Libero

Cyrano_de_B

  • Uomo
  • 52
  • Reggio Emilia
Capricorno

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 10 ottobre

Amici 1

Ultime visite

Visite al Profilo 1.130
Bacheca6 post
Cyrano_de_B più di un mese fa

Nina Simone - My baby just cares for me

 

 

Ti piace?

Mi descrivo

"I miei fiori preferiti sono i fiori selvatici, spontanei, liberi, indomabili. Quelli che fioriscono senza essere annaffiati, quelli che profumano di rivoluzione, quelli che donano a se stessi il diritto a crescere in tutti i luoghi dove la gente pensa che non avrebbero mai potuto farlo". Ada Luz Márquez - Hermana Águila (poetessa, educatrice spagnola)

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile (Woody Allen)

I miei difetti

In casa mia quando due calzini uguali si incontrano, si abbracciano piangendo... A proposito... https://www.youtube.com/watch?v=aDFH1c53n_Y

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. l'ironia e l'autoironia
  2. il cinema e la musica
  3. il Sassicaia, qualunque annata...

Tre cose che odio

  1. le ingiustizie
  2. le persone cattive ed ottuse
  3. la mancanza di sensibilità

I miei interessi

Vacanze Ko!

  • Spirituale
  • Passioni

    • Cinema
    • Musica
    • Viaggi

    Cucina

    • Piatti italiani

    Sport

    • Calcio e calcetto
    • Bike

    Libro preferito

    Ne ho tanti...

    Film preferito

    Non saprei da dove iniziare...

    Quando si dice Cyrano...

    Leggendo il dramma teatrale  "Cyrano de Bergerac" di Rostand mi colpì molto l'inno all'essere servo di nessuno. 

    Ricordo ancora alcuni passaggi [estratti dalla scena VIII, Atto II, della “Commedia eroica in cinque atti” Cyrano de Bergerac, 1897, Edmond Rostand (1868-1918), dialogo tra Le Bret e Cyrano (traduzione a cura di Franco Cuomo, Tascabili Economici Newton, 1993)]:

    “… E che dovrei fare? Cercarmi un protettore? Trovarmi un padrone? Arrampicarmi oscuramente, con astuzia, come l’edera che lecca la scorza del tronco cui si avvinghia, invece di salire con la forza? No, grazie."

    Oppure "Mandar giù rospi tutti i giorni? Logorarmi lo stomaco? Sbucciarmi le ginocchia per il  troppo genuflettermi? Specializzarmi nel piegare la schiena? No, grazie."

    E qui arriva il meglio: "Ma invece … cantare, ridere, sognare, essere indipendente, libero, guardare in faccia la gente e parlare come mi pare, mettermi, se ne ho voglia, il cappello di traverso, battermi per un sì per un no o fare un verso! Lavorare senza curarsi della gloria e della fortuna alla cronaca di un viaggio cui si pensa da tempo, magari nella luna! Non scrivere mai nulla che non sia nato davvero dentro di te!
    Appagarsi soltanto dei frutti, dei fiori e delle foglie che si sono colte nel proprio giardino con le proprie stesse mani! Poi, se per caso ti arriva anche il successo, non dovere nulla a Cesare, prendere tutto il merito per te solo e, disprezzando l’edera, salire, anche senza essere né una quercia né un tiglio, salire, magari poco, ma salire da solo!
    ".

     

    Quanto ardore ha suscitato in me il nobile spadaccino, il poeta-soldato, sempre pronto a difendere libertà e ideali a costo di inimicarsi i potenti e di vivere controcorrente, ribelle, irriverente, anticonformista. Sempre pronto a difendere i deboli e a riparare i torti.

     

    Ma di lui ho amato anche la profondissima sensibilità, i suoi poetici versi, l'amore silenzioso, il suo animo nobile e pieno di passione, i suoi eccezionali gesti di generosità, nonostante alla fine possa definirsi un eroe perdente, che muore senza la spada in mano.  

     

    Ciò di cui sono sicuro, però, è che il potere mitico di Cyrano è quello di essere, in piccola o in grande parte, dentro ciascuno di noi.

     

    “...qui giace Hercule - Savinien de Cyrano de Bergerac  che tutto fu e fu niente, ... ma, pardon, adesso devo andare, non posso farmi aspettare.”

