Libero

sonolapiubella2008

  • Donna
  • 49
  • il paese dei balocchi
Acquario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 48

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita sonolapiubella2008 a scrivere un Post!

Mi descrivo

per tutte quelle che credono di conoscermi e non conoscono nemmeno se stesse

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. l'amore
  2. la sincerità
  3. le persone vere

Tre cose che odio

  1. le finte
  2. le ipocrite
  3. le doppie

NOI E L'ALTRO

 Abbiamo bisogno dell’altro
per condividere sguardi
di albe e tramonti,
momenti di gioia e dolore.
Abbiamo bisogno dell’altro
che ci aiuta a vedere
e scoprire le cose che da soli
mai raggiungeremo.

LA TRADIZIONE

UN TESTO ANONIMO DELLA TRADIZIONE AFFERMA CHE, NEL CORSO DELLA PROPRIA ESISTENZA, OGNI ESSERE UMANO PUO' ADOTTARE DUE ATTEGGIAMENTI: COSTRUIRE O PIANTARE.

I COSTRUTTORI POSSONO DILUNGARSI PER ANNI NEI LORO COMPITI, MA ARRIVA UN GIORNO IN CUI TERMINANO LA PROPRIA OPERA. A QUEL PUNTO SI FERMANO, E IL LORO SPAZIO RISULTA  LIMITATO DALLE PARETI CHE HANNO ERETTO. QUANDO LA COSTRUZIONE E' FINITA, LA VITA PERDE SIGNIFICATO.

POI CI SONO QUELLI CHE PIANTANO:TALVOLTA SOFFRONO PER LE TEMPESTE E LE STAGIONI, E RARAMENTE RIPOSANO. MA AL CONTRARIO DI UN EDIFICIO, IL GIARDINO NON SMETTE MAI DI SVILUPPARSI. ESSO ROCHIEDE L'ATTENZIONE CONTINUA DEL GIARDINIERE MA , NELLO STESSO TEMPO, GLI PERMETTE DI VIVERE UNA GRANDE AVVENTURA.

I GIRADINIERI SAPRANNO  SEMPRE RICONOSCERSI L'UN L'ALTRO, PERCHè NELLA STORIA DI OGNI PIANTA C'E' LA CRESCITA DELLA TERRA INTERA. (PAULO COELHO)

DIO TI AMA

Insegnami la dolcezza


ispirandomi la carità,
insegnami la disciplina
dandomi la pazienza
e insegnami la scienza
illuminandomi la mente.


(En.in ps.118, 17, 4)

Sant'Agostino

Meschino colui che ha avuto paura di correre rischi.

Perchè forse non sarà mai deluso, non avrà disillusioni, né soffrirà come coloro che hanno un sogno da perseguire. Ma quando quell'uomo guarderà dietro di sé,

perchè capita sempre di guardare indietro, sentirà il proprio cuore dire:

"Che cosa ne hai fatto dei miracoli di cui Dio ha disseminato i tuoi giorni? Come hai impiegato le doti che il tuo maestro ti ha affidato? Le hai sotterrate in una fossa profonda, perché avevi paura di perderle. Allora la ua eredità è questa: la certezza di aver sprecato  a tua vita".

"Meschino colui che  sente queste parole.

 Allora crederà ai miracoli, ma gli istanti magici della vita saranno passati."

(Paolo Coelo)

, , , , , , , , , , , , ,