Libero

silent78

  • Donna
  • 43
  • Reggio Calabria
Sagittario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 134

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita silent78 a scrivere un Post!

Mi descrivo

Amo la vita in tutte le sue sfumature,anche quando questa ti riserva duri colpi e lividi incancellabili...credo nel motto "vivi e lascia vivere"...odio le persone piccole che non riescono ad andare oltre...infine penso che il silenzio a volte è più importante di mille parole...

Su di me

Situazione sentimentale

single

Lingue conosciute

Inglese

I miei pregi

sensibile,umile,fedele

I miei difetti

testarda,schietta,irrequieta

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. La semplicità
  2. I colori e il silenzio della notte
  3. La libertà

Tre cose che odio

  1. La stupidità umana
  2. Il non riuscire ad andare oltre
  3. Il non godere di tutto ciò che la vita ci riserva

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Prendo l'auto e parto

Passioni

  • Cinema
  • Lettura
  • Musica

Musica

  • Disco

Cucina

  • Piatti italiani

Libri

  • Psicologia
  • Gialli

Film

  • Drammatico
  • Commedia

Libro preferito

tanti

Meta dei sogni

Australia e Nuova Zelanda, Atolli del Pacifico

Film preferito

tanti

Non è stato per caso che ho scelto te...
                  fra probabili amori proprio te....                                                                         diventando paziente senza arrendermi mai
son tornato innocente come tu mi vuoi.
Di delusioni ne ho avute
lo sai anche tu...
e son pronto a subirne qualcuna in più
però stavolta purtroppo ho paura che poi...
non avrei più la forza se fallisse fra noi
Quindi amore raccogli il coraggio tuo
che radunerò tutto quello mio
perché il bene ha un suo prezzo e costa assai
e con le giuste pretese non si compra mai
Non è stato per caso che ho scelto te
non è certo per caso che perderò te
quindi siedi e parliamo
e intanto se puoi ridammi la mano


[Lo sai] che il tuo cuore mi piace,
con un abbraccio ti avvicino al mio, chissà, magari fanno pace
Puoi far sesso anche solo per piacere,
ma se abbracci una persona è perché in fondo le vuoi bene
L’abbraccio ti consola,
più di mille parole mandatelo nel cuore ma per liberare la gola
E chi ne è avaro credimi è forse perché
Ne ha ricevuti troppo pochi da chi è attorno a se
A volte fa male,
segna l’addio con lei,
che anche se tu non lo ammetti avevi imparato ad amare
Ormai, dice “Resteremo amici, dai”,
ma sai che quello è l’ultimo abbraccio che le darai
è intimo e toccante,
toglie l’imbarazzo delle frasi nei momenti in cui il silenzio è più importante
 Può non essere sincero l’abbraccio,
anche chi ha occhi come specchi del vero può nascondere un cuore falso
Non fidarti,
l’affetto che ti manca in casa lo cerchi tra le braccia di un bastardo che vuole usarti
Troppo difficile lasciarsi andare,
non ascoltare solo il cuore perché è il primo che si fa fregare
E ora si vendica,
restituisci il male che ti han fatto gli altri e lo paga chi non lo merita
L’abbraccio,
di chi sembrava amico è diventata una morsa da cui liberarti dopo che ti ha tradito
E non ti senti più al sicuro,
quelle braccia davano conforto e ora ti mettono le spalle al muro
Certe cose non si possono scordare,
abbracci che arrivano quando è tardi e non bastano a rimediare
[Lo so] è l’ennesima delusione,
e ucciderà quel poco di fiducia che è rimasta nel tuo cuore

 

Ditemi cos'è la verità quella che tutti affermano di conoscere,contrariamente a me che la ricerco vanamente nel mio io distratto e sconosciuto...Ditemi cos'è la vita che vivo così intensamente mentre mi accorgo come essa scivoli via alternando paure e incertezze....Ditemi che cos'è l'amore quello vero ma superficiale,quello assurdo ma profondo..tanto desiderato quanto incompreso nelle sue sfumature più intime e sincere...Ditemi cos'è la morte scenario cupo e triste che lenisce non poco la gioia di vivere ma che rappresenta la svolta necessaria e determinante per la nostra seconda esistenza...Come rendere con le parole queste cose per cui non esiste linguaggio,queste impressioni del cuore,questi misteri dell'anima che essa stessa ignora....quanto caos e confusione...un ronzio immenso,quasi pazzia....Questi sono i miei pensieri più teneri e insieme più penosi....sono vivi nella mia memoria e quasi ancora caldi nella mia anima....

