Libero

Fracesco07

  • Uomo
  • 55
  • roma
Ariete

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 17.362

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita Fracesco07 a scrivere un Post!

Mi descrivo

cercasi solo nuove amicizie liberi di credere quello che volete un saluto e grazie per la visita chi vuole mi scriva

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

quasi nessuno

I miei difetti

quasi tutti

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. L' AMICIZIA
  2. LA MIA FAMIGLIA
  3. VIAGGIARE DI NOTTE

Tre cose che odio

  1. NIENTE IN PARTICOLARE
  2. LE PERSONE FINTE
  3. CAOS E MATERIALISMO

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Montagna

Vacanze Ko!

  • Tour organizzato
  • Passioni

    • Sport
    • Musica
    • Tecnologia

    Cucina

    • Piatti italiani

    Sport

    • Calcio e calcetto

    Film

    • Azione
    • Documentario

    Meta dei sogni

    Australia e Nuova Zelanda

    Er pensiero Trilussa

    Qualunque sia pensiero me viè in mente
    prima de dillo, aspetto e, grazzi’a Dio,
    finchè rimane ner cervello mio
    nun c’è nessuno che me po’ di’ gnente.
    
    Ma s’opro bocca e je do fiato, addio!
    L’idea, se nun confifera la gente,
    me po’ fa’ nasce qualche inconveniente
    e allora er responsabile so’ io.
    
    Per questo, ner risponne a quarche amico
    che vorebbe sapè come la penso,
    peso e misuro tutto quer che dico.
    
    E metto tra er pensiero e la parola
    la guardia doganale der bon senso
    che me sequestra er contrabbanno in gola. 

    FORI DI NOTTE

    //1.bp.blogspot.com/_048hUFuZ8gA/TEh2WQtdnnI/AAAAAAAAASk/dbKG0gsbb8s/s1600/foro+cesare+di+notte.JPG

    ROMA de notte


     Roma de notte è no zefiro de vento,
    Roma de notte è na stella che cammina,
    Roma de notte è er fiume sonnolento!
    Roma de notte, er freddo der selciato,
    Roma de notte, intorno ar mausoleo,
    Roma de notte, ar Colle Oppio affacciato,
    avendo in fronte er vecchio Colosseo!
    Roma de notte, dentro 'nborgo antico,
    Roma de notte, l'abbraccio de n'amico,
    Roma de notte nun potrà mai finì,
    Roma de notte, te tornerà a stupì!
    Roma de notte, me scalla sempre er core,
    Roma de notte, se mostra con amore,
    Roma de notte, tante scarpe rotte,
    Roma de notte, tante vite corrotte!
    Roma de notte, mai nun finirà,
    Roma de notte qui t'aspetterà!
    Roma de notte, na magica città,
    Roma de notte, viella a ritrovà

    Natale de guerra

    Ammalappena che s'è fatto giorno la prima luce è entrata ne la stalla e er Bambinello s'è guardato intorno. - Che freddo, mamma mia! Chi m'aripara? Che freddo, mamma mia! Chi m'ariscalla? - Fijo, la legna è diventata rara e costa troppo cara pè compralla... - E l'asinello mio dov'è finito? - Trasporta la mitraja sur campo de battaja: è requisito. - Er bove? - Pure quello... fu mannato ar macello. - Ma li Re Maggi arriveno? - È impossibbile perché nun c'è la stella che li guida; la stella nun vò uscì: poco se fida pè paura de quarche diriggibbile... - Er Bambinello ha chiesto: - Indove stanno tutti li campagnoli che l'antr'anno portaveno la robba ne la grotta? Nun c'è neppuro un sacco de polenta, nemmanco una frocella de ricotta... - Fijo, li campagnoli stanno in guerra, tutti ar campo e combatteno. La mano che seminava er grano e che serviva pè vangà la terra adesso viè addoprata unicamente per ammazzà la gente... Guarda, laggiù, li lampi de li bombardamenti! Li senti, Dio ce scampi, li quattrocentoventi che spaccheno li campi? - Ner dì così la Madre der Signore s'è stretta er Fijo ar core e s'è asciugata l'occhi cò le fasce. Una lagrima amara pè chi nasce, una lagrima dòrce pè chi more.

