Libero

vivaleformose0

  • Uomo
  • 43
  • Viterbo (VT)
Capricorno

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 14 ore fa

Amici0

vivaleformose0 non ha ancora amici. Chiedi l'amicizia prima di tutti!

Ultime visite

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita vivaleformose0 a scrivere un Post!

Mi descrivo

.

Su di me

Situazione sentimentale

separato/a

Lingue conosciute

Inglese

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. Ci sto pensando
  2. nessuna
  3. nessuna

Tre cose che odio

  1. Ci sto pensando
  2. nessuna
  3. nessuna

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Città d'arte
  • Prendo l'auto e parto
  • Settimana bianca

Vacanze Ko!

  • Avventura
  • Campeggio
  • Spiagge incontaminate
  • Passioni

    • Cinema
    • Fotografia
    • Teatro
    • Lettura
    • Tv e serie tv

    Musica

    • Jazz
    • Classica

    Cucina

    • Piatti italiani

    Libri

    • Gialli

    Film

    • Commedia
    • Thriller
    • Musical
    • Animazione
    • Drammatico

    Libro preferito

    IL FANTASMA DELL\'OPERA

    Meta dei sogni

    Russia

    Film preferito

    IL FANTASMA DELL\'OPERA

    La bella e la bestia

     

    ESPLORA

    USANDO IL TASTO ESPLORA NON POSSO PREVEDERE IL PROFILO CHE ANDRO' A VISIONARE, A CHI NON STA BENE CHE PASSO NEL PROPRIO PROFILO MI DISPIACE MA NON CI POSSO FARE NIENTE .

    LA SINDROME DI DOWN

    LA SINDROME DI DOWN NON E' UNA MALATTIA. LE PERSONE CON LA SINDROME DI DOWN NON CERCANO UNA MEDICINA, VOGLIONO SOLO ESSERE TRATTATE COME GLI ALTRI !!! IL 93% DEI CONTATTI NON COPIERA' QUESTO MESSAGGIO.... SPERO CHE TU CHE STAI LEGGENDO ORA VOGLIA FAR PARTE DEL RESTANTE 7% CHE METTERA' QUESTO MESSAGGIO NELLA SUA BACHECA !!

    Da dove siamo nati?
    Dall’amore.
    Come saremmo perduti?
    Senza amore.
    Cosa ci aiuta a superarci?
    L’amore.
    Si può trovare anche l’amore?
    Con amore.
    Cosa abbrevia il pianto?
    L’amore.
    Cosa deve unirci sempre?
    L’amore.
                  J.W.GOETHE

    VINCENT

    Guarderò le stelle
    com'erano la notte ad Arles,
    appese sopra il tuo boulevard;
    io sono dentro agli occhi tuoi,
    Víncent.
    Sognerò i tuoi fiori,
    narcisi sparpagliati al vento,
    il giallo immenso e lo scontento
    negli occhi che non ridono,
    negli occhi tuoi,
    Vincent.

    Dolce amico mio,
    fragile compagno mio,
    al lume spento della tua pazzia
    te ne sei andato via,
    piegando il collo
    come il gambo di un fiore:
    scommetto un girasole.

    Sparpagliato grano,
    pulviscolo spezzato a luce
    e bocche aperte senza voce
    nei vecchi dallo sguardo che non c'è
    poi le nostre sedie
    le nostre sedie così vuote
    così "persone",
    così abbandonate
    e il tuo tabacco sparso qua e là.

    Dolce amico,
    fragile compagno mio
    che hai tentato sotto le tue dita
    di fermarla, la vita:
    come una donna amata alla follia
    la vita andava via:
    e più la rincorrevi
    e più la dipingevi a colpi rossi

    gialli come dire "Aspetta!",
    fino a che i colori
    non bastaron più...
    e avrei voluto dirti, Vincent,
    questo mondo non meritava
    un uomo bello come te!

    Guarderò le stelle,
    la tua, la mia metà del mondo
    che sono le due scelte in fondo:
    o andare via o rimanere via.

    Dolce amico mio,
    fragile compagno mio,
    io, in questo mare,
    non mi perdo mai;
    ma in ogni mare sai
    "tous le bateaux
    vont à l'hazard pour rien".
    Addio, da Paul Gauguin.




    , , , , , , , , , , , , ,