Quando l'amore vi chiama seguitelo. Anche se le sue vie sono dure e scoscese. E quando le sue ali vi avvolgono, affidatevi a lui. Anche se la sua lama nascosta tra le piume potrebbe ferirvi. E quando vi parla, abbiate fiducia in lui. Anche se la sua voce può infrangere i vostri sogni come il vento del nord devasta un giardino. Perché l'amore come vi incorona, allo stesso modo può crocifiggervi. E come vi fa fiorire, allo stesso modo vi recide. Allo stesso modo in cui ascende alle vostre sommità e accarezza i vostri rami più teneri che fremono nel sole, così può scendere fino alle vostre radici e scuoterle fin dove si aggrappano alla terra.
Come covoni di grano vi raccoglie intorno a sè.
Vi batte fino a spogliarvi.
Vi setaccia per liberarvi dai vostri gusci.
Vi macina fino a ridurvi in farina.
Vi impasta rendendovi malleabili.
Poi vi affida alla sua sacra fiamma, per rendervi pane sacro per il sacro banchetto di Dio.
Tutto questo vi farà l'amore perché conosciate i segreti del vostro cuore, e perché in quella conoscenza diveniate un frammento del cuore della vita.
Ma se nella vostra paura dell'amore cercherete solo il piacere e la pace, allora meglio farete a coprire la vostra nudità e ad abbandonare l'aia dell'amore per il mondo senza stagioni dove potrete ridere, ma non tutte le vostre risate, e piangere, ma non tutte le vostre lacrime.
L'amore non dà nulla se non se stesso, e non prende che da se stesso.
L'amore non possiede, né può essere posseduto. Perché l'amore basta all'amore. E non potete pensare di comandare il cammino dell'amore: se vi trova degni, è lui a dirigere il vostro cammino. L'amore non ha altro desiderio che realizzare se stesso.Gibran

Vorrei qualcosa che non avesse bisogno di espressione e di forma,qualcosa di puro come un profumo,di forte come la pietra,di inafferabile come un canto,qualcosa che fosse a un tempo tutto questo e niente di tutte queste cose.Tutto mi appare limitato,ristretto,abortito nella natura.L'uomo con il suo genio non fa altro che scimmiottare miseramente qualcosa di più elevato.Vorrei il bello nell'infinito,invece vi trovo soltanto il dubbio....il dubbio che è morte per le anime..è una malattia che porta alla follia.La follia è il dubbio della ragione,e forse la ragione stessa lo prova....

Le mie mani tremano nervosamente e rumoreggiano silenziosamente cercando d'allontanare questo tuo alienante silenzio che angoscia...le mie mani sono stanche di scuoterti volendo rendere insignificante questa tua cupa indifferenza....le mie mani sudano per poter dare ai tuoi occhi asciutti una falsa lacrima viva...le mie mani scivolano su e giù per il tuo corpo,accarezzandolo...volendo  avvertire in lui una minima ma sensibile reazione...le mie mani infine capiscono...si riuniscono assieme sfregandosi affannosamente cercando in loro quella falsa compostezza che io ho già saputo acquistare ed insieme alla mia mente assistono impotenti alla tua recita....

Il vostro amico è il vostro bisogno saziato. È il vostro campo che seminate con amore e mietete con riconoscenza. Ed è la vostra mensa e il vostro focolare. Perché andate da lui con la vostra fame, e da lui rivolgete il vostro bisogno di pace.
Quando il vostro amico si confida con voi, non abbiate timore a dirgli "no", e non esitate a dirgli "si".
E quando è silenzioso il vostro cuore non cessi di ascolatre il suo; perché, senza bisogno di parole, nell'amicizia tutti i pensieri, tutti i desideri, tutte le speranze nascono e sono condivise, con inesprimibile gioia.
Quando vi separate dal vostro amico, non rattristatevi; perché ciò che più amate in lui può diventare più chiaro in sua assenza, come per lo scalatore la montagna è più nitida se vista dalla pianura.
E non ci sia altro scopo nell'amicizia se non l'approfondimento dello spirito.
Perché l'amore che cerca altro dallo schiudersi del proprio mistero non è amore, ma una rete lanciata in avanti che cattura solo ciò che è vano.
E date il meglio di voi stessi per l'amico.
Se deve conoscere il riflusso della vostra marea, fate che ne conosca anche la piena.
Poiché che amico è il vostro, per cercarlo solo nelle ore di morte?
Cercatelo sempre nelle ore di vita.
Perché lui può colmare il vostro bisogno, ma non il vostro vuoto.
E che nella dolcezza dell'amicizia ci siano sempre risate, e piaceri condivisi.
Perché nella rugiada delle piccole cose il cuore trova il suo mattino, e si ristora.Gibran

Se mi ami,accertatene…..
 stavolta ci vuole qualcosa in più 
che dolci dolci bugie 
affinché io apra le mie braccia e cada 
perdendo il controllo 
di ogni sogno dentro la mia anima...

Lasciati trascinare da quelle emozioni...immergiti in esse con una gioia insaziabile...ubriacati a volontà di quella calma piena di sensualità...di quello sguardo...di quella voce...tuffati nel cuore e scoprine i suoi piaceri infiniti...non placare quel sangue che batte...quella testa che brucia...non comprimere nulla...abbandonati a quegli ardori e concedigli di  assaporarti....

