Libero

villaggiodellanebbia

  • Uomo
  • 43
  • padova
Acquario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 1.151

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita villaggiodellanebbia a scrivere un Post!

Mi descrivo

Non c'è nulla da dire... diciamo che non sono costante con le persone, nel senso che cerco di comportarmi alla pari di chi ho vicino a me... per il resto mi hanno definito in molti modi diversi, a volte divertenti, a volte interessanti, a volte seccanti, ma mai abbastanza da farmi arrabbiare...

Su di me

Situazione sentimentale

single

Lingue conosciute

Inglese, Francese

I miei pregi

Non ne conosco nessuno...

I miei difetti

Incalcolabili...

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. Nebbia
  2. Mangiare
  3. Oziare

Tre cose che odio

  1. Imprevisti
  2. Chi si crede figo/a
  3. Il calcio e il suo indotto....

I miei interessi

Passioni

  • Cinema
  • Cucina
  • Fotografia

Musica

  • Folk
  • Pop

Cucina

  • Piatti italiani

Libri

  • Fantasy

Sport

  • Arti marziali
  • Running

Film

  • Azione
  • Fantasy

Meta dei sogni

Estremo Oriente

Proverbi veneti sue femane 1

Al ciaro de na candela no se stima né dona né tela. Al son de la canpana (schei) ogni dona se fa putana. Al vento e ale done no se comanda. Ala de capon, culo de castron e tete de massara xe na roba rara. Ale done, ai sassi e ai bissi, colpi ciari e fissi. Assa che la mojère la comanda in casa: solo cussì la te struca e la te basa. Bela in fassa, bruta in piaza. Bruta de muso, larga de buso. Caval bianco e bela mojèr dà senpre pensièr. Che la piasa, che la tasa e che la staga in casa. Chi che ga na bela mojère no la xe tuta soa. Chi che zerca cavalo e fémena senza difeto, no'l gavarà mai cavalo in stala e fémena in leto. Chi co done va e mussi mena, i crede de rivare a disnare e no i riva gnanca a zena. Chi dise dona dise dano. Chi dise sposa dise spesa. Chi vole el pomo sbassa la rama, chi vole la tosa careza la mama. Co l'età, l'omo fa panza e la fémena fa stomego. Co le done e co le merde se barufa e po' se perde. Co' nasse na fémena, nasse na serva; co' nasse on omo, nasse on paron. Co' parla na bela dona la ga senpre rason. Co'l cavéjo tra al bianchin, assa la dona e tiente el vin. Do fémene fà on marcà. Dona bela e vin bon xe i primi che te assa in abandon. Dona de mondo no ga mai fondo. Dona e luna, ora serena ora bruna. Dona nana, tuta tana. Dona sconpagnà xe senpre mal vardà. Done, cani e bacalà no i xe boni se no i xe pestà. Done e afani scurza i ani. Dove che comanda le done e ara le vache se vede robe mal fate.

Qua se parla de femane 3

Mèjo na dona bela senza camisa che na bruta co sete camise. Na dona stenta a dirghe bela a 'nantra. Na dona bela pole zernìre, la bruta tole su a fato. Na fèmena pianta e despianta na fameja. No se pole avere la bota piena e la mojère inbriaga. Nose e done no se sa quale che sia bone. Ocio celeste, ocio de dama; ocio moro, ocio da putana. Ogni fémena xe casta se no la ga chi la cazza. On palo in piè, na stropa domà e na fémena colgà i porta quanto peso che te voi. Pan padovan, vini visentini, tripe trevisane e done veneziane. Parché la dona sia perfeta la ga da vére 4 'M': matrona in strada, modesta in cèsa, massara in casa, mata in leto. Quando la mojère se mete le braghesse, al marìo no ghe resta che le còtole. Quando la dona trà l'anca, o la xe vaca o poco ghe manca. Rossa de pelo, mata par l’osèlo. Se i dise male de to fiola, ciama la comare. Se na dona xe bela, partorisse na putela. Tèndare le tose e bàtare le nose xe tenpo perso. Tenpo, done e siuri i fà come che i vole luri. Vàrdate da l'omo che porta el recin e dala dona che sa de latin. Vin vecio e dona zòvane. Vin, done e maroni bisogna gòdarli so' la so stajon. Xe pì fadiga far la guardia a na fémena che a on saco de polde Xe pì le done che varda i òmani che le stele che varda la tera.

Varie ed eventuali...

Ciao a tutti... Carissimi/e, qui scrivo poco, se volete vedere un pò come sono cercato nel link IN FUGA DALLA NEBBIA, li faccio uscite di vario tipo con i partecipanti al blog e vi potete, magari, fare un'idea migliore di cosa mi passa per la testa, ovviamente oltre la cortina di fitta nebbia, ehehehe....

Qua se parla de femane 2

El naso d'i gati, i zenoci d'i òmani e 'l culo dele fémene xe senpre fridi. El primo ano se ghe vole tanto ben che la se magnaria, el secondo se se ciama grami de no verla magnà. El segreto dele femene no lo sa nissun, altro che mi, vu e tuto el comun. Fà la corte ale vecie se te vo' piasérghe ale zòvane. Fin che na bela xe vardà, na bruta xe maridà. Fumo e dona ciacolona fà scanpare l'omo de casa. Ghe vole sete fémene par fare on testimonio. I òmani ga i ani ch'i se sente, le done quei che le mostra. In istà la vache va in montagna a fare le siore, e le siore va in montagna a fare le vache. L'omo el tien su on canton dela casa, la fémena staltri tri. La dona xe come la castagna: bela de fora, dentro la magagna. La dona va sojeta a quatro malatie al'ano e ogni una dura tri misi. La fémena xe come l'aqua santa: tanto fà poca come tanta. La fémena xe come on falzin: batarla ogni tanto, guzarla senpre. La mojere xe come na scoreza: o ti ’a moli o ti ’a sòfeghi. La prima xe matrimonio, la seconda xe conpagnia, la terza na eresia. Le done xe sante in cèsa, angeli in strada, diavoli in casa, zoéte sol balcon, gaze so la porta. Le femene, co' le se confessa le dise senpre quelo che no le ga fato. Le fémene no sa de èssare sentà dessora ala so fortuna. Le tose lo desidera, le maridà lo prova, le vedove lo ricorda. Leto fato e fémena petenà, la casa xe destrigà. Libri, done e cavai no se inpresta mai. Lìssia e pan: dale done staghe lontan.
, , , , , , , , , , , , ,