    Er giorno der Giudizzio

    Quattro angioloni cole tromme in bocca
    se metteranno uno pe cantone
    a sonà: poi co tanto de vocione
    cominceranno a dí: " Fora a chi tocca".
    
    Allora vierà su una filastrocca
    de schertri da la terra a pecorone,
    pe ripijà figura de perzone,
    come purcini attorno de la biocca.
    
    E sta biocca saà Dio benedetto,
    che ne farà du' parte, bianca e nera:
    una pe annà in cantina, una sur tetto.
    
    All'urtimo uscirà 'na sonajera
    d'angioli, e, come si s'annassi a letto
    smorzeranno li lumi, e bona sera.

    Rimedio Trilussa

    Un Lupo disse a Giove: - Quarche pecora
    dice ch'io rubbo troppo... Ce vô un freno
    per impedì che inventino 'ste chiacchiere... -
    E Giove je rispose: - Rubba meno.

    L'OMO E LA SCIMMIA

    L' Omo disse a la Scimmia: -Sei brutta , dispettosa: ma come sei ridicola! ma quanto sei curiosa! Quann' io te vedo, rido: rido nun se sa quanto!... La Scimmia disse : - Sfido! T' arissomijo tanto!


    Un Pappagallo recitava Dante: "Pape Satan, pape Satan aleppe...". Ammalappena1 un critico lo seppe corse a sentillo e disse: - È impressionante! Oggiggiorno, chi esprime er su' pensiero senza spiegasse bene, è un genio vero: un genio ch'è rimasto per modestia nascosto ner cervello d'una bestia. Se vôi l'ammirazzione de l'amichi nun faje capì mai quelo che dichi. 1) Non appena. 1937
    Ho conosciuto un vecchio ricco, ma avaro: avaro a un punto tale che guarda li quatrini ne lo specchio pe' vede raddoppiato er capitale. Allora dice: -- Quelli li do via perché ce faccio la beneficenza; ma questi me li tengo pe' prudenza... -- E li ripone ne la scrivania.




    La maschera

    Vent'anni fa m'ammascherai pur'io!
    E ancora tengo er grugno de cartone
    che servì p'annisconne1 quello mio.
    Sta da vent'anni sopra un credenzone
    quela Maschera buffa, ch'è restata
    sempre co' la medesima espressione,
    sempre co' la medesima risata.
    Una vorta je chiesi: - E come fai
    a conservà lo stesso bon umore
    puro ne li momenti der dolore,
    puro quanno me trovo fra li guai?
    Felice te, che nun te cambi mai!
    Felice te, che vivi senza core! -
    La Maschera rispose: - E tu che piagni
    che ce guadagni? Gennte! Ce guadagni
    che la genti dirà: Povero diavolo,
    te compatisco... me dispiace assai...
    Ma, in fonno, credi, nun j'importa un cavolo!
    Fa' invece come me, ch'ho sempre riso:
    e se te pija la malinconia
    coprete er viso co' la faccia mia
    così la gente nun se scoccerà... -
    D'allora in poi nascónno li dolori
    de dietro a un'allegia de cartapista
    e passo per un celebre egoista
    che se ne frega de l'umanità!

    La tartaruga.

    Mentre una notte se n'annava a spasso,
    la vecchia tartaruga fece er passo più lungo
    de la gamba e cascò giù
    cò la casa vortata sottoinsù.
    Un rospo je strillò: "Scema che sei!
    Queste sò scappatelle che costeno la pelle...
    _ lo sò rispose lei_ ma prima de morì,
    vedo le stelle.

