viola d'inverno. E allora penserò che niente ha avuto senso a parte questo averti amata, amata in così poco tempo; e che il mondo non vale un tuo sorriso, e nessuna canzone è più grande di un tuo giorno e che si tenga il resto, me compreso, la viola d'inverno E dopo aver diviso tutto la rabbia, i figli, lo schifo e il volo, questa è davvero l'unica cosa che devo proprio fare da solo e dopo aver diviso tutto neanche ti avverto che vado via, ma non mi dire pure stavolta che faccio sempre di testa mia: tienila stretta la testa mia.
, , , , , , , , , , , , ,