Libero

garda54

  • Uomo
  • 66
  • grande lago (tra Dese e Salò)
Pesci

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 8

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita garda54 a scrivere un Post!

Mi descrivo

Dedico abbastanza del mio tempo libero al soccorso sanitario, emergenza urgenza. Svolgo questa "attività" in 2 associazioni, è veramente la mia passione. Auguro a tante persone di provare, le gioe, le amarezze e le soddisfazioni facendo il volontariato.

Su di me

Situazione sentimentale

sposato/a

Lingue conosciute

-

I miei pregi

Pochi e tanti

I miei difetti

Tanti e pochi

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. LA SINCERITA'
  2. Soccorritore sanitario (volontario)
  3. Il mio lago dopo un giorno di vento, SPETTACOLO

Tre cose che odio

  1. chi non rispetta la natura,nn rispetta se stesso
  2. chi maltratta gi animali
  3. LA FALSITA'

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Avventura

Vacanze Ko!

  • Campeggio
  • Passioni

    • Musica

    Musica

    • Folk

    Cucina

    • Piatti italiani

    Sport

    • Vela

    Film

    • Commedia
    • Azione

    Libro preferito

    non ho un libro specifico

    Meta dei sogni

    Stati Uniti, Stati Uniti

    Film preferito

    Il miglio verde

    TORTA DELL'AMORE


    Ingredienti: un letto caldo

    500 gr. Di carezze

    500 gr. Di baci

    1 banana

    2 kiwi

    2 pompelmi

    Agitare dolcemente i due corpi in un letto caldo,aggiungere i 500 gr di baci e carezze stando attenti a non coprire il tutto.

    Accarezzare la banana fecendo attenzione a non fare uscire il succo, nello stesso tempo i pompelmi dovranno essere delicatamente strizzati sino a che non saranno leggermente arrossati.

    Dopo aver riscaldato il forno a 69°, introdurre la banana avendo cura di lasciare fuori i kiwi.

    A questo punto muovere ritmicamente la banana in modo da togliere il succo, quindi ritirare la banana con delicatezza e lasciare raffreddare.

    Se è di vostro gradimento assaggiare con l'aggiunta di kiwi.

    Questa ricetta può essere ripetuta 2 o 3 volte, dipende dalle scorte in magazzino.

    Il nostro CANE va in vacanza.....

    M'hai insegnato ad attenderti paziente, quand'andavamo insieme per le spese: così aspettavo, seduto fuor dell'uscio poiché (fuori era scritto) lì non potevo entrare... Abbiam giocato, anche più volte, a nascondino: ma ti trovato sempre... (ho naso fino); ma... quando la pallina anche ieri mi hai tirato, perché non l'hai ripresa e te ne sei andato? Che strano il posto dove m'hai lasciato...la strada è dritta, non c'è il panettiere, né c'è il lattaio, neppure il salumiere... (e non capisco neanche perché mai ci siamo andati in auto, a far spese..) Ora comprendo, sarai indaffarato o qualche impedimento t'ha bloccato; ma io son stanco qui di rimanere, il sole è caldo, ho sete, vorrei bere.. Sono già stanco pure di abbaiare.. il sole picchia, mi par di morire...in lungo e in largo, sulla strada ho cercato: con ansia e affanno, tracce tue non ho trovato. Perché non torni ad abbracciarmi, Amico? Le coccole mi mancano più ancora della pappa...Beh, sai cosa ti dico? Io, come sempre, me ne starò buono, qui.. (e... t'aspetto...) Luciana Bianchi Cavalleri

    ponte dell'arcobaleno

    C'è un posto in Paradiso, chiamato "Ponte dell'Arcobaleno".
    Quando un animale muore va al ponte dell'arcobaleno.
    Ci sono prati e colline per tutti, così che possano correre e giocare insieme.
    C'è tanto cibo, acqua e sole, e tutti sono al caldo e stanno bene.
    Quelli che erano vecchi e malati sono ora forti e vigorosi.
    Quelli che erano feriti o storpi e quelli che noi abbiamo usato,
    senza ritegno e rimorso, per i nostri bisogni,
    sono di nuovo integri e forti. Tutti sono felici e contenti, tranne che per una   piccola cosa:
    quelli che sono stati cari a qualcuno, e che hanno dovuto lasciare indietro
    coloro che hanno amato, ne sentono la mancanza……….
    Corrono e giocano insieme, ma un bel giorno uno di essi
    Improvvisamente si ferma e guarda lontano, verso l'orizzonte.
    I suoi occhi lucidi sono attenti, trema per l'impazienza:
    tutto ad un tratto si stacca dal gruppo e comincia a correre,
    volando sul verde prato, sempre più veloce.
    Ti ha riconosciuto, e quando finalmente sarete insieme,
    vi stringerete in un abbraccio pieno di gioia,
    per non lasciarvi più. Una pioggia di baci felici bagnerà il tuo viso:
    le tue mani accarezzeranno di nuovo l'amata testolina
    e fisserai ancora una volta i suoi occhietti fiduciosi,
    per tanto tempo lontani dalla tua vita
    ma mai assenti dal tuo cuore.

    Allora attraverserete, insieme. Il Ponte dell'Arcobaleno………

    Il cagnolino di casa.

    Mi chiamo Lucky

    Alla mia amica

    Se un giorno ti venisse voglia di piangere...Chiamami. Non prometto di farti ridere,ma potrei piangere con te...Se un giorno tu decidessi di scappare,non esitare a chiamarmi. Non prometto di chiederti di restare,ma potrei scappare con te. Se un giorno ti venisse voglia di non parlare con nessuno...Chiamami.In quel momento prometto di starmene zitto. Ma...Se un giorno tu mi chiamassi e non rispondessi...Vienimi incontro di corsa...Forse ho bisogno di te.

    TU PUOI

    Dio solo può dare la fede, tu però puoi dare la tua testimonianza.
    Dio solo può dare la speranza, tu però puoi infondere fiducia ai tuoi fratelli.
    Dio solo può dare l'amore, tu però puoi insegnare all'altro ad amare.
    Dio solo può dare la pace, tu però puoi seminare l'unione.
    Dio solo può dare la forza, tu però puoi dare sostegno ad uno scoraggiato.
    Dio solo è la via, tu però puoi indicarla agli altri.
    Dio solo è la luce, tu però puoi farla brillare a tutti.
    Dio solo è la vita, tu però puoi far rinascere negli altri il desiderio di vivere.
    Dio solo basta a se stesso, egli però preferisce contare su di te. 

    Il castello del mio paese

    IL PANE

                           IL PANE
    Quando mangi il pane,
    non usare soltanto la bocca...
    "mangialo" anche con la mente;
    pensa al grano di cui è fatto,
    alla terra che lo ha fatto nascere,
    al sole che lo ha nutrito,
    all'acqua che lo ha bagnato,
    al fuoco che lo ha cotto...
    ... e "mangerai" insieme al pane:
    la terra che ti ha generato,
    il sole che ti fa vivere,
    l'acqua che ti disseta,
    il fuoco che ti riscalda.
    Il pane non è soltanto l'elemento
    che ti permette di sopravvivere.
    Lo mangi con la bocca
    metti in comunicazione il tuo corpo
    con la materia di cui è fatta la terra,
    ma se lo mangi anche con la mente,
    metti in comunicazione la tua anima
    con l'anima dell'universo.

    , , , , , , , , , , , , ,