    Er sorcio de città e er sorcio de campagna

    Un Sorcio ricco de la capitale
    invitò a pranzo un Sorcio de campagna.
    - Vedrai che bel locale,
    vedrai come se magna...
    - je disse er Sorcio ricco - Sentirai!
    Antro che le caciotte de montagna!
    Pasticci dorci, gnocchi,
    timballi fatti apposta,
    un pranzo co' li fiocchi! una cuccagna! -
    L'intessa sera, er Sorcio de campagna,
    ner traversà le sale
    intravidde 'na trappola anniscosta;
    - Collega, - disse - cominciamo male:
    nun ce sarà pericolo che poi...?
    - Macché, nun c'è paura:
    - j'arispose l'amico - qui da noi
    ce l'hanno messe pe' cojonatura.
    In campagna, capisco, nun se scappa,
    ché se piji un pochetto de farina
    ciai la tajola pronta che t'acchiappa;
    ma qui, se rubbi, nun avrai rimproveri.
    Le trappole so' fatte pe' li micchi:1
    ce vanno drento li sorcetti poveri,
    mica ce vanno li sorcetti ricchi!

    ER TESTAMENTO D'UN ARBERO


    Un Arbero d'un bosco chiamò l'ucelli e fece testamento: -- Lascio li fiori ar mare, lascio le foje ar vento, li frutti ar sole e poi tutti li semi a voi. A voi, poveri ucelli, perché me cantavate le canzone ne la bella staggione. E vojo che li stecchi, quanno saranno secchi, fàccino er foco pe' li poverelli. Però v'avviso che sur tronco mio c'è un ramo che dev'esse ricordato a la bontà dell'ommini e de Dio. Perché quer ramo, semprice e modesto, fu forte e generoso: e lo provò er giorno che sostenne un omo onesto quanno ce s'impiccò.

    L'ingiustizzie der monno

    Quanno che senti di' "cleptomania"
    è segno ch'è un signore ch'ha rubbato:
    er ladro ricco è sempre un ammalato
    e er furto che commette è una pazzia.
     
    Ma se domani è un povero affamato
    che rubba una pagnotta e scappa via
    pe' lui nun c'è nessuna malatia
    che j'impedisca d'esse condannato!
     
    Così va er monno! L'antra settimana
    che Yeta se n'agnede cór sartore1
    tutta la gente disse: - È una puttana. -
     
    Ma la duchessa, che scappò in America
    cór cammeriere de l'ambasciatore,
    - Povera donna! - dissero - È un'isterica!...
     
    1) Fuggì col sarto.

    l'animali

    Ner deserto dell'Africa, un Leone che j'era entrato un ago drento ar piede, chiamò un Tenente pe' l'operazzione. -- Bravo! -- je disse doppo -- Io t'aringrazzio: vedrai che te sarò riconoscente d'avemme libberato da 'sto strazzio; qual'è er pensiere tuo? d'esse promosso? Embè, s'io posso te darò 'na mano...-- E in quela notte istessa mantenne la promessa più mejo d'un cristiano; ritornò dar Tenente e disse: -- Amico, la promozzione è certa, e te lo dico perché me so' magnato er Capitano.

    Un Gatto Soriano Diceva a un Barbone: Nun porto rispetto Nemmanco ar padrone, Perchè a l'occasione Je sgraffio la mano; Ma tu che lo lecchi Te becchi le botte: Te mena, te sfotte, Te mette in catena Cor muso rinchiuso E un cerchio cor bollo Sull'osso der collo. Siconno la moda Te taja li ricci, Te spunta la coda... Che belli capricci! Io, guarda, so' un Gatto So' un ladro, lo dico: Ma a me nun s'azzarda De famme 'ste cose... Er cane rispose: Ma io... je so' amico!

    Trilussa

    L'uguaglianza
    Trilussa
    Fissato ne l'idea de l'uguajanza
    un Gallo scrisse all'Aquila: - Compagna,
    siccome te ne stai su la montagna
    bisogna che abbolimo 'sta distanza:
    perché nun è né giusto né civile
    ch'io stia fra la monnezza d'un cortile,
    ma sarebbe più commodo e più bello
    de vive ner medesimo livello.-

    L'Aquila je rispose: - Caro mio,
    accetto volentieri la proposta:
    volemo fa' amicizzia? So' disposta:
    ma nun pretenne che m'abbassi io.
    Se te senti la forza necessaria
    spalanca l'ale e viettene per aria:
    se nun t'abbasta l'anima de fallo
    io seguito a fa' l'Aquila e tu er Gallo.

