Libero

N.I.H.I.L

  • Uomo
  • 47
  • Milano
Leone

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 29 minuti fa

Profilo BACHECA 21

N.I.H.I.L 23 agosto

21 - CERCO

 

cerco

da sempre

avidamente

una piccola corrispondenza

autentica e inquieta

 

qualcuno che abbia voglia di ascoltare

un barlume che non è niente

ma che mi incendia

e che cerco di rinchiudere in una fila sconnessa di parole

 

qualcuno che lo voglia scambiare

con un'impressione improvvisa

con un desiderio accecante e poi soffocato

con un brivido sulla pelle

 

con quelle cose impossibili da trattenere

che forse non sento solo io

che forse non fanno tremare solo me

che è così bello contrabbandare

per quanto sia quasi impossibile

 

scambio quello che non vale per nessuno

quello che non si può fermare

pesare

contenere

 

la mia inquietudine

in cambio della tua

 

lo scrigno che contiene quello che sento

con lo scrigno in cui rinchiudi il tuo tumulto

la tua meraviglia

la tua ansia inconfessabile

 

un niente

che per me è tutto

 

torna qui

leggi

e poi appena puoi scrivimi

 

tu ora sai che queste parole le scrivo proprio a te, vero?

Ti piace?
1
N.I.H.I.L più di un mese fa

20 - SENTI QUESTO...

 

c'è stato un tempo felice in cui tutto era nuovo

la musica da ascoltare ce la passavamo con le cassette

e certe cose le registravamo al volo e le tenevamo come oro

 

le sentivamo in macchina, la notte, tra amici

 

ricordo un frammento della colonna sonora di "tutto su mia madre"

la via della città dove mi trovavo quando l'ho ascoltata senza associarla a nulla

e l'emozione di quando poco tempo dopo ho visto il film al cinema

 

quel tunnel infinito, poi il bosco, poi la vista notturna di barcellona dall'alto

 

se rivedo il film ancora non lo so sostenere

e il ricordo rimane

e insieme il legame con un amico che non vedo da una vita

ma che non sparirà dalla mia testa

 

era il periodo in cui ancora sognavo di condividere tutto con tutti

le stesse sensazioni, la stessa pelle d'oca

e insieme già capivo che non sarebbe successo mai

se non per brevissimi istanti subito

 

sentite allora, pensavo

metto una canzone e rimbomba nel cielo

ovunque

per tutti

alzate gli occhi da dove siete

stropicciateli

guardatevi l'un l'altro stupiti

e sorridete, non è bellissimo?

 

poi lo so

non capireste... non sentireste nulla di quello che invece mi travolge...

 

a che serve allora?

 

a volte oggi ci riprovo nel più piccolo dei contatti

una persona alla volta

 

non è più la musica

è il niente che mi compone

che non so nemmeno raccontare

 

niente

ma è la stessa meraviglia, la stessa ansia, lo stesso desiderio:

 

"che tu possa entrare per un istante nelle mie sensazioni e percepire ogni cosa attraverso i miei sensi..."

 

e poi poterti dire: hai sentito?

sono io...

Ti piace?
3
N.I.H.I.L più di un mese fa

19 - PESCE ROSSO

 

oggi ho l'attenzione labile del pesce rosso

la stessa voglia di fare immagino

(un girare senza meta)

la stessa pigra esistenza

 

mi manca il vetro curvo della boccia attraverso cui vedere un mondo alieno

o una vasca di acqua stagnante da girare

sarei felice anche solo di una colonna di bollicine in cui passare nuotando per sentire il brivido sulla pelle

