Libero

IlSilenzioDellAcqua

  • Uomo
  • 59
  • davanti all'Elba
Pesci

Mi trovi anche qui

Amici

IlSilenzioDellAcqua non ha ancora amici. Chiedi l'amicizia prima di tutti!

Ultime visite

Visite al Profilo 14.897

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita IlSilenzioDellAcqua a scrivere un Post!

Mi descrivo

Esiste un mondo , dove il silenzio si riempie di colori , di sensazioni . Un mondo che a pochi è concesso scoprire . Perchè pochi sanno ascoltare il silenzio dell'acqua.

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. Acqua
  2. Mare
  3. Lago

Tre cose che odio

  1. nessuna
  2. nessuna
  3. nessuna

Vorrei farti vedere la mia vita ( C.Lolli )

Vorrei farti vedere la mia vita ( C.Lolli )

Vorrei farti vedere la mia vita E gli oggetti che le girano intorno E le luci che la rendono impaurita Fino dall'alba e fino al nuovo giorno. Vorrei farti vedere la mia vita, Le bottiglie i piatti, sporchi, le canzoni, Raccontarti che mi bastano due dita Per dire alt, ok, contraddizioni, Vorrei farti vedere il passaporto Un po' ingiallito che ho Dentro il portafogli Vorrei dirti che non sono ancora morto, Anche se il mio tempo E' schiavo dagli imbrogli. Vorrei fare tutto questo ma ti guardo E capisco che tu forse non lo vuoi Siamo gente, noi, lontana dal traguardo, Siamo lontani dagli errori e dagli eroi, Poi c'è un bimbo che mi chiama con la mano Begli occhi neri, Tocca il mondo con le dita L'avrei fatto anch'io soltanto ieri, E oggi vorrei regalarti la mia vita. Vorrei farti vedere la mia vita Un film sbagliato In cui non succede niente, Con degli attori che non sanno recitare, Non sono attori, E non sono neanche gente, Come sugli autobus di questa ITALIA NAZI Che mi trasportano Da un centro ad un macello Con della gente Che propone di ammazzare Sia la cruna che l'ago, E anche il cammello. Ecco, vorrei che mi vedessi lì, perduto in mezzo alla violenza Del mio mondo, E poterti dire: non può essere così Diamoci un bacio In questo brutto girotondo, E vorrei che mi vedessi alla stazione Mentre fumo, guardo i treni E bevo vino, Io vorrei che tu vedessi la mia vita Amando i punti del mio Piccolo declino. Poi c'è un bimbo Che mi chiama con la mano Begli occhi neri, Tocca il mondo con le dita, L'avrei fatto anch'io soltanto ieri, E oggi vorrei farti vedere la mia vita. L'avrei fatto anch'io soltanto ieri, E oggi vorrei farti vedere la mia vita

Lettere ( A. Merini )

Lettere ( A. Merini ) Rivedo le tue lettere d’amore illuminata adesso da un distacco, senza quasi rancore. L’illusione era forte a sostenerci, ci reggevamo entrambi negli abbracci, pregando che durassero gli intenti. Ci promettemmo il sempre degli amanti, certi nei nostri spiriti divini. E hai potuto lasciarmi, e hai potuto intuire un’altra luce che seguitasse dopo le mie spalle. Mi hai resuscitato dalle scarse origini con richiami di musica divina, mi hai resa divergenza di dolore, spazio, per la tua vita di ricerca per abitarmi il tempo di un errore. E mi hai lasciato solo le tue lettere, onde io le ribevessi nella tua assenza. Vorrei un figlio da te, che sia una spada lucente, come un grido di alta grazia, che sia pietra, che sia novello Adamo, lievito del mio sangue e che dissolva più dolcemente questa nostra sete. Ah se t’amo! Lo grido ad ogni vento gemmando fiori da ogni stanco ramo, e fiorita son tutta e di ogni velo vò scerpando il mio lutto perché genesi sei della mia carne. Ma il mio cuore trafitto dall’amore ha desiderio di mondarsi vivo, e perciò, dammi un figlio delicato! Un bellissimo vergine viticcio da allacciare al mio tronco. E tu, possente padre, tu olmo ricco di ogni forza antica, mieterai dolci ombre alle mie luci.
, , , , , , , , , , , , ,