Libero

fanciullo67

  • Uomo
  • 53
  • MILANO
Leone

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 14 settembre

Ultime visite

Visite al Profilo 21

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita fanciullo67 a scrivere un Post!

Mi descrivo

Io sono un perfetto fancazzista snob, molto, ma molto lunatico...non amo fare una beneamata mazza di niente all'infuori di girofancazzare per marine e librerie essendo praticamente skizzato il 6.9.05...si è fatto tardi....vado a dormire.....ah dimenticavo NON CERCO UOMINI, DONNE, BAMBINI, ALIENI ED ANIME GEMELLE...buena suerte! IL PROFILO SI AUTOCANCELLERA' DALL'11.12.13

Su di me

Situazione sentimentale

sposato/a

Lingue conosciute

Cinese, Turco, Ungherese

I miei pregi

ironico, sarcastico, parlo a vanvera senza controllo, irriverente

I miei difetti

ironico, sarcastico, parlo a vanvera senza controllo al limite della irriverenza, ma poi faccio penitenza

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. La zuppa di scorfano e le architette
  2. il ragù di mia madre
  3. Fare il bagno con la badante svedese

Tre cose che odio

  1. i tamarri, le zagne, il calcio ed il traffico
  2. I magistrati, le targhe alterne, il pigiama
  3. le foto mosse, i topi e le donne acide ed arcigne

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Spirituale

Vacanze Ko!

  • Spirituale
  • Passioni

    • Fai da te

    Musica

    • Metal

    Cucina

    • Tex & mex

    Libri

    • Diari di viaggio

    Sport

    • Sci

    Film

    • Thriller

    Libro preferito

    il galateo, tutto città e le utilissime pagine gialle

    Meta dei sogni

    Svizzera, Russia

    Film preferito

    La figlia del corsaro nero, mazzabubbù quante corna ci stanno quaggiù e l\'allenatore nel pallone

    Leggere attentamente prima dell'uso

    Potevo pensare di salvare le otarie dall'estinzione? o imparare il dolce suono dei cormorani innamorati? tsk! Non è roba per me! Sono solo un perdigiorno, talvolta, ossessionato da interrogativi esistenziali. Guidando a fari spenti nella notte in autostrada mi chiedo: "Esiste il nulla?...forse sì...perchè si sa, Dio crea dal Nulla...ma il Nulla cos'è e sopratutto perchè? ma sopratutto sopra il sopratutto di prima, dov'è? Ogni tanto mi pongo queste domande, ma non riesco a darmi risposte; neanche il mio pisichiatra riusciva a darmi risposte; allora, visto e considerato che non c'è risposta a tali domande, provo a chiedere ai mie due amici di sempre, Split e BK; Illi, in perenne stordimento, non sanno far altro che darmi "la pillola per dimenticare"; purtroppo in un accesso d'ira funesta, ingoio la pillola sbagliata, quella rossa, al posto di quella blu e, catatonico e beato, mi proietto in una stupenda bolla d'oblio ove la mia straordinaria effervescenza e l'approfondimento filosofico mi consentono di trasformare in pezzi comici le debolezze delle persone e le nevrosi delle società. DUNQUE effervescente, con moderazione, viziato ed imprevedibile, dico quello che penso, rudely and directly. Ovviamente è tutto falso...non credete ad una sola parola di quello che è scritto...potete CREDERCI!AH dimenticavo...non fate sogni sporcaccioni e non mangiate troppe caramelle e torrone; PS NON SONO SU FEISBUK!

    (Chi sa ridere è padrone del mondo)

      

    Venghino signori, venghino...