    Trilussa

    Questione di razza
    Trilussa
    -Che cane buffo! E dove l' hai trovato? -
    Er vecchio me rispose: -é brutto assai,
    ma nun me lascia mai: s' é affezzionato.
    L' unica compagnia che m' é rimasta,
    fra tanti amichi, é ' sto lupetto nero:
    nun é de razza, é vero,
    ma m' é fedele e basta.
    Io nun faccio questioni de colore:
    l' azzioni bone e belle
    vengheno su dar core
    sotto qualunque pelle.

    LA GRATITUDINE

    Mentre mangiavo un pollo, il Cane e il Gatto
    sembrava che aspettassero il movimento
    delle ossa che cadevano nel piatto.
    E io, da buon padrone,
    facevo la porzione,
    a ognuno la metà:
    un po' per uno, senza
    parzialità.

    Appena il mio piatto re
    stò pulito,
    il gatto si defilò. Dico: -- E cosa fai? --
    -- Eh, -- dice -- me ne vado, capirai,
    ho visto che hai finito... --

    Il Cane invece mi saltava al collo
    riconoscente come gli uomini
    e mi leccava come un francobollo.
    -- Oh! Bene! -- dissi -- Almeno tu rimani! --
    Lui mi rispose: -- Si, perché domani
    mangerai certamente un altro pollo!


     
     

    L'indovina de le carte1

    Pe' fa' le carte quanto t'ho da dà? - Cinque lire. - Ecco qui; bada però che m'haio da di' la pura verità... - Nun dubbitate che ve la dirò. Voi ciavete un amico che ve vô imbrojà ne l'affari. - Nun pô sta2 perché l'affari adesso nu' li fo. - Vostra moje v'inganna. - Ma va' là! So' vedevo dar tempo der cuccù!3 - V'arimmojate. - E levete de qui! Ce so' cascato e nun ce casco più! - Vedo sur fante un certo nun so che... Ve so' state arubbate... - Oh questo sì: le cinque lire che t'ho dato a te. 1) La cartomante. 2) Non può essere vero. 3) Da tempo immemorabile.

    NINNA NANNA DE LA GUERRA

    LA NINNA NANNA DE LA GUERRA (1914) Ninna nanna, nanna ninna, er pupetto vò la zinna: dormi, dormi, cocco bello, sennò chiamo Farfarello Farfarello e Gujermone che se mette a pecorone, Gujermone e Ceccopeppe che se regge co le zeppe, co le zeppe d'un impero mezzo giallo e mezzo nero. Ninna nanna, pija sonno ché se dormi nun vedrai tante infamie e tanti guai che succedeno ner monno fra le spade e li fucili de li popoli civili Ninna nanna, tu nun senti li sospiri e li lamenti de la gente che se scanna per un matto che commanna; che se scanna e che s'ammazza a vantaggio de la razza o a vantaggio d'una fede per un Dio che nun se vede, ma che serve da riparo ar Sovrano macellaro. Chè quer covo d'assassini che c'insanguina la terra sa benone che la guerra è un gran giro de quatrini che prepara le risorse pe li ladri de le Borse. Fa la ninna, cocco bello, finchè dura sto macello: fa la ninna, chè domani rivedremo li sovrani che se scambieno la stima boni amichi come prima. So cuggini e fra parenti nun se fanno comprimenti: torneranno più cordiali li rapporti personali. E riuniti fra de loro senza l'ombra d'un rimorso, ce faranno un ber discorso su la Pace e sul Lavoro pe quer popolo cojone risparmiato dar cannone!

    FRA CENT'ANNI

    Fra cent'anni
     
    Da qui a cent'anni, quanno
    ritroveranno ner zappà la terra
    li resti de li poveri sordati
    morti ammazzati in guerra,
    pensate un po' che montarozzo d'ossa,
    che fricandò de teschi
    scapperà fòra da la terra smossa!
    Saranno eroi tedeschi,
    francesci, russi, ingresi,
    de tutti li paesi.
    O gialla o rossa o nera,
    ognuno avrà difesa una bandiera;
    qualunque sia la patria, o brutta o bella,
    sarà morto per quella.
     