Conti ferito le cose che non sono andate come volevi,
temendo sempre e solo di apparire peggiore
di ciò che sai realmente di essere. Conti precisi per ricordare quanti sguardi hai evitato e quante le parole che non hai pronunciato
per non rischiare di deludere. La casa, l'intera giornata,
il viaggio che hai fatto per sentirti più sicuro
più vicino a te stesso, ma non basta, non basta mai. Scivoli di nuovo e ancora come tu fossi una mattina da vestire e da coprire
per non vergognarti.Scivoli di nuovo e ancora
come se non aspettassi altro che sorprendere le facce distratte e troppo assenti per capire i tuoi silenzi...c'è un mondo di intenti dietro gli occhi trasparenti che chiudi un po'. Torni a sentire gli spigoli di quel coraggio mancato che rendono in un attimo il tuo sguardo più basso
e i tuoi pensieri invisibili torni a contare i giorni che sapevi non ti sanno aspettare hai chiuso troppe porte per poterle riaprire devi abbracciare
ciò che non hai più.
La casa, i vestiti, la festa
ed il tuo sorriso trattenuto e dopo esploso
per volerti meno male,
ma non basta, non basta mai.E non vuoi nessun errore però vuoi vivere perchè chi non vive lascia il segno del più grande errore.



L'amore è nutrito dall'immaginazione, grazie alla quale diventiamo più saggi rispetto a ciò che sappiamo, migliori rispetto a come ci sentiamo, più nobili rispetto a quanto lo siamo veramente; con l'aiuto dell'immaginazione vediamo la vita nel suo insieme, con il suo aiuto, e il suo aiuto soltanto, possiamo comprendere gli altri nelle loro relazioni reali e ideali.

Quanta ipocrisia!Spesso si ha la convinzione di far del bene agli altri ma egoisticamente non si fa altro che il proprio gioco...Si ha la capacità ed ecletticità di far proprie situazioni o persone per poi,una volta sfruttate a dovere,scindere questo "legame" considerato in ultimo inconcepibile.L'arma migliore è la contraddizione...si riesce infatti a mostrarsi così assurdi e ottusi nelle valutazioni che colui che si mostrasse coerente con se stesso diventerebbe automaticamente un alienato agli occhi di molti.

Ho visto i tuoi occhi di notte,stavano in mezzo ad un letto fatto di sogni e desideri insoddisfatti.Brillavano alla luce di un idea realizzatasi in volontà d'amare impreparati a ricevere quell'ondata di tenerezza.Meditavano forse d'affogare perchè travolti da tanto amore...improvvisamente si fecero tristi eppure capaci d'amare lo erano...avevano paura...poca...forse...si..!Paura del mio sguardo insaziabile di sentimento,propiziatore di diverse effusioni...caparbio ricercatore del tocco sublime ma delicato.Ho visto i tuoi occhi in un 'alba luminosa stavano in mezzo al mio petto fatto di realtà e sincero affetto...Adesso gli sguardi si ricercano affannosamente si incrociano fedeli e senza timori.Ho visto i tuoi occhi in un pomeriggio scuro e triste...si allontanavano adagio per una strada che sapeva di pioggia e malinconia malnascosta.Mi abbandonavano lasciandomi il ricordo di un fuggevole attimo durante il quale invocarono fiducia per credere ai loro sogni e realizzare i loro desideri...soddisfatti ora se ne vanno.Sicuri ma tristi...pieni ma vuoti...

Ostenti indifferenza e non sai chi sei e quel che vuoi...Assumi spesso atteggiamenti ostinati e cocciuti,che però non riesci mai a farli diventare incisivi e profondi.Pretendi di mostrarti fredda e glaciale ma non ce la fai,ci metti troppo calore.Imponi alla tua persona comportamenti che non hai conosciuto e tanto meno vorrebbe conoscerli adesso...fai violenza a te stessa....Giudichi situazioni più grandi di te,con criteri molto liberi e sciolti dimenticando che quasi sicuramente non riusciresti a risolverli....Se non facessi tutto questo,con te ogni cosa apparirebbe diversa,più semplice...Essere troppo cocciuti si rivela manovra errata e spesso diventa infantile impuntarsi su questioni per le quali non vale la pena abbandonarsi...Devi credere nella tua personalità questa è una e ben definita.Nessuno riuscirà mai a mutartela,se invece ci riuscisse ci faresti una figura orrenda,ricavandone un esperienza traumatizzante...Tanto più non dovrai mai cercare di copiarne un'altra,otterresti semplicemente un gran casino e poche certezze...pertanto se vuoi cambiare devi farlo da sola,se vuoi pensare devi essere più aperta,se vuoi agire devi essere più disponibile.

, , , , , , , , , , , , ,