 

mi tocca restare seduto alla scrivania

cercando di non vedere quel cielo così azzurro

di resistere alla seduzione del nulla quieto

o addirittura di prendere e uscire

 

magari fossi un pesce rosso

che poi avrà anche i suoi cazzi e le sue paturnie

ma ora mi appare come il massimo della gioia

 

nuotare

gironzolare senza meta

prendere un sassolino dal fondo e lasciarlo cadere una spanna più in là

Ti piace?
2
N.I.H.I.L più di un mese fa

18 - GOLEM

 

non è così semplice "sognare un uomo e imporlo alla realtà"

ma ancora più difficile è costruirlo un frammento alla volta senza aggiungere nulla di impuro

senza riempire con la fantasia quello che manca

 

completare la pelle

immaginare i pensieri

definire la forma di un dito o della parte del corpo trascurata ad ogni visione

 

a me piace

a me affascina

mi ci applico con disciplina ogni volta che sento che ne vale la pena

 

mi occupa i pensieri

mi fa sorridere se ci penso

 

anche ora che sono sospeso

tra l'impazienza di avere altro ancora

ancora una scheggia

un pensiero

un'immagine

 

arriva qualcosa e già brucio perchè ne voglio altro...

 

non schernirti allora

non sottrarti

sei tu la meraviglia che cerco

Ti piace?
4
N.I.H.I.L più di un mese fa

17 - BULIMIA

 

da tanto tempo mi piace il cinema

da quando li si poteva vedere solo in tv

o rarissimamente al cinema

 

con mia sorella aspettavamo come un piccolo rito l'acquisto del prossimo telesette

per vedere cosa davano in tv la settimana successiva

 

avevamo due giorni in tutto per vederla la sera

(regole rigide di un mondo andato

ho imparato così l'arte della trattativa)

 

poi sono arrivate le videocassette

quelle a buon mercato comprate in edicola

quelle vuote rimediate per registrare i film direttamente dalla tv

 

ho saltato a piedi pari dvd e blu-ray

dopo che un amico spacciatore mi ha introdotto al magico mondo dei video-cd

 

li produceva lui

17 ore per una conversione

qualcosa di mistico

quasi un parto

quel senso di attesa...

 

ora le cose hanno preso un'altra piega

ho un hard disk che sta nel palmo di una mano

e dentro circa 1500 film 

1056 ancora da vedere

pochi visti e cancellati

molti visti e diventati culto

 

però... 1056 film da vedere

(tre quarti con i sottotitoli, in italia nemmeno arrivano

non conviene

grazie fratelli vanzina, grazie boldi e de sica...)

 

comunque

due film alla settimana

104 all'anno

10 anni per vederli tutti

 

senza contare quelli che verranno

senza contare quelli che ancora non conosco ma già esistono

e quelli che ho visto ma inevitabilmente vorrei rivedere ancora molte volte

 

insomma

 

forse questa cosa mi ha preso la mano

da sola basta a riempire il tempo che mi resta da vivere

 

cadi pure sulla terra, cielo

spegniti, industria del cinema

io sono autosufficiente

 

anzi

 

lasciatemi in pace

io non faccio che cercare con la fame chimica che mi attanaglia

finisce che mi schianto...

Ti piace?
5
N.I.H.I.L più di un mese fa

16 - MEGALOMANIA

 

vorrei vivere di quello che scrivo

non fosse che non scrivo praticamente nulla

e che sono abbastanza lucido da sapere che in fondo non si può più

 

vorrei anche conquistare il mondo

una specie di piano B sempre latente

che mi fa pensare che l'altra fantasia sia tutto sommato perbene e razionale

 

una volta l'ho scritto ad una ragazza che mi piaceva

e che si ostinava a non sentire i pensieri che non le dicevo ma tenevo solo nella testa

(però pensandoli con una concentrazione che di certo faceva rumore...)

 

"conquisteremo il mondo e sottometteremo la razza umana

ma forse ti sarà concesso di far parte del mio harem"

 

una cartolina mandata dalle montagne

molto molto molto migliore di una lettera che le avevo scritto mesi prima

e che ad averla oggi mi farebbe capire che in fondo, per poco che sia, un pochino mi sono evoluto...