    Ma lì sotto, però, diventeranno
    tutti compagni, senza
    nessuna diferenza.
    Nell'occhio vôto e fonno
    nun ce sarà né l'odio né l'amore
    pe' le cose der monno.
    Ne la bocca scarnita
    nun resterà che l'urtima risata
    a la minchionatura de la vita.
    E diranno fra loro: - Solo adesso
    ciavemo per lo meno la speranza
    de godesse la pace e l'uguajanza
    che cianno predicato tanto spesso!
     
    31 gennaio 1915

    G.G. Belli 22 giugno 1834

    Un ber gusto romano

    Tutta la nostra gran zodisfazzione
    de noantri quann’èrimo regazzi
    era a le case nove e a li palazzi
    de sporcajje li muri cor carbone.

    Cqua ddiseggnàmio o zziffere o ppupazzi,
    o er nodo de Cordiano e Ssalamone:
    llà nnummeri e ggiucate d’astrazzione,
    o pparolacce, o ffiche uperte e ccazzi.

    Oppuro co un bastone, o un zasso, o un chiodo,
    fàmio a l’arricciatura quarche sseggno,
    fonno in maggnèra c’arrivassi ar zodo.

    Quelle sò bbell’età, pper dio de leggno!
    Sibbè cc’adesso puro me la godo,
    e ssi cc’è mmuro bbianco io je lo sfreggno.


    L'AGNELLO INFURBITO

    Un lupo che beveva in un ruscello
    vidde, dall' antra parte de la riva,
    l' immancabbile Agnello.
    -Perché nun venghi qui? - je chiese er Lupo -
    L'acqua, in quer punto, é torbida e cattiva
    e un porco ce fa spesso er semicupio.
    Da me, che nun ce bazzica er bestiame,
    er ruscelletto è limpido e pulito... -
    L' Agnello disse: - Accetterò l' invito
    quanno avrò sete e tu nun avrai fame.

    La sincerità ne li comizzi

    Er deputato, a dilla fra de noi, ar comizzio ciagnede contro voja, tanto ch'a me me disse: - Oh Dio che noja!-, Me lo disse: è verissimo, ma poi sai come principiò? Dice: -È con gioja che vengo, o cittadini in mezzo a voi, per onorà li martiri e l'eroi, vittime der pontefice e der boja!- E, lì, rimise fòra l'ideali, li schiavi, li tiranni, le catene, li re, li preti, l'anticlericali... Eppoi parlò de li principî sui: e allora pianse: pianse così bene che quasi ce rideva puro lui!

    Er Salice Piangente

    Che fatica sprecata ch'è la tua! - diceva er Fiume a un Salice Piangente che se piagneva l'animaccia sua - Perchè te struggi a ricordà un passato se tutto quer che fu nun è più gnente? Perfino li rimpianti più sinceri finisce che te sciupeno er cervello per quello che desideri e che speri. Più ch'a le cose che so' state ieri pensa a domani e cerca che sia bello! Er Salice fiottò: - P è parte mia nun ciò né desideri né speranze: io so' l'ombrello de le rimambranze sotto una pioggia de malinconia: e, rassegnato, aspetto un'alluvione che in un tramonto me se porti via co' tutti li ricordi a pennolone.

    L'onestà de mi' nonna

    L'onestà de mi' nonna Quanno che nonna mia pijò marito nun fece mica come tante e tante che doppo un po' se troveno l'amante... Lei, in cinquant'anni, nu' l'ha mai tradito! Dice che un giorno un vecchio impreciuttito che je voleva fa' lo spasimante je disse: - V'arigalo 'sto brillante se venite a pijavvelo in un sito. - Un'antra, ar posto suo, come succede, j'avrebbe detto subbito: - So' pronta. Ma nonna, ch'era onesta, nun ciagnede; anzi je disse: - Stattene lontano... - Tanto ch'adesso, quanno l'aricconta, ancora ce se mozzica le mano!

    Link Preferiti

    , , , , , , , , , , , , ,