     

    Dedicato a tutti coloro che (r)esistono.

    Considero valore...

    "Considero valore ogni forma di vita, la neve, la fragola, la mosca.
    Considero valore il regno minerale, l’assemblea delle stelle.
    Considero valore il vino finché dura il pasto, un sorriso involontario,
    la stanchezza di chi non si è risparmiato, due vecchi che si amano.
    Considero valore quello che domani non varrà più niente
    e quello che oggi vale ancora poco.

    Considero valore tutte le ferite.
    Considero valore risparmiare acqua, riparare un paio di scarpe,
    tacere in tempo, accorrere a un grido, chiedere permesso prima di sedersi,
    provare gratitudine senza ricordare di che.

    Considero valore sapere in una stanza dov’è il nord,
    qual è il nome del vento che sta asciugando il bucato.
    Considero valore il viaggio del vagabondo, la clausura della monaca,
    la pazienza del condannato, qualunque colpa sia.

    Considero valore l’uso del verbo amare e l’ipotesi che esista un creatore.
    Molti di questi valori non ho conosciuto
    ".

    Erri de Luca
    Opera sull’acqua e altre poesie (Einaudi, 2002)

    Matrimoni....

    Per favore, suggeritemi una frase che devo scrivere un biglietto per un matrimonio e mi viene solo: "Fate la separazione dei beni"...

    Buon Natale 2020...

    La cosa che adoro di piu' del Natale e' la tredicesima...😇

    Tradimento e dintorni...

    “Un tradimento uccide soltanto gli amori già morti. Quelli che non uccide a volte diventano immortali.” (Massimo Gramellini)

    La semplicità...

    "La semplicità è mettersi nudi davanti agli altri. E noi abbiamo tanta difficoltà ad essere veri con gli altri. Abbiamo timore di essere fraintesi, di apparire fragili, di finire alla mercè di chi ci sta di fronte. Non ci esponiamo mai. Perché ci manca la forza di essere uomini, quella che ci fa accettare i nostri limiti, che ce li fa comprendere, dandogli senso e trasformandoli in energia, in forza appunto. Io amo la semplicità che si accompagna con l’umiltà. Mi piacciono i barboni. Mi piace la gente che sa ascoltare il vento sulla propria pelle, sentire gli odori delle cose, catturarne l’anima. Quelli che hanno la carne a contatto con la carne del mondo. Perché lì c’è verità, lì c’è dolcezza, lì c’è sensibilità, lì c’è ancora amore." (Alda Merini)

    Straniero...

    "Il tuo Cristo è ebreo. La tua macchina è giapponese. La tua pizza è italiana. La tua democrazia greca. Il tuo caffè brasiliano. La tua vacanza turca. I tuoi numeri arabi. Il tuo alfabeto latino. Solo il tuo vicino è uno straniero” (da un manifesto affisso sui muri di Berlino negli anni '90)

    A tutti quelli che...

    ...A tutti quelli che parlano al vento. Ai pazzi per amore, ai visionari, a coloro che darebbero la vita per realizzare un sogno. Ai reietti, ai respinti, agli esclusi. Ai folli veri o presunti. Agli uomini di cuore. A coloro che si ostinano a credere nel sentimento puro. A tutti quelli che ancora si commuovono. Un omaggio ai grandi slanci, alle idee e ai sogni. A chi non si arrende mai, a chi viene deriso e giudicato. Ai poeti del quotidiano. Ai "vincibili" dunque, e anche agli sconfitti che sono pronti a risorgere e a combattere di nuovo. Agli eroi dimenticati e ai vagabondi. A chi non ha paura di dire quello che pensa. A tutti i cavalieri erranti. A chi ha fatto il giro del mondo e a chi un giorno lo farà. (Miguel de Cervantes - da “Don Chisciotte”)

    Gesti inaspettati...

    In questa fase della mia vita vorrei ricevere un gesto inaspettato. Tipo un bonifico bancario...

    Amori finiti...

    La mia compagna mi ha lasciato un biglietto sul frigo con scritto: "Non funziona, me ne vado di casa!". Ho aperto il frigo...e funzionava! Boh...

    Persone intelligenti...

    ...ebbene...sì...subisco il fascino delle persone intelligenti...

    , , , , , , , , , , , , ,