    Prova, uno-due-tre, prova! Io parlo di tutto e di niente, xchè tecnicamente non cerco niente; TECNICAMENTE è una parola che mi piace...oltre allo zucchero filato, all'acqua calda, alle maestre di sci con i denti bianco-durbans, fare le palline con il vinavil, il mitico Superwoobinda (libro) di Aldo nove che mi ricorda la mia pazza adolescenza ed il mio sconclusionato parlare e pensare...l'odore delle pallette da tennis appena colte, le giocate del più grande giocatore di tennis di tutti i tempi (John patrick McEnroe); Il fanciullino-split (split personality: personalità dissociata) è, tecnicamente parlando (aridaie), un soggetto bipolare, molto, ma molto lunatico, ma piacevolissimo; in primavera è particolarmente innamorato della lingua inglese e, benchè sposato, certamente fuggirebbe con una, o anche due, gradevolissime inglesi, possibilmente decerebrate, (capelli biondo miele ed occhi azzuri/celesti/blu tenebra)....nei freddi, cupi e morti mesi invernali girovaga per librerie, accarezzando dolcemente copertine patinate, nei tempi vivi, ama crogiolarsi al sole....ed ora una ulteriore elencazione delle cose che gli piacciono: la zuppa di scorfano, le vespette che non si fanno più, il vento tra i capelli che non ci sono più, le ragazze con le lentigini,  le gambe lucide e depilate, le cadenze salentine, sicule, calabresi e tutto quello che è gutturale, forte ed aspirato, la grecia e le case greche con le persiane azzurre, la pizza tonno e cipolle, fare il punto della situazione (ahahahah), le leggi di Murphy in tutte le sue varianti, PRAHA città, Alfons Mucha e gli espressionisti, la gelida Nicole Kidman,il film Io ed Annie di W. Allen, i colori giallo, arancio e rosso, collezionare clessidre e sopratutto BICCHIERI DI BIRRA, lasciare gli scontrini in giro nell'ufficio, mangiare i tortellini CRUDI, sorseggiare il sorbetto, sorridendo sornione.... le sue insanabili passioni sono i viaggi e la fotografia...

    Occorre sapere che...

    Il fanciullino-split rifugge: i calvi che si fanno il codino, le orrende tinture delle donne dell'est, le pie donne e le venete (con una eccezione per ora), l'acqua liscia nei bicchieri di vetro, i peli superflui, tutto ciò che sbava, i capelli riccissimi, la pioggia...sciacqua solo le memorie dal marciapiede della vita, la sveglia che ti sveglia nel dormiveglia, la pasta CORTA, radermi in contropelo guidando contromano, quelli che dicono: "punto di domanda?"... raschiare il fondo del barile,  i piedi bianchi che escono dalle scarpe non abbronzati in primavera, chi chiama tortellini i cappelletti e versavice, le nanodonne, le nanopolemiche ed in generale tutti coloro che vivono di microvisoni o di nanovisioni, le chiacchiere ed i distintivi, il cane che si morde la coda, i portieri delle case che ti dicono "Prego?", i camerieri che esordiscono con "Iniziamo con degli antipasti della casa?"...ma scusa, se volevo gli antipasti della casa...stavo a casa, no?!, gli impiegati civili dello Stato che si credono civili impiegati dello Stato (capito? o ve la devospiegareperposta?), coloro che chiudono gli animali in casa...ma ci stareste voi chiusi in un cesso H24?..., i cultori dell'ammazzacaffè (dicesi ammazzacaffè secondo la ipolipidica sequela snocciolata dal bavoso cameriere ammazzaturisti: "gradisce dolce, caffè, ammazzacaffè?"); chi mette la cera sui pavimenti, quelli che lavano le macchine agli autolavaggi di domenica con la tuta, avere un fine senza averne i mezzi, camminare sui carboni ardenti, i capicondomino ed i capodanni, i portatori di mazzi di chiave, le gomme appiccicate alle suole di scarpe..il suo sogno nel cassetto??? stare chiuso nel cassetto....ahhaahah

    Altre cose che non mi piacciono

    Altre cose che non mi piacciono: Innanzitutto spiegare agli altri come sono finito nelle code della curva gaussiana , il beige, perchè non sa di niente; il marmo, il sapone liquido, i film de paura; le cravatte,  le zanzarette quando entrano nelle orecchie e fanno zzzzzzzz....... Costanzo e la De Filippi, veri geni della trash TV e tutte le minkiate dei reality; tutto ciò che sbava, i bagni alla turca;  l'acqua fredda, la nebbia, dare delle risposte SECCHE; chi bestemmia e schiuma bestemmiando; i parrucconi al cinema  cioè...con tanti posti, ma proprio di fronte a me ti vieni a sedere e che cazzo!!!;  dare le mance alla signora-cessi dell'autogrill; fumare le cicche di siga raccattate da terra,  la faccia grigio-topo-viola marronebruciacchiatocomeilcaffèchesgorgaesibrucia della mia capa, il troppo fumo e il troppo arrosto, chi mi parla a colazione, darmi severamente del tu, ridere a squarciagola, la fine del nesquik; rimanere  con le dita attaccate con l'attack, chi cura l'giene personale prima di quella mentale, leccare i portacenere. NOTA BENE per gli avventori casuali: il dispenser per le aspirine per mal di testa da lettura è nella pagina successiva....buona notte. LM 

