Libero

sisard

  • Donna
  • 60
  • *****
Cancro

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 6.091

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita sisard a scrivere un Post!

Mi descrivo

" Non permetterò mai più a nessuno di farmi del male"....questo me lo devo.

Su di me

Situazione sentimentale

separato/a

Lingue conosciute

-

I miei pregi

Credo che ad ogni azione corrisponda un pensiero e che quindi sia giustificabile....

I miei difetti

...ma quando scopro che spesso non è così riesco ancora a trovare una giustificazione...nonostante tutto.

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. Chi mi conosce lo sa
  2. quindi inutile star qui a scriverlo
  3. e chi nn mi conosce...nn lo saprà mai

Tre cose che odio

  1. Idem...
  2. ...come...
  3. ...a sinistra.

I miei interessi

Passioni

  • Arte

Libro preferito

Il gabbiano Jonathan Livingston, Le favole di Fedro, L\'antologia di Spoon River

Meta dei sogni

Medio Oriente, Estremo Oriente

Film preferito

.....troppi!

Resterò sempre un gabbiano....libera di volare e di amare....anche se le mie radici sono più forti delle mie ali.

Una rana e uno scorpione si incontrarono davanti a un fiume. Entrambi volevano passare dall´altra parte, e se la rana non aveva difficoltà, lo scorpione era preoccupato, perché non sapeva nuotare. Per piacere, mia cara rana, mi porteresti dall´altra parte del ruscello?" chiese lo scorpione, con la voce più dolce che gli riuscì di fare.
"Fossi matta!" gli rispose la rana "Non provare nemmeno ad avvicinarti, non ho nessuna voglia di farmi pungere da te".
"Ma ragiona, ranocchietta: se tu mi aiuti a passare il fiume prendendomi sulla groppa, io mai e poi mai ti pungerei: se lo facessi, annegherei, perché non so nuotare".
La rana rifletté, e decise di aiutare lo scorpione, un po´ perché aveva paura che altrimenti la avrebbe punta, un po´ perché era un animale generoso, e dopo tutto lo scorpione non le aveva fatto niente di male.
E così lo scorpione saltò in groppa alla rana, e tutti e due si buttarono in acqua. Erano già a metà del percorso, proprio in mezzo al fiume, quando la rana sentì un dolore acutissimo sulla schiena. "Ma come?" esclamò "mi hai punta! E ora moriremo tutti e due, io per il veleno, e tu perché annegherai! ?Ma perché lo hai fatto?" E lo scorpione rispose: "Già, perché l´ho fatto? Perché pungere è la mia natura, e io non posso farci niente".

Peras imposuit Iuppiter nobis duas: propriis repletam vitiis post tergum dedit, alienis ante pecrtus suspendit gravem. Hac re videre nosra mala non possumus: alii simul delinquunt, censores sumus.

Giove  ci impose due bisacce: ci mise dietro quella piena dei nostri difetti, e, davanti sul petto, quella con i difetti degli altri. Perciò non possiamo scorgere i nostri difetti, e, non appena gli altri sbagliano, siamo pronti a biasimarli.

(Le favole. Fedro)

Un amico....

Un amico mi disse "Sai Anna, le persone come te o si amano o si odiano, ma mai e poi mai passano indifferenti" Ora so che aveva ragione, ho potuto constatarlo anche in questo piccolo "spazio di vita" che si chiama chat. A chi mi ama dico "Vi amo anch'io anche se nn so dirlo a parole". A chi mi odia posso solo dire "La vita è una sola, toglietevi quel coltello tra i denti e vivrete meglio". A chi crede di conoscermi, invece dico "Giudicare a priori o per sentito dire fa cadere nella banalità"- Io sono così....

Quando il futuro dipende dalle ultime parole dette, non lasciare che la logica interferisca, piuttosto credi al tuo cuore. Philip Robinson.

Nessuno può farti sentire inferiore senza il tuo consenso. Eleanor Roosevelt

, , , , , , , , , , , , ,