 

dicevo

vorrei vivere di quello che scrivo

ma forse tra poco basterà "vorrei vivere"

perchè non è sempre dato a tutti

trovare un senso, trovare una cosa che emoziona

 

ora per me è come un flusso continuo

che anche troppo spesso mi sommerge

ma vai a sapere

 

c'è un cielo azzurro e netto 

ripulito dalla pioggia di ieri

un transito continuo di scintille abbagliate dal sole

insetti credo

io scrivo e guardo fuori

tra poco forse lavoro

più tardi viaggerò fino a sera

 

un giorno spensierato

 

vorrei vivere di quello che scrivo

ma anche così per ora sto bene...

Ti piace?
5
N.I.H.I.L più di un mese fa

15 - SINESTESIA

 

in questi giorni che se non sono assente scrivo ma trovo una casella piena

lascio un messaggio qui

che è "la mia lettera al mondo che a me non scrisse mai"

dovrei fare altro ma tant'è

invece che tardi poi farò tardissimo

 

non so immaginare il mondo di un colore solo

non so metterli in fila dal più bello

perchè per me è come se fossero rette che divergono verso direzioni differenti

impossibile scegliere, impossibile confrontare

 

poi mi accorgo che adoro il bianco e nero quando fotografo

e mi trovo a immaginare cosa vedrei se tutto fosse rosso, per dire

il mare di sangue

il cielo sempre al tramonto

e così via...

 

da bambino percepivo una strana associazione tra le vocali ed i colori

a pelle

senza sapere cosa fosse come succede sempre ai bambini

ora credo di sapere che si chiami sinestesia

ed ho anche scoperto, tanti anni fa, che rimbaud ci ha scritto una poesia

e forse mi ha rubato l'idea

perchè lui l'ha scritta 110 anni prima

ma io scommetto che l'ho pensata quando ero più giovane

 

A rossa, E verde, I bianca, O nera, U viola

non serve nemmeno che ricordi

le penso e sono così

 

ora devo andare

non avrei nemmeno dovuto entrare qui

domani ho finito il lavoro, entro pranzo consegno

ci penso e sembra distante un soffio

un paio di cose da fare e poi basta

eppure io cammino sempre più piano

come quelle somme infinite di numeri

che si avvicinano inesorabili all'obiettivo

ma vanno sempre più piano

e non lo raggiungeranno mai...

Ti piace?
6
N.I.H.I.L più di un mese fa

14 - APPARTENENZA

 

quando ero bambino all'asilo per un po' di tempo c'è stato questo pastello quasi fluorescente

un colore che ormai ho solo nella memoria

e che credo di non aver rivisto più

lo chiamavamo "rosso papavero"

non che fosse esattamente quello il colore

ma eravamo bambini, istintivi e imprecisi

ce lo litigavamo ogni giorno perchè volevamo lasciasse un segno sopra ogni nostro disegno

 

anni dopo i papaveri sono diventati i fiori di fuoco nel giallo sbiadito del frumento secco

quelli accanto alla strada, agitati dal passaggio delle auto

piccole visioni magiche di quando per lavoro viaggiavo tutto il tempo

 

sgraziati

selvaggi

incendiati dal sole

 

un giorno ho scoperto chiacchierando con mia nonna che era il suo fiore preferito

ho pensato al grano, a quel pastello prodigioso di tanti anni prima

 

mi ha colpito questa minima passione tramndata con il sangue

senza parole

 

ho sentito un senso di appartenenza

come portare dentro di me un frammento di lei

 

ciao nonna...

è stato così bello conoscerti

e, se solo ci penso, sento che manchi... tanto...

Ti piace?
3
N.I.H.I.L più di un mese fa

13 - UNITA' DI PRODUZIONE (DERIVA)

 

"Scelgo scartando, perché non c'è altro modo,
ma quello che scarto è più numeroso,
è più denso, più esigente che mai."