    Ode a JeeG Robot d'acciaio

    ODE A JEEG ROBOT D'ACCIAIO
    Corri ragazzo laggiù
    vola tra lampi di blu
    corri in aiuto di tutta la gente
    dell'umanità 
    Corri e và  per la terra
    vola e và  tra le stelle
    tu che puoi diventare JEEG .....
    Jeeg và , cuore e acciaio,
    Jeeg và , cuore e acciaio,
    cuore di un ragazzo che
    senza paura sempre lotterà 
    Se dalla terra nascerà ,
    la forza che ci attaccherà 
    noi restiamo tutti con te,
    perchè tu, tu sei JEEG
    Quando il domani verrà ,
    il tuo domani sarà 
    con i tuoi poteri tu salvi il futuro
    dell'umanità 
    Corri e và  per la terra
    vola e và  tra le stelle
    tu che puoi diventare JEEG .....
    Jeeg và , cuore e acciaio,
    Jeeg và , cuore e acciaio,
    cuore di un ragazzo che
    senza paura sempre lotterà 
    Se dal passato arriverà 
    una nemica civiltà 
    noi restiamo tutti con te,

    Della mia infanzia e gioventù

    Il fanciullino nasce a BARI nel 1967. All’età di cinque anni, partecipa alla selezione nazionale per lo Zecchino D’Oro classificandosi penultimo. L’incontro con Mago Zurlì lo segna profondamente. Al contatto con i bimbi felici e belli dell’Antoniano, perde la parola e la volontà, ritrovandola soltanto nove anni più tardì. In questo tribolato periodo della sua infanzia, si dedica allo studio dei puzzle da 100 pezzi riuscendo a completarli alla fine della sua carriera in poco meno di sei mesi, anche se sulle scatole c'è scritto "dai 3 ai 5 anni". Intraprende successivamente. studi umanistici. presso il Centro Recupero neuropsichiatrico di Rodi Garganico ove si diploma nel 1984 e viene immediatamente reintegrato nella società civile come animatore nei villaggi Salesiani. Impara a suonare la chitarra ritmica e scrive canzoni di successo.

    Stanco di melodie da sacrestia, accetta suo malgrado una borsa studio in perfezionamento di lingua romanza offerta dai laboratuàr Garniè di Parigi nel 92. Qui, durante una visita al Museo Dorsey, viene nuovamente colpito da mutria. Abbandona il cantautorato e si dedica totalmente alla pittura e alla poesia. Sono anni bui, di solitudine, di baraonde notturne, ed è proprio in questa malinconia, che prende forma la sua arte. Si chiude in casa, dipingendo a giorni alterni le persiane dei colori dell’arcobeno e nei week-end alla conta delle prese di casa, arrivando a contarne, dopo ripetuti tentativi fino a 107. Gli amici non lo vedono per mesi, deperisce e si ammala di polmonite. Nel ‘94, dopo un faccia a faccia animato con Dio, ricomincia a parlare, ma soprattutto a scrivere, utilizzando vocaboli a lui fino ad allora sconosciuti.  Si riprende dalla malattia. Nel’95 si sposa, nel‘96 ha una figlia, nel’97 si separa, nel  tempo sufficiente per farsi una piadina, poi si riammoglia. Ripiomba nuovamente nell‘autoisolamento del passato, approfittando di un condono fiscale. Si accanisce verso il sentimento d’amore, abbatte ogni sua morale, per sprofondare in un pericoloso pessimismo che lo allontana da ogni regola solida, liquida e gassosa;  

    Inizia a vivere distrattamente senza una dimora fissa, senza un affetto durevole e sopratutto senza un cane;  gli amici cercano di stargli vicino, lo assecondano nei suoi folli progetti d’avanguardia, ma senza riuscire a spronarlo dai suoi dolori. Il 6 settembre del 2005, dopo aver cenato al Osteria del tempo perso di Ostuni, viene colpito da un malore improvviso e muore poco dopo nella sua casa in riva al mare. La diagnosi stilata sul certificato di morte è Malumare, senso nostalgico d’amore per il mare d’inverno; Risorge dopo 2 giorni grazie alla benevola intercessione di Padre Pio. Oggi il fanciullino e' un uomo felice senza sapere di esserlo. Recita poesie ai bordi delle piscine per 100 euro di rimborso spese, e gira i locali piu' gettonati, acclamato ed apprezzato nel suo costume nero da lutto da tanghero stanco. Se vuoi contattarlo, anche solo per sapere come si mette il tempo chiamalo al: 338 XXXXXXXXX

    , , , , , , , , , , , , ,