 

è fatica ed è certa la sensazione dell'infinito che scivola via inosservato

però scelgo, da sempre

con inevitabili inciampi, intervalli di placida inedia

ma ho nella testa le cose che per me valgono

e non smettono di stupirmi, schiacciarmi, sopraffarmi

 

a volte penso che il giro di tutto per me non c'è già più il tempo per farlo

che (lo dice borges) c'è un libro che non aprirò più

non un libro del cazzo purtroppo

un libro che amo

o anche solo una riga che se potessi leggerla mi lascerebbe con il fiato corto

 

ma c'è anche, ogni giorno, qualcosa che vale

come una montagnola da cui trarre all'infinito tutte le pepite che servono

 

c'è la consolante certezza della memoria (fin che regge, certo...)

 

c'è tutto quello che esiste

che in fondo esiste perchè l'ho vissuto io, perchè sperimentandolo l'ho imposto alla realtà

 

il mondo mi piace, è strabordante e ogni angolo cela qualche futura meraviglia

 

grazie, lo so che esiste per conto suo

ma io lo tengo tutto nel palmo di una mano

e quello che percepisco è quello che ho costruito pezzo per pezzo

 

mio, privato, da crescere o smontare e rimontare se mi va

 

insomma

pensavo a quella volta di tanti anni fa

con gli amici delle superiori assemblavamo il nostro eroico cortometraggio freak

con vhs, videoregistratore

(primitivi  ma a modo nostro geniali come forse solo i primi pink floyd)

 

"mettiamoci anche la musica!"

 

ma per limiti tecnici ci stava o la musica o l'audio originale

e perdere l'audio ci sembrava la più inaccettabile diminuzione dell'universo

 

quei rumori di fondo, quelle poche frasi scombinate

 

poi giorgio se ne è uscito dicendo

"del resto ci siamo persi l'audio di tutta la vita"

 

siamo stati un po' zitti

 

io non me la sono dimenticata più quella frase

consapevole che c'è un pozzo che il mio mondo se lo consuma

 

scelgo, spesso ritorno sul sentiero già battuto

per viverlo di nuovo

assaporarlo

imprimerlo forte nella mente per non perderlo

per tenerne almeno un frammento...

Ti piace?
2
N.I.H.I.L più di un mese fa

12 - IO

 

l'altra volta ero Dio

padre di un universo trascurabile, certo, ma lo stesso un universo

e quella gente intenta ad adorarmi

chi ne può vantare uno tutto suo?

e cosa si può scrivere poi?

come tornare alle piccole cose di tutti i giorni?

 

intanto non sono nemmeno scontate in certi periodi

sono un traguardo prezioso da conquistare a fatica

 

oggi è lunedì

ho viaggiato e poco altro, da prestissimo fino a un'ora fa

però ho risolto alcuni pasticci

la casella della posta ha portato buone notizie e nessun guaio

insomma, nel caos certo ma meno nel caos di prima

e già sono felice

 

pranzerò sorridendo delle macchie di olio nel piatto

senza sospettare nessuno ad adorarmi sopra quei mari immaginari

ma nemmeno schiacciato sotto il piede degli dei malvagi delle ultime settimane

 

così, agnostico

 

indaffarato

spensierato

con la capacità di vedere ridotta a una settimana dal naso

ma tanto che importa ora andare più lontano?

 

pranzo

mi rimetto qui

lavoro sereno 

non un dio

non un eroe greco senza macchia o senza paura

niente di che

dimenticato dal mondo

alla deriva

una fucina che brucia del suo piccolo lavoro febbrile

un niente

ma ci sto dentro come una lumachina nel suo guscio

si sta bene anche così a volte...

 

(altrove c'è la guerra, la pandemia, i premi al cinema

io non so parlare quasi di niente, pazienza...)

 

Ti piace?
3
, , , , , , , , , , , , ,